Giardini protagonisti in Costa Azzurra, tra tradizione e visione

Un festival internazionale li celebra verso un nuovo urbanesimo

21.04.2017 - 15:00

0

Nizza, (askanews) - Sole, stile, classe. Ma alla Costa Azzurra non basta essere riconosciuta come una delle mete vacanziere più in e chic del mondo, così va aggiunta un'altra parola alla sua presentazione: tradizione. E la tradizione in Costa Azzurra, sin dalle origini con i primi visitatori, inglesi e russi in particolare, è fatta di centinaia di ettari di giardini tutti diversi ed unici. Da qui l'idea di lanciare la prima edizione del Festival dei Giardini, con in competizione oltre a Nizza anche Mentone, Antibes-Juan Les Pins, Cannes e Grasse. Il senso della Costa Azzurra per i giardini (effimeri e non), dunque. Questo potrebbe essere il titolo di un film (quando c'è Cannes di mezzo la citazione è d'obbligo), che racconta storia, passato, presente e anche il futuro dell'urbanismo. Come spiega, dal giardino predisposto a Mentone con prodotti tutti bio e commestibili, l'architetto urbano Arnaud Reaux:

"La città è definita normalmente come uno spazio asfaltato, molto lineare. Quello che è interessante invece è reintegrare la biodiversità per creare connessione tra gli abitanti e il ciclo di vita delle piante".

Madrina d'eccezione di un evento che guarda già alla prossima edizione, Julie Depardieu, figlia di Gerard e a sua volta attrice capace di spaziare tra i generi. E grande amante della natura:

"I giardini sono più importanti di quello che si pensi, rappresentano la libertà, la vita, dimostrano che la coabitazione tra tutte le specie è possibile, un insegnamento utile nella nostra vita di tutti i giorni".

La Costa Azzurra dunque si promuove anche come nuova via ad una sostenibilità urbana fatta di un rapporto antico e allo stesso tempo attualissimo con il mondo vegetale. Eric Dore, direttore generale del comitato regionale del turismo della Costa Azzurra:

"Questa regione è in sostanza fatta dai suoi giardini, anche se si è costruito tanto, resta sin dall'inizio della sua storia turistica caratterizzata dal rapporto con i suoi giardini, capaci anche loro di attrarre gente da tutto il mondo".

Perfetto allora il metterli in competizione, per il piacere di grandi e piccini, affidando ad effimere realizzazioni così come a storici luoghi, la Promenade du Paillon a Nizza, alla patria delle fragranze, Grasse, e ai giardini della Villa Fragonard, passando per la Villa Rothschild di Cannes, solo per citarne alcuni. Un'esperienza vissuta in un crescendo di sensazioni riassunte da uno dei nomi top dell'architettura e del design paesaggistico mondiale, Jean Mus, capo della giuria:

"E' un'esperienza di generosità, grazie alle persone venute qui da tanti paesi. Con l'incontro di tradizioni che arrivano dall'Italia come dai paesi esotici. Capaci di far diventare questo festival, e questa terra, attraverso i suoi giardini come il simbolo stesso della passione".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Spreco alimentare genera 8% delle emissioni globali di gas serra

Spreco alimentare genera 8% delle emissioni globali di gas serra

Milano (askanews) - La lotta allo spreco alimentare ha cifre impressionanti a livello mondiale. Costituisce uno dei più grandi paradossi della società contemporanea. Eppure nonostante le dimensioni, non sempre c'è consapevolezza del problema. Quello che occorre è una nuova cultura rispetto alla produzione e al consumo di cibo, a tutte le latitudini del Pianeta. E in occasione della Giornata ...

 
Salvini-Di Maio, le nozze più pazze dell'anno
Senza suoceri e cognate

Salvini-Di Maio, le nozze più pazze dell'anno

Per 45 giorni il film andato in onda è sempre stato lo stesso. Lei dice a lui: "Sposiamoci". Lui dice a lei: "Sì, sposiamoci". E sembra fatta. Ma lei aggiunge: "però non voglio nè tuo padre nè tua sorella in chiesa e al ricevimento". Allora lui si inalbera: "se sposi me, sposi anche la mia famiglia". Nozze in crisi prima ancora di essere celebrate. Ci si sposa, non ci si sposa. Poi lei apre: "se ...

 
Don Matteo, la 12esima serie si farà

Spoleto

Don Matteo, la 12esima serie si farà

La notizia è arrivata all'indomani del bagno di folla di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo "Menotti" di Spoleto (leggi qui): la 12esima serie di don Matteo si farà. E sarà ...

20.04.2018

Don Matteo, in mille per il gran finale

Spoleto

Don Matteo, in mille per il gran finale

Oltre 1000 persone si sono trovate dal pomeriggio di giovedì 19 aprile al Teatro Nuovo di Spoleto per l'evento conclusivo dell'11esima stagione della serie di Don Matteo. ...

19.04.2018

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

L'intervista

Fresu e Sollima, Sicilia e Sardegna in musica

Paolo Fresu e Giovanni Sollima, sardo il primo, siciliano l’altro. Due musicisti eclettici e virtuosi che su sollecitazione dell’Orchestra da camera di Perugia hanno ...

18.04.2018