OGR, l'arte come pratica in dialogo e come costante cambiamento

A Torino la mostra su Ramin e Rokni Haerizadeh e Hesam Rahmanian

13.07.2018 - 14:00

0

Torino (askanews) - Un collettivo artistico in costante dialogo, sia al proprio interno sia verso l'esterno, che propone una pratica aperta, che parte dagli oggetti comuni per arrivare a nuove forme di contenuto. Alle Officine Grandi Riparazioni di Torino è stata inaugurata la mostra "Forgive me, distant wars, for bringing flowers home", dedicata al lavoro di Ramin Haerizadeh, Rokni Haerizadeh e Hesam Rahmanian, artisti di origine iraniana ora attivi a Dubai.

"Noi siamo in tre - ha spiegato ad askanews Rokni Haerizadeh - e ciascuno di noi ha dei momenti individuali: poi ci confrontiamo e si prende una direzione. A noi piace coinvolgere anche altre persone, talvolta sono artisti, talvolta sono solo delle persone che invitiamo a prendere parte alla nostra pratica. Vale anche per il pubblico, spesso vogliamo che sia attivo e che svolga un ruolo principale".

La filosofia del gruppo è ben riassunta in questa postura iniziale, che poi si declina attraverso diverse tipologie di lavoro e diversi esiti, che negli ampi spazi delle OGR è possibile scoprire: dal video alla scultura, dagli oggetti trovati agli interventi pittorici su fotografie di attualità. E questi più piccoli pezzi, apparentemente meno maestosi di altri grandi lavori, sono però carichi di intensità.

"Le immagini nei nostri giorni - ha aggiunto Ramin Haerizadeh - invadono continuamente la nostra privacy e questo per noi è una buona materia prima per cominciare a giocare. Una che potremmo chiamare una nostra strategia, è quella di creare una distanza rispetto all'immagine reale, e lo facciamo dipingendoci sopra. In questo modo la pittura diventa una sorta di intermediario tra lo spettatore e l'immagine o l'evento che questa descrive. E' la tecnica dell'alienazione, che Brecht ha portato nel teatro: prendendo le distanze è possibile dare allo spettatore una sorta di contesto nel quale lui può decidere cosa pensare, non siamo noi a forzarlo".

La realtà che fa da sfondo a tutti i lavori del trio viene usata come materia prima, viene opacizzata, per arrivare poi a quel livello di chiarezza artistica che, quando funziona, diventa semplicemente scoperta, evidenza. Ma un'altra caratteristica del lavoro dei tre artisti è la costante messa in discussione, non solo degli approcci, ma perfino delle stesse opere.

"I cambiamenti - ha concluso Hesam Rahmanian - succedono di continuo, quando abbiamo cominciato a scoprire questo spazio i pensieri e le cose si sono messi in movimento. In genere nella nostra pratica, e per esempio nello specifico di questa mostra, quando un'esposizione finisce noi non pensiamo mai di avere fatto un capolavoro che non deve più essere modificato, noi cominciamo a immaginare come cambiarlo continuamente. Molti dei pezzi in mostra erano già stati esposti, ma qui ora sono diversi, li abbiamo modificati. E' un processo".

Un processo che si svela di continuo, anzi un processo che è la pratica. Forse questo è il punto di sintesi cui si può arrivare pensando a una mostra comunque complessa. Curata da Abaseh Mirvali, resta aperta al pubblico a Torino fino al 30 settembre.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mentana parla del suo giornale online: "I soldi ce li metto io, è un progetto su cui scommetto"

Mentana parla del suo giornale online: "I soldi ce li metto io, è un progetto su cui scommetto"

(Agenzia Vista) Milano, 19 luglio 2018 "Qui stiamo parlando di un progetto in cui scommetto i miei soldi e il primo riflesso giornalistico è chiedere dov'è l'inghippo". Lo ha detto il direttore del Tg La7 Enrico Mentana a Milano durante un suo intervento al Campus Party rispondendo alle domande dei giornalisti sul suo nuovo giornale online Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista....

 
Mentana parla del suo giornale online: "Cairo non sarà l'editore"

Mentana parla del suo giornale online: "Cairo non sarà l'editore"

(Agenzia Vista) Milano, 19 luglio 2018 "Cairo mi accompagnerà ma non sarà l'editore, come si chiamerà il giornale? Non lo so". Lo ha detto il direttore del Tg La7 Enrico Mentana a Milano durante un suo intervento al Campus Party rispondendo alle domande dei giornalisti sul suo nuovo giornale online Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Mentana parla del suo giornale online: "Sarà fatto dai giovani per i giovani"

Mentana parla del suo giornale online: "Sarà fatto dai giovani per i giovani"

(Agenzia Vista) Milano, 19 luglio 2018 "Anche nel giornalismo servono atti di coraggio per questo ho lanciato l'idea di fare un giornale sui giovani perché solo un giornale online fatto dai giovani e per i giovani. Chi ha il diritto di parola sono grandi e vecchi e non esiste un dibattito tra i giovani". Lo ha detto il direttore del Tg La7 Enrico Mentana a Milano durante un suo intervento al ...

 
Ventennale Polizia Postale, Gabrielli: "E' stata una grande intuizione"

Ventennale Polizia Postale, Gabrielli: "E' stata una grande intuizione"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 Ventennale Polizia Postale, Gabrielli: "E' stata una grande intuizione" A Roma, presso la “Lanterna” di Fuksas, la Polizia di Stato celebra il ventesimo anniversario dell’istituzione del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni con una manifestazione alla presenza delle più alte cariche istituzionali e del capo della Polizia prefetto Franco Gabrielli ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018