Catalogna, Madrid ritira mandato arresto europeo per Puigdemont

Il Belgio probabilmente avrebbe bocciato diversi capi d'accusa

06.12.2017 - 13:00

0

--- ripetizione con testo corretto ---

Roma, (askanews) - Nuovo colpo di scena nella complessa battaglia politico-giudiziaria fra lo Stato spagnolo e il fronte indipendentista in Catalogna: il giudice istruttore del Tribunale Supremo spagnolo Pablo Llarena ha deciso di ritirare il mandato d'arresto europeo

nei confronti dell'ex presidente catalano Carles Puigdemont e di

quattro dei suoi ex-ministri: Antonio Comìn, Lluìs Puig,

Meritxell Serret e Clara Ponsatì, che si trovano in Belgio, e ha

comunicato la sua decisione alle autorità belghe.

Formalmente Llarena ha motivato la sua inattesa decisione col fatto che i cinque indipendentisti hanno detto che torneranno in Spagna per partecipare alle elezioni regionali del 21 dicembre. Fonti giudiziarie hanno spiegato che in Spagna resta valido il mandato d'arresto nazionale e che i cinque verranno arrestati quando varcheranno il confine del Paese.

Il problema di fronte a cui si è trovata la giustizia di Madrid è che il Belgio avrebbe probabilmente respinto alcuni capi d'accusa contenuti nel mandato europeo chiesto dalla Spagna - in particolare quelli per "ribellione" e "sedizione", delitti in Belgio non perseguibili come tali - il che avrebbe costretto a ridimensionare le imputazioni contro Puigdemont e gli altri quattro ex ministri. Questo avrebbe creato una disparità con i restanti membri dell'ex governo catalano e leader della società civile che sono indagati in Spagna - di cui quattro sono tuttora in custodia cautelare in carcere.

Ma c'è anche un'altra lettura della decisione del giudice istruttore, in un processo che ha forti implicazioni politiche: dopo il referendum popolare e il voto del parlamento catalano sull'indipendenza, entrambi proibiti e dichiarati illegali da Madrid, il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy ha revocato il governo regionale catalano, sospendendo l'autonomia della Catalogna e ha indetto elezioni regionali anticipate per il 21 dicembre. Secondo il fronte indipendentista, che considera i leader detenuti in carcere come prigionieri politici, un diniego di estradizione da parte del Belgio avrebbe quindi rappresentato una sconfitta politica per l'esecutivo di Madrid, che appoggia partiti centralisti nelle prossime elezioni.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gasparri: non capoisco che problema sia Savona per Mattarella
Il senatore di Forza Italia

Gasparri: non capoisco che problema sia Savona per Mattarella

aurizio Gasparri, senatore responsabile degli enti locali per Forza Italia, ieri era in tour elettorale in Umbria, ed è venuto al gruppo Corriere scambiando qualche opinione su quel che sta accadendo nella capitale, con il tentativo di formare il governo (che gli azzurri avverseranno) impantanato sulla nomina di Paolo Savona all'Economia. Sorride Gasparri “per l'ironia del momento politico”. E ...

 
Fallico: il business internazionale è stanco di sanzioni a Russia

Fallico: il business internazionale è stanco di sanzioni a Russia

San Pietroburgo, (askanews) - L'edizione 2018 del Forum di San Pietroburgo ha dimostrato che il business e le aziende sono sempre più insofferenti nei confronti del regime di sanzioni contro la Russia: ne è convinto Antonio Fallico, presidente dell'Associazione Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia. "Questo forum ha registrato ufficialmente più di 22.000 persone che provengono da 100 paesi. ...

 
Due Mondi tra realtà e sogno

Tutte le star del festival

Due Mondi tra realtà e sogno

Il Minotauro sarà l'opera inaugurale della 61esima edizione del festival dei Due Mondi. Il testo, ispirato al libro di Durrenmatt, è reso in musica della compositrice Silvia ...

25.05.2018

I My Mine presentano il nuovo album

I My Mine

Italo disco

I My Mine presentano il nuovo album

Venerdì 25 maggio i My Mine presenteranno al Mishima di Terni il nuovo album “83-18” che rappresenta il loro ritorno sulla scena della musica elettronica. La band simbolo ...

24.05.2018

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018