Alcoa, dalla protesta del 2009 all'acquisizione di Sider Alloys

Forresu (Fiom Cgil Sulcis): subito un tavolo per decidere futuro

15.02.2018 - 19:00

0

Milano, (askanews) - Il video di rivendicazione degli operai con il viso nascosto da un passamontagna fu il simbolo della protesta contro la sospensione dell'attività dello stabilimento Alcoa di Portovesme, nel Sulcis Iglesiente, zona sud ovest della Sardegna. Era il novembre 2009 e i lavoratori avevano occupato la fabbrica, al centro di una lunga e tormentata crisi industriale e occupazionale in una delle zone economicamente più in difficoltà della Sardegna e non solo. A marzo 2012 la multinazionale annunciò l'interruzione della produzione di alluminio e la volontà di trovare un compratore, completando a novembre lo spegnimento dell'impianto. A dicembre 2014 i lavoratori furono collocati in mobilità, 3 anni dopo è arrivato l'accordo di programma tra ministero dello Sviluppo economico, Regione Sardegna e Invitalia funzionale al contratto di sviluppo proposto dalla società svizzera Sider Alloys per il rilancio del sito, con trasferimento della proprietà il 15 febbraio. Abbiamo sentito al telefono Roberto Forresu, segretario generale della Fiom Cgil del Sulcis Iglesiente.

"Questo ci vede moderatamente soddisfatti, ora c'è da mettere in campo gli incontri sindacali richiesti da noi in diverse circostanze per conoscere il piano industriale dell'azienda, quali investimenti dovrà fare e in che modo intende modificare o migliorare le condizioni dello stabilimento e conoscere nel dettaglio le successive assunzioni prima di arrivare alla marcia dello stabilimento che ci auguriamo rispetti lo standard precedente, una costante produzione intorno alle 150mila tonnellate annuo di alluminio inserito nel mercato".

Il 30 giugno scadono oltre 500 domande di mobilità in deroga per i lavoratori Alcoa: quelli interessati al momento del blocco dello stabilimento erano 501, più 387 coinvolti negli appalti. L'azienda finora ha parlato della necessità di 376 lavoratori diretti e 70 degli appalti. I sindacati chiedono ora di entrare nel merito della discussione per la ripartenza e la riassunzione dei lavoratori.

"Bisogna sedersi al tavolo nel più breve tempo possibile per dialogare con aziende e istituzioni nazionali e regionali per garantire i lavoratori, l'occupazione, la continuità sino alla marcia dello stabilimento e le prospettive di ripartenza".

I nuovi proprietari hanno parlato di oltre due anni per riport l'Alcoa in marcia a regime, i sindacati contano di accorciare i tempi data anche la condizione del territorio che interessa anche la centrale Enel di Portovesme e la fabbrica Eurallumina che produce ossido di alluminio. Dal 2012 i lavoratori hanno tenuto un presidio costante dello stabilimento.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gasparri: non capoisco che problema sia Savona per Mattarella
Il senatore di Forza Italia

Gasparri: non capoisco che problema sia Savona per Mattarella

aurizio Gasparri, senatore responsabile degli enti locali per Forza Italia, ieri era in tour elettorale in Umbria, ed è venuto al gruppo Corriere scambiando qualche opinione su quel che sta accadendo nella capitale, con il tentativo di formare il governo (che gli azzurri avverseranno) impantanato sulla nomina di Paolo Savona all'Economia. Sorride Gasparri “per l'ironia del momento politico”. E ...

 
Fallico: il business internazionale è stanco di sanzioni a Russia

Fallico: il business internazionale è stanco di sanzioni a Russia

San Pietroburgo, (askanews) - L'edizione 2018 del Forum di San Pietroburgo ha dimostrato che il business e le aziende sono sempre più insofferenti nei confronti del regime di sanzioni contro la Russia: ne è convinto Antonio Fallico, presidente dell'Associazione Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia. "Questo forum ha registrato ufficialmente più di 22.000 persone che provengono da 100 paesi. ...

 
Due Mondi tra realtà e sogno

Tutte le star del festival

Due Mondi tra realtà e sogno

Il Minotauro sarà l'opera inaugurale della 61esima edizione del festival dei Due Mondi. Il testo, ispirato al libro di Durrenmatt, è reso in musica della compositrice Silvia ...

25.05.2018

I My Mine presentano il nuovo album

I My Mine

Italo disco

I My Mine presentano il nuovo album

Venerdì 25 maggio i My Mine presenteranno al Mishima di Terni il nuovo album “83-18” che rappresenta il loro ritorno sulla scena della musica elettronica. La band simbolo ...

24.05.2018

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018