Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'umbro Michele Di Rocco all'assalto del Mondiale

A destra il pugile umbro Michele Di Rocco

Maria Moroni
  • a
  • a
  • a

Dopo un'ottima attività dilettantistica conclusa con la partecipazione alle Olimpiadi di Atene nel 2004, sono ben 12 anni che Michele Di Rocco (40-1-1) combatte tra i professionisti ed ora, tra titoli italiani, europei, titoli internazionali mondiali e varie difese per cui ha combattuto, per the King è arrivato il match più importante della sua carriera sportiva, quello della vita: la conquista del vacante titolo mondiale Wba dei superleggeri contro lo scozzese Ricky Burns (39-5-1) che si svolgerà sabato 28 maggio a Glasgow (Scozia) presso la SSE Hydro Arena. Davanti a qualcosa come 13mila spettatori (questa è la capienza del palazzetto scozzese) il trentaquattrenne umbro è pronto per dar vita ad un match spettacolare ma soprattutto a vincere il titolo iridato. Cosa si aspetta da questa match? “In questi giorni, immagino un grande incontro, di quelli che è difficile da dimenticare. Ho una preparazione atletica per affrontare tutte e dodici le riprese e il cazzotto forte per farlo terminare prima. La qualità di questo incontro è alta perché anche il trentatreenne Burns è un pugile quotato a livello mondiale. Dovremo sudare entrambi”. A “The King” non impensierisce affatto il grande pubblico che sarà tifoso di Burns, anzi il tifo avversario è da sempre una spinta in più per far meglio. Articolo completo nel Corriere dell'Umbria di sabato 28 maggio (CLICCA QUI)