Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus: sindaco Pavia, 'insistere su zone rosse è scelta di morte'

default_image

  • a
  • a
  • a

Milano, 15 gen. (Adnkronos) - "Capisco benissimo la necessità di frenare i contagi, ma come ho detto più volte: il lavoro è vita esattamente come la salute. Qui si tratta di sopravvivere, non so se a Roma se ne rendono conto". E' quanto sottolinea il sindaco di Pavia, Mario Fabrizio Fracassi, dopo la decisione del Governo di mettere la Lombardia tra le nuove zone rosse. "Giustissimi le mascherine, il distanziamento e tutte le regole igienico-sanitarie. Giustissimo aumentare i controlli. Ma insistere sulle zone rosse, a lungo andare, è una scelta di morte", aggiunge il leghista.

"Ho letto che il mio collega di Bergamo, Gori, ha chiesto ancora una volta di togliere il suo territorio dalla lista delle zone rosse. Io non credo che la strada corretta sia quella di chiedere delle eccezioni per pochi, è proprio il meccanismo delle chiusure a dover essere messo in discussione. Per tutti”, argomenta.

Il suo ragionamento è questo: "Se qualcuno non ha lo stipendio fisso, è costretto dalla legge a chiudere l'attività, non ha introiti per quasi un anno e non sa quando potrà tornare ad averli, cosa deve fare? È una domanda seria. Prima o poi i risparmi finiscono. E se non ci sono ristori adeguati da parte dello Stato - e sappiamo tutti che i ristori coprono solo una minima parte dei mancati guadagni - che fa? Deve accettare di morire di fame?". E ancora: "Al presidente del Consiglio e al ministro Speranza chiedo di mettersi al posto di queste persone, di queste famiglie".