I Giammarresi tornano in tv. Pif: smitizziamo il mito della mafia

"La mafia uccide solo d'estate 2" in onda dal 26 aprile su Rai1.

16.04.2018 - 17:30

0

Roma (askanews) - La famiglia Giammarresi torna in tv con il secondo capitolo de "La mafia uccide solo d'estate", la fiction nata da un idea di Pif, in onda dal 26 aprile su Rai1. Nella Palermo del 1979 i componenti della famiglia Giammarresi devono vedersela con problemi quotidiani e scelte morali più complicate, mentre intorno Cosa Nostra alza il tiro e condanna a morte gli uomini delle istituzioni, tra cui il giudice Terranova e il Presidente della Regione Piersanti Mattarella. Proprio in lui il capofamiglia interpretato da Claudio Gioè aveva riposto molte speranze, mentre la moglie, interpretata da Anna Foglietta, ottiene una cattedra a scuola grazie all'intervento, poco limpido, del fratello, Francesco Scianna.

Il tono da commedia mentre si rievocano fatti cruciali del Paese è l'ingrediente principale del successo della serie. "Non è soltanto una soddisfazione professionale riuscire a fare una serie così, è proprio un'arma vera e propria: smitizziamo il mito della mafia".

Nella serie si vede come, al di là della violenza dei boss, una mentalità doveva essere sconfitta. "Dobbiamo iniziare a pensare che se la mafia esiste è perché in qualche modo noi lo vogliamo. Una delle cose che la mafia vuole è che si riconosca il suo potere. E noi con piccoli compromessi quotidiani facciamo esattamente quello".

Come nel suo film anche qui c'è un ragazzino, interpretato da Eduardo Buscetta, che racconta le vicende di quegli anni di tensione in Sicilia. Per Pif però oggi la situazione sta cambiando. "Che le cose stiano cambiando è un dato di fatto, poi che stiano cambiando lentamente, che stiamo pagando un prezzo altissimo, non ci sono dubbi, però noi abbiamo girato il film senza pagare il pizzo,

cosa che non è così normale a Palermo. Abbiamo girato la prima serie e non abbiamo pagato il pizzo, la seconda serie e non abbiamo pagato il pizzo.Se noi cresciamo in un Paese dove l'educazione numero uno è 'tanto le cose non cambiano', la terra del Gattopardo, basta, che due c. Basta, bambiamo libro!".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Economia

Coripet, obiettivo raccolta bottiglie in pet del 90% nel medio termine

Con la definizione delle cariche sociali di Coripet prende pienamente il via l’attività del consorzio formato da cinque aziende produttrici di acque minerali e bevande analcoliche (Acque Minerali d’Italia, Ferrarelle, Lete, Gruppo Sanpellegrino e Drink Cup, che insieme rappresentano circa il 35% del mercato a valore delle acque minerali in Italia) e tre aziende di riciclo di Pet (Aliplast, Dentis ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018