La meravigliosa Festa 2018

Difendiamo l'Italia più bella, quella dei ceri di Gubbio

Fa vedere un paese con radici e personalità diverse dal resto di Europa

Non è folklore, ma anima e storia di un popolo

16.05.2018 - 22:37

0

Mi è capitato per la prima volta ieri di vederla dal vivo, anche se ne avevo sentito molto parlare e avevo visto filmati e foto e letto molto. Però è un'altra cosa vivere lì la Festa dei ceri di Gubbio, mischiarsi a quei colori e alla gioia di vivere che pulsava in ogni angolo della cittadina, ascoltare le grida della folla ad ogni gesto millenario. E' bellissimo e impressionante, come le case che si spalancano quel giorno per amici e conoscenti a libare e bere insieme come se la festa fosse sempre nuova, ogni volta una sorpresa. So che accade in altre città (a Siena con il Palio sicuramente), e ognuno di questi appuntamenti intorno a cui gira tutto l'anno, ha radici forti piantate nella storia e nell'anima dell'Italia. I ceri di Gubbio non hanno mai mancato un solo 15 maggio in tutta la loro storia, che inizia con la morte di Sant'Ubaldo, vescovo della città, nel dodicesimo secolo: non c'è stata disavventura o tragedia della storia che le siano state di impedimento. Quando gli uomini erano in guerra, toccò alle donne alzare i ceri e farli correre per le strade di Gubbio. Dentro quella festa c'è popolo, c'è anima, c'è storia, c'è il senso del proprio destino, rapporto con l'infinito, la radice cristiana di questo popolo. Ci pensavo tornando al giornale, mentre mi arrivavano le ultime notizie sulla confusa gestione del dopo voto del 4 marzo, e soprattutto le uscite pubbliche assai antipatiche che venivano dalla Unione europea, pronta a richiami e moniti non si sa nemmeno bene a chi, visto che qui di governi ancora non se ne vede l'ombra. Direte, ma che c'entrano queste cose con la Festa dei ceri di Gubbio? Tantissimo, per quanto possa apparire strano. Vedere quel popolo di Gubbio mi ha reso chiarissimo come l'Italia sia un paese veramente diverso da tutti gli altri dell'Unione europea. Quella diversità è certo riconosciuta oltre ai nostri confini: vengono in Italia da tutto il mondo per vedere e godere di questa particolarità, e la trovano molto folkloristica, piacevole, bella. Il fatto è che non è qui la sua diversità, ma nelle radici del popolo italiano, nella sua anima, e nel suol corpo che ha prodotto un paese differente dagli altri, ha originato un modo di pensare al proprio stare insieme, e perfino di intraprendere che non ha paragoni nel vecchio continente. Da quelle radici sono nate comunità, quelli che oggi definiremmo modelli di welfare, e perfino un modo diverso di usare il denaro, prestarlo, alla fine pure fare finanza. L'Italia è un paese che non può funzionare nella gabbia di regole ferree immaginate per altri paesi più simili, che ha una struttura storico-economica che si soffocherebbe utilizzando principi che sembrano virtuosi girando per l'Europa...

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

Ilva, Toti: "Non inseguire idee fantasiose, serve impegno concreto"

(Agenzia Vista) Liguria, 18 luglio 2018 "Riteniamo che non si possa, in un settore cosi' delicato e dopo tanto tempo, inseguire fantasiose idee che ci portino fuori strada, ma bisogna concretamente impegnarsi con le pietanze che sono sul tavolo per costruire l'ingresso in azienda di Mittal e l'inizio di questa nuova avventura". Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti, parlando di Ilva in ...

 
Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

Funerale della Sanita' pubblica a Napoli, i manifestanti: "De Luca ha fallito si dimetta"

(Agenzia Vista) Napoli, 18 luglio 2018 Funerale della Sanita' pubblica a Napoli De Luca ha fallito si dimetta Nel piazzale antistante l'ospedale LoretoMare va in scena il funerale della Sanità pubblica organizzato dal Movimento meridionalista e dal Movimento Idea Sociale. I partecipanti puntano il dito contro il Governatore, Vincenzo De Luca, invitandolo a dimettersi. AltrimondiNews Fonte: ...

 
Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

Legittima difesa, Fontana (pres. Lombardia): "E' una priorità per il Governo"

(Agenzia Vista) Milano, 18 luglio 2018 "La legge sulla legittima difesa, essendo stata presentato in campagna elettorale io credo sia una priorità di questo Governo". Queste le parole del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a margine della seduta pubblica della Commissione antimafia del consiglio Regionale in occasione dell'anniversario della morte di Borsellino Fonte: Agenzia ...

 
Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

Commissione Ue: "Multa a Google da 4,3 mld"

(Agenzia Vista) Roma, 18 luglio 2018 Commissione Ue Multa a Google da 4,3 mld La Commissione europea ha comminato a Google una multa record da 4,34 miliardi per aver violato le regole della concorrenza. Lo dichiara la Commissione, confermando le indiscrezioni circolate in queste ore. In particolare Google e' stata multata per aver, dal 2011, "imposto restrizioni illegali ai produttori di ...

 
Quelli dei Massive Attack

Umbria Jazz 2018

Quelli dei Massive Attack

La lunga notte dei Massive Attack all'Arena Santa Giuliana per Umbria Jazz fra tanta musica, effetti speciali e un'abbondante pioggia che non ha fermato entusiasmo e note ... ...

17.07.2018

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

Umbria Jazz

Massive Attack: concerto bagnato, concerto fortunato

L'acquazzone che si è abbattuto per qualche minuto sull'arena Santa Giuliana di Perugia non ha scoraggiato assolutamente il popolo di Umbria Jazz e l'attesissimo concerto ...

17.07.2018

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Il festival

Umbria Jazz, il pubblico dei Massive Attack più forte della pioggia

Poco dopo le 22 la luna si oscura e nubi nere scatenano un acquazzone sul popolo dei Massive Attack, all'arena Santa Giuliana. Hanno partecipato in tanti, sia sulle gradinate ...

16.07.2018