Marine Le Pen: il Front national chiederà il proporzionale

L'incognita dell'astensione e dell'opposizione extraparlamentare

19.06.2017 - 19:30

0

Milano, 19 giu. (askanews) - Con la speranza tutt'altro che peregrina di diventare il primo partito d'opposizione, in forza anche del 33,9% ottenuto grazie ai 10,6 milioni di voti raccolti al secondo turno delle presidenziali, Marine Le Pen è una delle grandi sconfitte delle elezioni politiche francesi. Anche se il Front national conquista otto seggi, al posto dei due del 2012.

Il sistema elettorale francese ha giocato la sua parte, dato che sembra fatto apposta per remare contro il suo partito che, non a caso, chiederà - con il già prevedibile successo - di passare dal maggioritario al proporzionale.

"Una delle prime cose che faremo" ha detto la leader del Front national, "sarà chiedere il sistema proporzionale perché non si può moralizzare la vita pubblica, come ho sentito dire dal governo, o ridare fiducia senza rivedere questa modalità di scrutinio che è una delle cause principali dell'astensione".

Quella dell'astensione è infatti una spada di Damocle che pesa non poco sul futuro della presidenza di Emmanuel Macron, nonostante la maggioranza bulgara e blindata alla Camera. Al primo turno, le stime davano al partito del presidente una maggioranza di 400-450 seggi sui 577 dell'Assemblea. Questo nonostante il voto a favore della République en Marche risultasse pari al 15% circa degli iscritti al voto. E al secondo turno l'astensione è ulteriormente peggiorata passando dal 51,29 % al 57,4%. È stato calcolato che, in media, i deputati sono stati eletti dal 22,4% degli aventi diritto.

E se il 57% dei francesi, per un motivo o per l'altro non ritiene utile partecipare alle elezioni, ciò rischia di spostare, pericolosamente, il confronto politico dalle aule parlamentari alle piazze. Anche per mancanza di rappresentanza.

Soprattutto quando si dovranno impostare le grandi politiche nazionali. Le forti turbolenze già causate al tempo della Loi Macron, varata dall'ex ministro dell'Economia di François Hollande, potrebbero riprendere nuovo vigore. Anche e soprattutto alla luce delle tensioni nazionali con l'Europa, della crisi economica globale, dei conflitti di politica estera e del terrorismo internazionale.

E allora tutte le opposizioni lontane dal centro potrebbero ritrovare nuova linfa. Anche quella del Front national.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Scuola, Anquap: sistema informatico da rinnovare, Ministero tace

Scuola, Anquap: sistema informatico da rinnovare, Ministero tace

Roma, (askanews) - "E' da anni che aspettiamo dal nostro ministero di riferimento dei servizi, una struttura informatica che possa facilitare il nostro lavoro. Siamo bombardati quotidianamente da una miriade di norme quasi schizofreniche. Non abbiamo un sistema informatico in grado di supportarci nelle difficoltà quotidiane del nostro lavoro". Lo ha spiegato il vicepresidente dell'Anquap, Marco ...

 
Nra all'attacco: "vergognosa politicizzazione della tragedia"

Nra all'attacco: "vergognosa politicizzazione della tragedia"

Roma, (askanews) - "Una vergognosa politicizzazione di una tragedia, la strategia classica da manuale di un movimento velenoso": Wayne LaPierre, il capo della potente lobby delle armi NRA, la National Rifle Association, si lancia contro il partito democratico accusandolo di strumentalizzare la tragedia della Florida. LaPierre ha parlato nel corso di un discorso a National Harbor in Maryland.

 
Scuola, Anquap: pronti a una dura lotta ma no sciopero

Scuola, Anquap: pronti a una dura lotta ma no sciopero

Roma, (askanews) - "Se il governo non deciderà di riaprire le trattative per un giusto riconoscimento sul piano normativo e retributivo, noi inizieremo una sequela di azioni sindacali protestative che potrebbero condurre anche al blocco degli uffici e alle dimissioni in bianco". Lo annuncia il presidente Anquap Giorgio Germani, a margine della "assemblea/manifestazione" che si è svolta a Roma in ...

 
Siria, nuovi raid sulla Ghouta orientale: uccisi 36 civili

Siria, nuovi raid sulla Ghouta orientale: uccisi 36 civili

Damasco (askanews) - Nuovo raid del regime siriano sulla Ghouta orientale, enclave a est di Damasco in mano ai ribelli e assediato dalle forze del regime di Bashar al-Assad che hanno lanciato un ennesimo attacco, uccidendo altri 36 civili. Medici Senza Frontiere ha dichiarato che 13 delle sue strutture in zona sono state danneggiate. Mentre la situazione si fa sempre più grave l'Onu chiede una ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018