Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calendimaggio: ecco la giuria

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Cinzia TH Torrini per lo spettacolo, Lorenzo Donati per le musiche, Tommaso di Carpegna Falconieri per la ricostruzione storica: sono questi i nomi che decreteranno la Parte vincente del Calendimaggio 2015. “Speriamo di aver fatto un buon lavoro, il compito del presidente è gravoso e sono stati - da novembre - mesi di accurata ricerca”, ha detto tra l'altro il presidente dell'Ente Calendimaggio Paolo Scilipoti, assai applaudito quando ha annunciato i tre nomi. Questi i curriculum dei giurati: Cinzia TH Torrini nome d'arte di Cinzia Torrini è una regista e sceneggiatrice. Si diploma a Monaco di Baviera alla Hochschule Fuer Film und Fernsehen. Debutta alla Mostra di Venezia nel 1982 con "Giocare d'azzardo". Giovanissima dirige nel 1986 "Hotel Colonial", mentre nel 1993 comincia a occuparsi di tv con "L'aquila della notte" con Elena Sofia Ricci, con cui vince il premio per la regia a Umbria Fiction. Nel 2000 fa la sua prima esperienza di film in costume dirigendo "Piccolo mondo antico" in due puntate per Mediatrade cui segue nel 2003 "Elisa di Rivombrosa" in 26 puntate da 50' per Canale 5 che ottiene tanto successo da meritare un sequel in onda nel 2005. Lorenzo Donati è un compositore, direttore e violinista ha studiato ad Arezzo e Firenze, ha frequentando corsi presso la Scuola di Musica di Fiesole e l'Accademia Chigiana di Siena, studiando tra gli altri con C. Togni, E. Morricone, R. Pezzati, P. Dusapin. Come direttore si è diplomato al Corso Triennale e successivamente al Master Annuale di Perfezionamento della Fondazione “G. d'Arezzo”. Svolge intensa attività concertistica con l'Insieme Vocale Vox Cordis, l'Hesperimenta Vocal Ensemble di Arezzo e Vocalia Consort di Roma. Con questi gruppi ha vinto vari primi premi e premi speciali in concorsi nazionali ed internazionali, mentre nel 2007 ha vinto i due primi premi del Concorso Internazionale per Direttori di Coro “Mariele Ventre” di Bologna. Tommaso di Carpegna Falconieri è è laureato in Lettere alla Sapienza, dottore di ricerca alla Cattolica di Milano, è ricercatore confermato e docente di Storia medievale a Urbino. Le sue ricerche vertono prevalentemente sulla Storia di Roma, della Chiesa romana e dell'Italia centrale. Inoltre indaga il tema generale della testimonianza storica, sopratutto in relazione al falso e all'impostura. Attualmente si occupa dell'uso dell'idea di medioevo nella cultura politica contemporanea. E' membro di numerose società storiche e ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui un Premio alla cultura della Presidenza del Consiglio dei ministri (2003).