Vietato dire non ce la faccio più

La bella favola di Alice

20.06.2016 - 17:03

0

Tante bambine sognano di diventare ballerine. Ciò che fa la differenza è il talento naturale, un pizzico di fortuna, ma soprattutto tanta costanza.
Alice ha 9 anni quando inizia danza classica. La sua vita da quel momento si divide tra banchi di scuola, lo studio del canto e quella sala fatta di specchi e parquet. 1, 2, 3, 4 il suono del tempo scandito dall'insegnante, le scarpette, i passi da ripetere, provare e provare ancora perché la perfezione non esiste ma i ballerini sembrano non saperlo.
Da adolescente inizia anche danza contemporanea, poi a 19 anni trova la sua vera passione: l'hip hop. "Avendo cominciato tardi avevo tante cose da imparare, mi allenavo tantissimo, tutti i giorni. Sforzi premiati visto che solo dopo un anno mi hanno preso in una compagnia".
Nel frattempo continua a studiare canto, si iscrive anche all'Università. Decide poi di lasciare la sua città, Siena, per trasferirsi a Milano.
"Qua ho cominciato a insegnare davvero. A Siena fino ad allora avevo solo fatto sostituzioni. E soprattutto la grande città mi permetteva di fare provini".
Entra in contatto con le più grandi agenzie, famose a livello internazionale, fa spettacoli importanti. Torna poi a Siena per concludere il ciclo di studi e si laurea prima di partire nuovamente. Stavolta a Roma dove la prendono per un musical come ballerina e coreografa: "mi scelgono sempre per i cartoni animati, sarà per il mio aspetto", sorride Alice, ma è vero che sembra un personaggio delle favole, con i capelli lunghi e gli occhi belli e un sorriso dolcissimo che non perde mai. O quasi mai.
"Ogni tanto capita che senti la fatica, quella fisica. Durante la settimana lavoro in tre città diverse, insegno in 4 scuole di danza diverse, mi alleno tutti i giorni, mi sposto per gli stage perché bisogna sempre imparare. E poi c'è anche la stanchezza emotiva del dover essere sempre carichissime. In più è molto difficile costruire una vita privata, non tutti sono disposti a capire i miei spostamenti continui".
I suoi sacrifici peró vengono ripagati. Alice è stata scelta come ballerina e coreografa per il tour di presentazione di un nuovo importante programma televisivo. Ma le sue soddisfazioni sono anche altre: "vedere i miei allievi che si impegnano, che fanno progressi, provare l'emozione del saggio mi ripaga di tutto. Tanto che può succedere che il sabato sera sia a fare uno spettacolo a Taormina e il giorno successivo di nuovo a Siena per le prove del saggio perché è nei miei allievi che vedo il mio futuro".
Alice sta raggiungendo obiettivi sempre più importanti grazie alla forza di volontà e "grazie ai miei genitori che hanno creduto in me e sono felici perché vedono che faccio quello che mi piace" .
Proprio come l'Alice uscita dalla penna di Lewis Carroll, è una sognatrice, curiosa, testarda perchè per fare la ballerina ci vuole una gran dose di testardaggine "io non ho mai smesso di crederci perché non potrei far altro: io sto bene quando ballo".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Narni (antica Narnia), la signora dell'Anello
La rivincita vista da vicino

Narni (antica Narnia), la signora dell'Anello

La gara è stata una delle più entusiasmanti della storia della Corsa all'Anello: la rivincita 2018 è stata conquistata a notte inoltrata dal terziere di Santa Maria, che pure era partito con handicap per l'infortunio (per fortuna non grave) capitato al suo primo cavaliere, che non è potuto entrare in campo. Ecco però viste da vicino le immagini della benedizione, preparazione, del corteo storico ...

 
Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018