Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sub morti alle Formiche, gli indagati spingono per il rito abbreviato

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Venerdì è il giorno dell'udienza preliminare. Quello che dovrà portare alla svolta nel procedimento a carico dei tre indagati per la strage al largo delle isole Formiche. In cui persero la vita, in quel maledetto 10 agosto del 2014, i tre sub umbri Fabio Giaimo, Gianluca Trevani ed Enrico Cioli. E tra inevitabili scontri a colpi di perizia si dovrà arrivare ad un primo verdetto. Ma non si esclude che alcune difese possano optare per il rito abbreviato, anche se su questo punto nessuno vuole sbilanciarsi. I familiari delle vittime saranno presenti nell'aula del tribunale di Grosseto. Con il loro immenso carico di dolore. E non mancherà nemmeno Marco Barbacci, il sopravvissuto di quella giornata in mare. Tutti hanno deciso di costituirsi parte civile contro Andrea Montrone, titolare del diving finito nella bufera, Maurizio Agnaletti, suo stretto collaboratore e Daniela Lucciola, moglie di Montrone.