Ambasciatore libico: sui migranti serve una prospettiva positiva

Ahmed Safar: "Bisogna cambiare la percezione sull'Africa"

18.05.2017 - 15:30

0

Roma, (askanews) - Il 25 maggio ricorre l'anniversario della Giornata per l'Africa. Cambiare la percezione dell'Africa in Italia è il tema proposto nel 2017 dagli ambasciatori dei paesi africani in una tavola rotonda in programma a Roma il 23 maggio. Abbiamo chiesto all'ambasciatore libico in Italia, Ahmed Safar, come cambiare questa percezione:

"In generale penso che quello che vogliamo dire su questo tema è che le percezioni negative riguardo il continente africano non debbano prevalere rispetto a quelle positive. Si parla di uno dei luoghi della terra con le maggiori potenzialità anche per futuri sviluppi. Il Continente africano è sempre stato oggetto di dibattito riguardo molte questioni. Ovviamente la principale è la stabilità economica e politica e le questioni riguardanti la sicurezza, anche in termini di riduzione della povertà - ha dichiarato - quindi è ora di cominciare a guardare in maniera positiva a quello che si può fare in Africa e come trattare i problemi africani".

"Questo è un cambio di percezione che è assolutamente necessario e dal quale discendono le appropriate politiche per lo sviluppo. Perché se si comincia a pensare all'Africa in termini positivi si penserà in termini positivi anche alle politiche da impiegare. In realtà, finora abbiamo considerato solamente gli aspetti negativi: l'immigrazione, la sicurezza, la povertà, eccetera; e questo è un circolo vizioso perché la politica si trova a trattare sempre con le conseguenze di punti di vista negativi", ha aggiunto.

Ma come si può lavorare per attirare risorse in Libia sotto forma di investimenti per lo sviluppo anche al fine di ridurre il flusso di migranti, che rappresenta un problema sia per l'Italia che per l'Europa?

"Questo è un classico esempio di come vogliamo cambiare la percezione. Noi guardiamo sempre ai problemi dell'immigrazione illegale come a questione di sicurezza e pensiamo solo a come bloccare il flusso dei migranti ma la vera questione è perché le persone vogliono attraversare il Mediterraneo rischiando le loro vite, le vite dei loro familiari e abbandonando tutto quello che hanno, abbandonando le loro case. Queste sono scelte non facili e a queste dobbiamo pensare - ha spiegato, rilanciando - E io penso che se mettiamo il problema nella prospettiva positiva, pensando cioè a cosa si può fare per l'Africa, al fine di consentire agli africani di rimanere nei loro paesi, allora il problema cambia radicalmente. Ci sono molti modi per gestire questo tema, in un sistema internazionale guidato da organizzazioni internazionali e al tempo stesso bisogna trovare le potenzialità inespresse del Continente".

"Le nazioni, gli individui, cosa possono fare veramente e cosa possiamo fare noi per potenziare quello che sanno veramente fare e per fargli avere davvero un futuro migliore. Non è solamente una questione economica o le necessità per lo sviluppo, ma anche aiutarli a trovare la loro vera identità all'interno del vario mosaico delle identità africane. E questo comporta anche la stabilità politica. Quello che i paesi più sviluppati possono fare è aprire alle potenzialità e alle opportunità dell'Africa, promuovendo e sostenendo un cammino di sviluppo", ha aggiunto.

All'inizio di maggio ad Abu Dhabi c'è stato incontro tra il premier libico Al Serraj e il generale Haftar, che per molti ha rappresentato una significativa svolta negli sforzi per risolvere la crisi libica. Si parla di un secondo incontro in questi giorni al Cairo per ratificare tali accordi. Cosa ci può dire di più in merito?

