Ricci: "Giù le tasse, partirò con l'Irap"

Claudio Ricci

Regionali

Ricci: "Giù le tasse, partirò con l'Irap"

29.09.2019 - 23:20

0

Claudio Ricci ha ufficializzato la sua decisione di scendere in campo già nel gennaio 2018.
Aveva per caso intuito che la legislatura sarebbe finita prima del previsto? 
Più che altro sono stato spinto dalla consapevolezza che mettere in piedi tre liste di “ricostruzione civile” necessita di un lungo percorso organizzativo. In questo anno e mezzo abbiamo svolto un ampio lavoro con trenta incontri tematici e di formazione a cui, ogni volta, hanno partecipato dalle 150 alle 200 persone. La rete dei nostri referenti, nel territorio, ha superato le 500 unità. 
E’ ancora convinto di avere fatto bene a non correre con il centrodestra?
Sono totalmente convinto. E per diversi motivi. Io mi sono sempre posizionato in un quadro di centro moderato. La mia prima candidatura risale al 1994-1995 all’interno della lista “Proposta per Marsciano” coordinata da Giovanni Marcacci. Poi mi sono mosso tra la Democrazia cristiana, Forza Italia e Partito delle Libertà. Nel 2011-2012, quando ritenevo ci fossero le condizioni per un forte partito moderato di centro, ho iniziato a costruire un ampio quadro civico che ho poi proposto nelle elezioni del 2015. I risultati ottenuti furono definiti quasi un miracolo. Ora ritengo che i tempi siano ancora più maturi.
Qual è la prima cosa che farebbe appena insediato a palazzo Donini?
Ho un grande vantaggio sugli altri candidati alla presidenza della giunta regionale e cioè una larga esperienza amministrativa sia nel settore pubblico che privato. E questo fa sì che il giorno dopo essere eletto possa iniziare subito a lavorare senza dover sacrificare prima del tempo per imparare. Una delle primissime misure sarà la riduzione delle tasse e in particolare dell’Irap, l’imposta regionale attività produttive. Parlo con cognizione di causa perché quando ero sindaco di Assisi sono riuscito a portare l’Irpef a zero per tutte le categorie senza imporre la tassa di soggiorno.
I soldi dove si trovano?
Semplicemente riducendo sprechi e inefficienze, puntando sulla semplificazione e utilizzando al meglio le opportunità europee. Ciò permetterebbe di avere dai 50 ai 100 milioni di più, all’anno, da utilizzare per sviluppo e altri posti di lavoro. Bastano tre milioni per coofinanziare nuove linee aeree puntando su compagnie solide, con un investimento di altri tre milioni si potrebbero sviluppare in Umbria i servizi a media alta velocità con il Frecciarossa in modo da connettere le principali città, a partire da Perugia e Terni ma toccando anche Spoleto, Foligno e Assisi. Per Orvieto, dove è già presente la linea alta velocità, basterebbe qualche fermata in più, anche per i pendolari. Spostandoci sulla sanità, le quattro direzioni devono essere sempre più connesse e gli acquisti vanno centralizzati per risparmiare e rinvestire. Bisogna lavorare sul territorio e quindi investire nei 1.200 medici di medicina generale, nelle farmacie, nei distretti, nelle case salute, nelle Rsa.
A proposito di sanità. Dopo quanto venuto fuori con l’inchiesta dei concorsi pilotati, sono in molti a chiedere che resti fuori dalla politica. Lei che ne pensa?
Non serve tenere fuori la politica ma serve una buona politica, una buona amministrazione. Nell’azienda ospedaliera di Perugia, su cento persone che arrivano al pronto soccorso solo 27 vengono ricoverate. Si tratta di attuare una buona gestione del bene pubblico, insomma. Anche l’istituzione del fascicolo sanitario elettronico rientra in questa ottica.
A tre anni dal terremoto, la ricostruzione è ancora al palo. Cosa fare?
Parlo con cognizione di causa perché da sindaco di Assisi ho già seguito la ricostruzione seguita al terremoto del 1997 in Umbria-Marche. Sono necessarie molte più risorse per cassa, maggiore semplificazione e autocertificazione, più poteri locali a Comuni e Regione, nonché un Piano di sviluppo della Valnerina che accompagni la ricostruzione.

Catia Turrioni

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Berlusconi: "Umbria, rimediare allo sfascio"
Elezioni regionali

Berlusconi: "Umbria, rimediare allo sfascio"

Silvio Berlusconi, in Umbria per gli ultimi giorni della campagna elettorale delle regionali, manda un messaggio agli elettori umbri e poi commenta il titolo di prima pagina del Corriere dell'Umbria di mercoledì 23 ottobre (LEGGI). La nostra Cristiana Costantini ha avvicinato Berlusconi ad Assisi.

 
Innovazione e tecnologia applicate all'universo della metalmeccanica
L'Umbria che eccelle

Innovazione e tecnologia applicate all'universo della metalmeccanica

Da oltre mezzo secolo la Bisonni s.r.l. di Terni svolge la sua attività nel campo della metalmeccanica e realizza, con macchinari tecnologicamente avanzati, componenti per il settore siderurgico, elettrico, chimico e alimentare. Di recente si è anche specializzata nella lavorazione della grafite – considerata materiale del futuro – con la 3B New Technology, giovane azienda che fa sempre capo alla ...

 
Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge"

Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge"

(Agenzia Vista) Roma, 23 ottobre 2019 Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge" Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi al termine della sua audizione al Copasir: "Avverto una grande responsabilità, che qualcuno rappresenta come un potere, sull'intelligence. Cerco di interpretare questo compito nel rispetto della legge: la responsabilità ...

 
Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Perugia

Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Encuentro trasloca. Il festival della letteratura in lingua spagnola lascia il centro di Perugia e si trasferisce a Isola Polvese. Non solo, le date si spostano da maggio a ...

21.10.2019

Sculture a tema, le quattro opere  realizzate

Eurochocolate

Sculture a tema, le quattro opere realizzate

Un grande grifo con un bottone tra gli artigli è la monumentale scultura realizzata da Stefano Chiacchella. Un bottone che diventa rosone nell’opera di Massimo Arzilli o che ...

20.10.2019

Traffico rivoluzionatoper don Matteo

Spoleto

Traffico rivoluzionato
per don Matteo

Ultime due settimane di permanenza a Spoleto per il cast di Don Matteo 12. Le riprese nella città del Festival, che in questi giorni di metà ottobre sta ospitando numerosi ...

19.10.2019