Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Papa Francesco ad Assisi nell'Anno Santo: "Siamo fiduciosi"

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

“E' un Giubileo che ci tocca in modo speciale e specifico per San Francesco, grande testimone della Misericordia": così il vescovo di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino, monsignor Domenico Sorrentino, ha esordito nel presentare all'Istituto Serafico il  ricco programma di iniziative e di eventi in occasione dell'Anno Santo della Misericordia. L'Anno Santo potrebbe vedere Papa Francesco ad Assisi: “Lo abbiamo invitato  - ha detto monsignor Sorrentino –  e siamo fiduciosi che possa accogliere la nostra richiesta”. Padre Mauro Gambetti, custode del Sacro convento si è soffermato sul tema dell'accoglienza: “stiamo cercando di rendere la nostra comunità più accogliente e adeguata poiché chi viene ad Assisi viene per una ragione del cuore. Ecco perché anche nella nostra fraternità sono arrivati due frati provenienti dall'Africa e spero che vengano pellegrini da questa terra in vista di questa migliore e più adeguata accoglienza”. Padre Rosario Gugliotta ha sottolineato invece il percorso che anche i frati hanno iniziato per vivere appieno questo giubileo. “E' un'occasione anche per noi, non  dobbiamo rimanere fuori. Ci siamo messi in cammino per creare un clima di comunione più profonda. Vogliamo crescere nella comunione tra di noi per testimoniarla anche a chi arriva in Assisi. La Porta santa a Santa Maria degli Angeli è la Porziuncola, con la sua connotazione mariana. Sono otto secoli che chi varca quella porta fa esperienza della Misericordia di Dio”. Dal punto di vista operativo e in vista dell'VIII centenario del Perdono padre Gugliotta ha ricordato che la comunità dei frati si sta organizzando “per rinforzare la propria presenza e venire incontro in maniera migliore alle richieste che arriveranno dai pellegrini”.