Per mettere le cose nella giusta prospettiva, l'incontro fra Serraj e Haftar svoltosi ad Abu Dhabi è molto più significativo in termini simbolici perché rappresenta i libici che si riuniscono, in un certo modo, per discutere come possiamo uscire al meglio dalla crisi che stiamo vivendo in questo momento. Non si è ancora concretizzato in una qualche forma tangibile, ma è un primo passo molto molto positivo. Il meeting successivo al Cairo è il secondo passo verso la possibilità che il popolo libico si riunisca insieme per trovare una soluzione ed eliminare gli ostacoli. E anche questo è un passo in avanti molto importante perché noi dobbiamo rompere il ghiaccio fra tutti gli attori libici per avere davvero un processo inclusivo di accordi e al tempo stesso concretizzare il precedente accordo del 2015, e per far questo abbiamo bisogno che tutti si siedano attorno a un tavolo. Al tempo stesso ci deve essere un processo giusto che possa garantire gli interessi di tutte le parti in causa".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Scuola, Anquap: sistema informatico da rinnovare, Ministero tace

Scuola, Anquap: sistema informatico da rinnovare, Ministero tace

Roma, (askanews) - "E' da anni che aspettiamo dal nostro ministero di riferimento dei servizi, una struttura informatica che possa facilitare il nostro lavoro. Siamo bombardati quotidianamente da una miriade di norme quasi schizofreniche. Non abbiamo un sistema informatico in grado di supportarci nelle difficoltà quotidiane del nostro lavoro". Lo ha spiegato il vicepresidente dell'Anquap, Marco ...

 
Nra all'attacco: "vergognosa politicizzazione della tragedia"

Nra all'attacco: "vergognosa politicizzazione della tragedia"

Roma, (askanews) - "Una vergognosa politicizzazione di una tragedia, la strategia classica da manuale di un movimento velenoso": Wayne LaPierre, il capo della potente lobby delle armi NRA, la National Rifle Association, si lancia contro il partito democratico accusandolo di strumentalizzare la tragedia della Florida. LaPierre ha parlato nel corso di un discorso a National Harbor in Maryland.

 
Scuola, Anquap: pronti a una dura lotta ma no sciopero

Scuola, Anquap: pronti a una dura lotta ma no sciopero

Roma, (askanews) - "Se il governo non deciderà di riaprire le trattative per un giusto riconoscimento sul piano normativo e retributivo, noi inizieremo una sequela di azioni sindacali protestative che potrebbero condurre anche al blocco degli uffici e alle dimissioni in bianco". Lo annuncia il presidente Anquap Giorgio Germani, a margine della "assemblea/manifestazione" che si è svolta a Roma in ...

 
Siria, nuovi raid sulla Ghouta orientale: uccisi 36 civili

Siria, nuovi raid sulla Ghouta orientale: uccisi 36 civili

Damasco (askanews) - Nuovo raid del regime siriano sulla Ghouta orientale, enclave a est di Damasco in mano ai ribelli e assediato dalle forze del regime di Bashar al-Assad che hanno lanciato un ennesimo attacco, uccidendo altri 36 civili. Medici Senza Frontiere ha dichiarato che 13 delle sue strutture in zona sono state danneggiate. Mentre la situazione si fa sempre più grave l'Onu chiede una ...

 
Scelti gli studenti più belli

Miss e mister 2018

Scelti gli studenti più belli

Un successo lo School Day gran finale 2018. Oltre 2000 le presenze: il pubblico degli istituti delle scuole superiori di Perugia e provincia in occasione del carnevale delle ...

19.02.2018

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

L'intervista

Con Montesano al Lyrick trionfa la romanità

C’è Enrico Montesano sabato 17 e domenica 18 febbraio al teatro Lyrick di Assisi nell'anteprima nazionale del “Conte Tacchia”, commedia in musica, rivisitazione del film del ...

17.02.2018

Arriva Sfera Ebbasta

L'appuntamento

Arriva Sfera Ebbasta

Il Centro Commerciale Collestrada è pronto per un evento d'eccezione: domenica 18 febbraio alle 17 salirà sul palco Sfera Ebbasta, in tour per promuovere "ROCKSTAR" il nuovo ...

17.02.2018