Calcio e libertà: la sfida su un campetto delle donne palestinesi

In Cisgiordania lo sport piace sempre più

15.09.2017 - 15:00

0

Deir Jarir (askanews) - Un gruppo di donne in pantaloncini e maglietta si allena per una partita di calcio. Una scena banale nella maggior parte del mondo e sempre meno rara anche in un luogo complicato per le donne come la Cisgiordania, dove le palestinesi si devono confrontare con una tradizione religiosa rigida e con le difficoltà di vivere in un paese occupato. Dalla prima squadra nata nel 2009 il movimento calcistico femminile si è allargato e coinvolge circa 400 donne sopra i 14 anni.

"Amo il calcio, ne ho parlato ai miei genitori e mi hanno dato il loro permesso. Ora io gioco e loro sono felici", racconta Maysa Alaa, una ragazzina di Deir Jarir, dove le ragazze giocano con solo sei palloni in tutto, su un terreno duro e inadatto, con divise di seconda mano prese da una squadra maschile. Ma la loro allenatrice, e fondatrice della squadra, non si arrende. "All'inizio ero molto preoccupata, perché sono donne. Questo è un villaggio conservatore e abbiamo dovuto affrontare diversi problemi. Eppure appena ho messo l'annuncio, c'è stata una grande partecipazione da parte delle ragazze", racconta Rajaa Hamdan che si impegna ogni giorno per allenare le sue ragazze, tutte fra i 10 e i 14 anni, come Salma.

"Sono una donna e mi piace giocare a calcio come piace agli uomini. Noi giochiamo esattamente come loro".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018