RoboCup Junior 2018: sfida hi-tech tra inventori in erba

Alla finale nazionale di Trento mille partecipanti per 180 team

16.04.2018 - 18:30

0

Trento (askanews) - Una gara nazionale per costruire nei ragazzi la consapevolezza di come l'innovazione possa migliorare il nostro futuro: è la Trento RoboCup Junior 2018, che ha visto sfidarsi a colpi di tecnologia le macchine robotizzate inventate e guidate da un migliaio di ragazzi tra 10 e 19 anni. "Si usa lo strumento della competizione per attirare gli studenti ad imparare la robotica e l'intelligenza artificiale in maniera divertente - dice Luca Iocchi professore associato Ingegneria Informatica dell'Univiversità "La Sapienza" di Roma - La competizione aggiunge alla componente educativa dell'attività anche la necessità di imparare skills trasversali come lavorare in gruppo, competere con avversari, rispettare le dead-line, rispettare le regole e ovviamente imparare a vincere e imparare a peerdere".

I vincitori della sfida nazionale che si è svolta al Polo Espositivo Trento Expo rappresenteranno poi l'Italia ai mondiali di Montreal a metà giugno.

Per alzare la coppa, i robot ideati dai ragazzi avevano una mission molto concreta da realizzare: "Si immagina che il robot debba muoversi in uno scenario catastrofico per poter trovare dispersi o vittime e portale in salvo - spiega Tommaso Scarano docente di Robotica educativa all'ITC Tambosi di Trento - E chiaramente il principio è distinguere e salvare prima i vivi e poi le persone che non sono sopravvissute, che non ce l'hanno fatta".

Sfide tra giovani cervelli, dunque, che però nascondono un obiettivo a lungo termine e che hanno un significato ben più profondo rispetto alla semplice competizione. "Sicuramente avremo dei ragazzi più preparati e più tranquilli nell'affrontare il passaggio all'età adulta - conclude Livia Ferrario, dirigente della Provincia Autonoma di Trento, dipartimento "Conoscenza" - perché avranno un bagaglio di conoscenze e di capacità di aderire ad un mondo che cambia molto velocemente, e avranno anche degli strumenti di cittadinanza globale che consentirà loro di vivere in uno spazio che è molto più ampio di quello provinciale".

A sfidarsi sono stati studenti e docenti, provenienti da 260 scuole delle diverse regioni italiane, suddivsi in 180 team.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Economia

Coripet, obiettivo raccolta bottiglie in pet del 90% nel medio termine

Con la definizione delle cariche sociali di Coripet prende pienamente il via l’attività del consorzio formato da cinque aziende produttrici di acque minerali e bevande analcoliche (Acque Minerali d’Italia, Ferrarelle, Lete, Gruppo Sanpellegrino e Drink Cup, che insieme rappresentano circa il 35% del mercato a valore delle acque minerali in Italia) e tre aziende di riciclo di Pet (Aliplast, Dentis ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018