Vietato dire non ce la faccio più

Slums Dunk, il sogno che diventa realtà

25.07.2016 - 10:54

0

Due giocatori di basket, due amici veri al punto che uno sarà a breve il testimone di nozze dell'altro. È così che nasce tutto.
È durante una cena come tante nel dicembre 2011 che Bruno Cerella propone a Tommaso Marino di andare in Africa a far giocare i bambini a basket. Niente di più, niente di meno. Una mezza pazzia che li porta pochi mesi dopo tra le baraccopoli di Nairobi con valigie piene di scarpe, palloni, maglie da basket. Tommaso descrive quei bambini come "impazziti di gioia. Quando siamo tornati, dopo un mese, ci siamo detti con Bruno che da quell'esperienza poteva nascere un progetto, abbiamo tirato in mezzo altre persone. L'obiettivo? Costruire scuole basket": così nasce l'associazione Slums Dunk, una storpiatura di slam dank, schiacciata, dove slum significa invece baraccopoli. "Il basket deve essere una scusa per questi bambini. Il pretesto per uscire di casa, da situazioni di degrado. Poter passare tre ore al campo significa evadere da tutto il brutto che li circonda"
Tra gli aspetti più belli di questo progetto c'è il fatto che chi l'ha creato, chi c'ha messo la faccia come testimonial, ci mette anche le braccia "se c'è da scavare, vangare, mettere sassi lo facciamo".
Oggi, in una delle baraccopoli esiste una scuola basket, con 130 bambini, 10 allenatori. Ha significato spiegare alle persone del luogo perché era importante partecipare al progetto. "Due anni fa sono arrivato al campo ed erano appena finiti i lavori. C'erano i bambini che giocavano. Non mi commuovo quasi mai, ma in quella situazione mi sono commosso. Vedere gente che non ha nulla avere finalmente qualcosa per me è stata una soddisfazione incredibile."
Oggi grazie a Slums Dunk, si stanno costruendo altri campi in altre baraccopoli. Ma con quei campi stanno costruendo molto altro "giocando a basket con questi ragazzini hai l'opportunità di insegnare loro tante cose. Cosa significa stare in un gruppo, rispettare tempi, regole, fare lavoro di squadra" non si tratta di imparare a fare canestro, si tratta di imparare a stare insieme. E questa è la schiacciata più bella perché la vittoria in questo caso si chiama: opportunità di futuro.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Narni (antica Narnia), la signora dell'Anello
La rivincita vista da vicino

Narni (antica Narnia), la signora dell'Anello

La gara è stata una delle più entusiasmanti della storia della Corsa all'Anello: la rivincita 2018 è stata conquistata a notte inoltrata dal terziere di Santa Maria, che pure era partito con handicap per l'infortunio (per fortuna non grave) capitato al suo primo cavaliere, che non è potuto entrare in campo. Ecco però viste da vicino le immagini della benedizione, preparazione, del corteo storico ...

 
Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018