Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

I comitati: "La ricostruzione non è mai partita"Conte: "Dal nuovo governo massima attenzione"

Mauro Barzagna
  • a
  • a
  • a

"La convocazione di Conte ci ha riempito di orgoglio, anche per il riconoscimento dato all'attività dei comitati sul territorio. È stata una riunione lunga e proficua: noi abbiamo più volte evidenziato le problematiche per questa ricostruzione post sisma che di fatto non c'è e non è mai partita". Così Roberto Micheli del Coordinamento dei comitati terremoto del Centro Italia - che coinvolge 114 comitati nati in Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo dopo il sisma nel 2016 - al termine dell'incontro che si è tenuto questa mattina alla Camera con il premier incaricato Giuseppe Conte. "Abbiamo chiesto anche una cosa che chiediamo da tempo, ovvero una sorta di rivisitazione del cratere, secondo la distinzione tra i danni: le fasce più colpite dovrebbero avere una corsia preferenziale, senza escludere ovviamente anche chi è stato colpito in maniera minore", ha aggiunto. Sempre Micheli ha riferito di una garanzia ricevuta da Conte. "Ci ha detto che se il governo va in porto" ci sarà l'attenzione alle regioni del Centro Italia colpite dal terremoto e "l'impegno alla ricostruzione materiale ed economica".