Vietato dire non ce la faccio più

Il viaggio di Pateh: morte a Venezia

30.01.2017 - 10:19

0

Un ragazzo di ventiduenne anni si suicida a Venezia. Non sappiamo molto di lui, sappiamo che arrivava da Milano. Ma che ancora prima aveva fatto un viaggio ben più lungo a bordo non di un aereo, non di una nave da crociera. Ma di una di quelle carrette del mare. Era partito dal Ghana, forse con tanti sogni o forse con il solo sogno di salvarsi la vita perché ci sono posti in cui sopravvivere significa aver già esaurito il “bonus speranze”. Aveva attraversato il Mediterraneo e ce l’aveva fatta. Aveva raggiunto la sua possibilità di salvezza: l’Italia.
Sbarcato sulle coste siciliane, aveva ottenuto un permesso di soggiorno per motivi umanitari. Si chiamava Pateh Sabally.
Non sappiamo null’altro di lui. Non sappiamo chi ha lasciato in Ghana, se aveva una famiglia, non sappiamo che scuole aveva frequentato, se gli piaceva studiare, non sappiamo quale fosse il suo cibo preferito, quale musica gli piacesse, se fosse innamorato. Possiamo immaginare. Possiamo immaginare che se in quella traversata era riuscito a salvare una foto dei suoi, forse la guardava ogni giorno. Possiamo immaginare che avesse nostalgia della propria terra, di quei colori e di quei suoni. Possiamo immaginare, ma non sappiamo nulla della sua vita. Sappiamo purtroppo tutto però di come è morto. E lo sappiamo perché c'è un video che racconta la sua fine. Un dramma nel dramma. Si scorge in mezzo all’acqua un uomo, dai vaporetti e intorno si sentono ben distinte le voci di chi lo chiama “Africa”, di chi dice “Vabbè questo è scemo” perché non prende nessuno dei quattro salvagente che gli vengono gettati da un vaporetto. Nessuno che si sia buttato per aiutarlo. Nessuno. Tutti pronti a filmare con il telefonino, a urlare, persino a insultare, ma nessuno pronto a salvarlo. Immagini terribili quelle che raccontano la fine di un ventiduenne. Ma che raccontano anche la fine di quell’emozione di cui spesso ci riempiamo la bocca ma che evidentemente non siamo sempre in grado di provare: la compassione, che nel suo significato originario non ha nulla a che vedere con la pena, bensì con qualcosa di nobile come la condivisione emotiva della sofferenza altrui. Ed è questo il significato che assume l’umanità del gesto del Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro. Grazie al Fondo Solidarietà, alimentato dall’importo dell'indennità di Sindaco, il Comune sosterrà le spese per i funerali di Pateh.Un gesto di compassione umana, solidarietà, rispetto per un ragazzo che era arrivato nel nostro paese per vivere.

selenebisi@libero.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Siena, faccia a faccia Valentini (Pd) e De Mossi (c.destra)
A poche ore dal ballottaggio per la poltrona di sindaco

Siena, faccia a faccia Valentini (Pd) e De Mossi (c.destra)

Iniziamo dalla mobilità. I taxi hanno difficoltà persino a raggiungere la redazione del Corriere. Devono inviare una mail per transitare lungo la Y storica. Cambieranno le regole? Valentini: “Abbiamo potenziato la pedonalizzazione delle strade più centrali, che chiamiamo Y storica per convenzione. In quella zona circolavano settecento veicoli al giorno, abbiamo reso più vivibile questa parte di ...

 
Saviano risponde a Salvini sulla possibile revoca della scorta

Saviano risponde a Salvini sulla possibile revoca della scorta

Milano (askanews) - Lo scrittore Roberto Saviano risponde con un video su Facebook alle parole del ministro dell'interno, Matteo Salvini che, commentando un altro video in cui l'autore di Gomorra accusava il titolare del Viminale di fare propaganda, ha ventilato una possibile revoca del servizio di scorta che da anni salvaguarda la vita dell'autore napoletano, minacciato di morte dalla camorra. ...

 
Yoga day, per i cento anni di BKS Iyengar un flash mob a Roma

Yoga day, per i cento anni di BKS Iyengar un flash mob a Roma

Roma, (askanews) - C'è una fotografia storica cara a tutti i praticanti di Iyengar yoga che ritrae Guruji nella posizione sulla testa - l'asana Sirsasana - circondato dai suoi allievi nella stessa posizione. È una foto molto bella, in bianco e nero, che ben rappresenta il filo profondo che legava e lega ancora i praticanti di Iyengar yoga con il loro maestro, spentosi il 20 agosto del 2014 e del ...

 
L'Alchimista sul trono

Quattro Ristoranti

L'Alchimista sul trono

Giovedì 21 giugno alle ore 21.15 su Sky Uno hd è arrivata la nuova puntata inedita di Alessandro Borghese 4 Ristoranti (LEGGI Quattro ristoranti, in onda la puntata girata in ...

21.06.2018

Tre giorni di musica (e non solo) al tramonto

Moon in june

Tre giorni di musica (e non solo) al tramonto

Dopo l’anteprima del 22 giugno al teatro di Tuoro (alle 21) con le sperimentazioni elettroniche di Fields Conduction e il concerto dei Lstcat insieme a Ginevra Di Marco e ...

21.06.2018

Su Rai3 lo speciale sulla Quintana

foligno

Su Rai3 lo speciale sulla Quintana

Il fascino e le emozioni della Quintana sbarcano su Rai3, che sabato 23 giugno manderà in onda uno speciale di 66 minuti dedicato alla giostra vinta dal rione Cassero. ...

21.06.2018