Vietato dire non ce la faccio più

Donne senza figli

05.09.2016 - 09:51

0

Aldo Carotenuto spiegava ne “L’anima delle donne” come sia un retaggio che la società si tramanda da secoli quello di associare alla maternità l’unica spinta di creatività della donna.
Poi in questi giorni leggiamo in una campagna di sensibilizzazione per il Fertility day: “Genitori giovani. Il modo migliore per essere creativi”. Eppure di donne creative senza figli potremmo raccontare tante storie. Scrittrici, registe, artiste, ma anche impiegate precarie, disoccupate per cui riuscire a pagare le bollette a fine mese diventa un atto creativo al pari di un capolavoro di Kandinskij. E poi ci sono quelle che tanta creatività la devono escogitare cercando scuse con familiari, amici e con una buona parte della società, tirando fuori dal cilindro le giustificazioni più disparate.
Adesso da persino davanti allo Stato, come se la maternità fosse una cosa da vivere in piazza e non un’esperienza intima e personale. Personale e diversa come la storia di ogni donna. C’è quella che dopo bombardamenti di ormoni, ha preferito rinunciare, quella che non ha trovato la persona giusta, quella a cui semplicemente figli non sono capitati, quella che ha trovato la persona giusta tardi. Sono donne che hanno dovuto rinunciare a un desiderio. Ma in questa polemica non si è parlato, come se non esistessero, di tutte quelle donne che figli non ne hanno e non ne avranno per il solo motivo che non ne vogliono. E non può essere una colpa. Mettere al mondo qualcuno è una gioia immensa, ma anche un immenso sacrificio. Per una donna significa sin dal primo istante sacrificio persino del proprio corpo: nausee, crampi, stanchezza, un corpo che cambia, si allarga per fare spazio a qualcun'altro. Sensi di colpa nel tornare a lavoro dopo il parto nel lasciare il bambino con tate e nonni, frustrazione nel restare a casa col bambino rinunciando a lavoro e carriera. Un figlio significa anche preoccupazioni. Perché mettere al mondo qualcuno è un diritto che si può esercitare o meno e nessuno può farne una colpa. Come scriveva Oriana Fallaci: “essere madre non è un mestiere, non è nemmeno un dovere, è solo un diritto tra tanti diritti”.
Allora non chiedete alle donne di essere creative procreando. Le donne iniziano a essere creative da subito quando da bambine viene loro messo tra le braccia un bambolotto: “gioca a fare la mamma”. Mettiamo invece tra le braccia delle bambine un mappamondo: “gioca a immaginare dove sarai da grande, che viaggi farai, zaino in spalla e sogni nella testa”.
Insegniamo alle giovani donne che possono essere madri, ma possono anche non esserlo e che la loro creatività non passa dal fare figli ma dal saper creare se stesse.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Migranti, Salvini: hotspot in Italia problema per noi e Libia

Migranti, Salvini: hotspot in Italia problema per noi e Libia

(askanews) - "Ci sono alcuni paesi europei fra cui la Francia che ha proposto questi hotspot in Italia e in Europa e questo sarebbe un problema per noi e per la Libia perché non si interromperebbe il flusso di immigrati". Lo ha detto il minstro dell'Interno Matteo Salvini durante l'incontro a Tripoli con il suo omologo libico Abdulsalam Ashour. "Noi invece insieme ad altri paesi europei abbiamo ...

 
A Ostuni la cucina made in Puglia dello stellato Andrea Cannalire

A Ostuni la cucina made in Puglia dello stellato Andrea Cannalire

Ostuni, (askanews) - Andrea Cannalire è il più giovane chef stellato di Puglia e guida il ristorante Cielo all'interno del relais La Sommità di Ostuni, in quella Puglia che sta diventando meta di primo piano nel panorama del turismo enogastronomico italiano. A puntare su di lui è stato Gianfranco Mazzoccoli, imprenditore e fondatore del gruppo Cedat 85, da sempre appassionato di enogastronomia, ...

 
I vecchi campioni di Roma e Lazio in campo per i rifugiati

I vecchi campioni di Roma e Lazio in campo per i rifugiati

Roma, (askanews) - Le vecchie glorie della Roma e della Lazio in campo contro una squadra di rifugiati. Champions #WithRefugees, una partita di beneficenza organizzata dall'UNHCR, l'agenzia Onu per i rifugiati, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato, allo stadio Tre Fontane di Roma. Niente derby. La squadra di campioni, formata da nemici storici, stavolta riuniti sotto la stessa ...

 
Spettacolo

Lo sceneggiatore Apolloni: “Non abbiate paura di essere felici”

Attore, sceneggiatore e scrittore, Francesco Apolloni ha appena pubblicato ‘Perso a Los Angeles’. Un romanzo che racconta le vicende di un giovane chef alla ricerca di suo padre (e di se stesso) in una metropoli come Los Angeles. Un romanzo interattivo di ‘formazione’, che si interroga tra le altre cose sul senso della felicità. “Molto spesso abbiamo più paura di essere felici che di essere ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018