Venezuela, Trump avverte: Usa non escludono un'opzione militare

Abbiamo truppe in tutto il mondo e Caracas è molto vicina

12.08.2017 - 13:30

0

Washington (askanews) - Doveva essere una presidenza isolazionista, ma quella di Donald Trump sembra allineata a ripercorre le strade, e gli errori, commessi dagli strateghi neocon dell'epoca Bush ipotizzando l'incubo peggiore per il Pentagono, quello di una guerra su due fronti. A voler dimenticare quello afgano.

Nel mezzo delle tensioni al calor bianco con la Corea del Nord che minaccia un'escalation drammatica, repentina e incontrollabile, il presidente Trump, nel corso di una conferenza stampa ha dichiarato che gli Stati Uniti non escludono un'opzione militare per rispondere alla sempre più grave crisi politica ed economica venezuelana.

"Per quanto riguarda il Venezuela, disponiamo di diverse opzioni. E infatti non escludo un'opzione militare. Non è lontano dai nostri confini. Abbiamo schierato truppe in tutto il mondo, anche in scenari molto distanti. Il Venezuela invece non è molto lontano e la gente sta soffrendo, molti stanno morendo. Se necessario possiamo utilizzare anche l'opzione militare. Sono per la pace e per la sicurezza ma a volte è necessario essere molto determinati per proteggere il popolo americano e i suoi alleati", ha concluso Trump.

In precedenza la Casa Bianca aveva diffuso un comunicato in cui si affermava che gli Stati Uniti sono a fianco della popolazione venezuelana di fronte alla repressione del governo del presidente Nicolas Maduro. Quanto a un possibile colloquio tra Trump e il capo dello Stato venezuelano, la Casa bianca ha dato la propria disponibilità ma solo quando nel paese sarà ristabilita la democrazia.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

A Barcellona le Festes de Gràcia continuano: "Vincere la paura"
VIDEO

A Barcellona le Festes de Gràcia continuano: "Vincere la paura"

Barcellona (askanews) 18 agosto 2017 - Quella delle feste rionali estive è una delle tradizioni più sentite di Barcellona, ed è stata travolta dall'attentato della Rambla, come tutta la vita della metropoli catalana. Nel quartiere di Gràcia quest'anno si celebra il 200mo anniversario delle "Festes" più antiche e scenografiche della città, che durano un'intera settimana e cominciano a Ferragosto. ...

 
Terrorismo, a Milano nuove barriere in centro e sui Navigli
IL VIDEO

Terrorismo, a Milano nuove barriere in centro e sui Navigli

Milano (askanews) 19 agosto 2017 - "Ci stiamo concentrando sulla zona del Duomo, della Galleria Vittorio Emanuele II e delle zone più visitate in questo momento, e stiamo facendo una verifica per rafforzare il posizionamento dei 'new jersey' in Darsena e sui Navigli". A Milano spuntano nuove barriere di cemento armato antiterrorismo per impedire l'accesso ai veicoli nelle zone pedonali più ...

 
I musulmani di Barcellona: "Ora noi soffriamo due volte"
IL VIDEO

I musulmani di Barcellona: "Ora noi soffriamo due volte"

Barcellona (askanews) - A nemmeno un chilometro dalla grande Rambla di Barcellona c'è un'altra Rambla, quella del Raval. Ma è una Rambla molto diversa: questo è il quartiere più "multietnico" di Barcellona e quello con la più alta concentrazione di musulmani del centro storico, con ben cinque piccole moschee. L'attacco sulla Rambla rivendicato dallo Stato islamico suscita sgomento, rabbia e ...

 
Alla Darsena il Duo Bucolico

Notte in pista

Alla Darsena il Duo Bucolico

Sabato, 19 agosto, sarà il caso di muoversi verso il Lago Trasimeno, come di consueto. Alla Darsena si fa sul serio: sul palco del locale di Castiglione del Lago si esibirà ...

18.08.2017

Ancora un disco "tiratissimo" per Olden

Novità discografiche

Ancora un disco "tiratissimo" per Olden

Ci sono voluti quasi tre mesi per metterci a parlare di questo disco, perché d’estate le cose da raccontare in provincia son tante. Ma finalmente eccoci qua, a dirvi che il ...

18.08.2017

Un direttore per il Teatro Stabile dell'Umbria

Il toto nome

Un direttore per il Teatro Stabile dell'Umbria

Il suo nome, Franco Ruggieri, (scritto subito sotto il logo del Teatro Stabile), è sparito dal depliant con il programma della Stagione di prosa 2017-2018 del teatro ...

18.08.2017