Le ali di Monica

Le ali di Monica

06.06.2016 - 15:58

0

Quando a 7 anni i tuoi genitori ti dicono che sei adottata non è che ci capisci tanto. L'unica cosa che avevo chiara è che non ero stata nella pancia della mia mamma". Monica ricorda se stessa come una bambina felice, amata "anche un po' viziata", piena di giocattoli e vestiti: "Non chiesi mai più nulla di quella cosa, non mi interessava. Mi è interessato anni dopo". Arriva l'adolescenza e quella bambina calma e pacata si trasforma in una ragazza arrabbiata e in collera col mondo: "I miei non erano contenti di me. E io non lo ero di loro. Anzi non ero contenta e basta" .La bambina sempre brava a scuola peggiora nel rendimento scolastico al Liceo. "In seconda superiore bocciai." È in quest'occasione che anni di silenzi diventano urla "i miei mi misero seduta sul divano, rimproverandomi, fissando nuove regole: potevo scordarmi le vacanze, meno Tv, meno uscite. Potevo uscire per andare a ripetizione e a pianoforte. Sbottai" Monica descrive quegli attimi come dolorosi, ma anche liberatori ed è in quel momento che la rabbia di anni di non detto emerge con violenza "tra urla e lacrime dissi: voi non mi volete bene perché io non sono figlia vostra, sono solo una delusione". Un argomento mai più toccato emerge nel peggiore dei modi, sconvolgendo anche i genitori stessi. Monica inizia per la prima volta, o forse per la prima volta con consapevolezza, a chiedersi quali siano le sue radici, come sia la madre naturale, lei così esile e con una mamma adottiva così formosa, "quell'estate cambiarono molte cose, i miei per la prima volta capirono la mia sofferenza e finalmente mi fecero smettere pianoforte che odiavo e potei iscrivermi a chitarra". Negli anni a seguire Monica continua a chiedersi da dove venga e perché i genitori naturali non l'abbiano voluta "in questi casi ti fai tanti film, passavo dall'essere arrabbiata a trovare mille giustificazioni. La mia vita però è andata avanti." Dopo il diploma combatte nuovamente con i genitori che vogliono farle fare l'Università, ma capiscono e assecondano il suo sogno di diventare estetista. "Il problema dell'adozione è di nuovo emerso quando il mio compagno ha iniziato a dirmi che voleva un figlio. Non gli avevo mai raccontato la mia storia, in quel momento ho sentito di farlo e ho avuto voglia di ricercare mia madre. Ci vogliono ali e radici". Inizia l'iter per la ricerca delle origini che non è mai facile e mai breve "l'ho trovata. Lei ha accettato di vedermi. Il primo incontro è avvenuto davanti a un giudice. Mi aspettavo di trovare una donna esile come me. Invece anche lei è formosa come l'altra mamma" , sorride Monica. "Le ho chiesto perché mi avesse abbandonata e la risposta è stata che era sola e disperata. Poi mi ha detto che anche lei avrebbe voluto fare l'estetista. Mi piace pensare che è una passione che ho preso da lei. Ci teniamo in contatto e ogni tanto la vedo, ma la mia mamma sarà sempre l'altra, nel bene e nel male" . Monica oggi può spiccare il volo, guardare davanti a sè perché ha avuto il coraggio e la forza di cercare le sue radici.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Narni (antica Narnia), la signora dell'Anello
La rivincita vista da vicino

Narni (antica Narnia), la signora dell'Anello

La gara è stata una delle più entusiasmanti della storia della Corsa all'Anello: la rivincita 2018 è stata conquistata a notte inoltrata dal terziere di Santa Maria, che pure era partito con handicap per l'infortunio (per fortuna non grave) capitato al suo primo cavaliere, che non è potuto entrare in campo. Ecco però viste da vicino le immagini della benedizione, preparazione, del corteo storico ...

 
Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018