Renzo Massarelli

Un figlio in Assisi

26.11.2016 - 10:49

0

Una volta c’era il desiderio di molte famiglie di far nascere il proprio figlio in Assisi. Non perché in quell’ospedale si facessero miracoli, ma per poter mostrare dopo il lieto evento, una carta di identità con su scritto: “Francesco, nato ad Assisi”. Poi il punto nascita fu chiuso come altri in Umbria. Si doveva razionalizzare per la presenza degli ospedali delle città più grandi. Nascere in ospedale ad Assisi, quindi, non è più possibile.
E’ passato qualche anno dalla chiusura, non senza polemiche e proteste, di questo punto nascite, però nella testa di qualcuno è rimasta l’idea che ad Assisi è meglio. Così, forse, dev’essere nata questa idea della cosiddetta “Fertily room”, la camera della fertilità, che detta così fa pensare a esperimenti inquietanti. Niente di tutto questo. Si tratta semplicemente del progetto di un personaggio molto noto per la fantasia e la capacità imprenditoriale. Eugenio Guarducci, patron a Perugia di Eurochocolate, chiamato nella città di Francesco come assessore al turismo e alla cultura in una Giunta, dicono, di centrosinistra, a far rifiorire ancor di più di quanto non avvenga già oggi il giro di affari che si alimenta intorno al nome del santo più amato nel mondo. Grande consenso tra gli esercenti e gli albergatori che sono, ad Assisi, molto influenti. Molto meno dentro il Sacro Convento dove tutto tace. Sconcerto alla Regione.
L’idea di Guarducci ha fatto il giro del mondo e questo era già un obiettivo non secondario. Far parlare di Assisi come se una città come questa abbia bisogno di pubblicità. Questa volta, comunque, la pubblicità è stata pessima. Si trattava di regalare una notte di soggiorno alla coppia che avesse concepito un figlio, nove mesi prima, nello stesso albergo. Fertily room. Da restarci davvero senza fiato perché non c’è una sola ragione comprensibile che possa giustificare una tale assurdità. Possono i tifosi del turismo costi quel che costi non rendersi conto di quello che dicono? Concepire un figlio è una cosa sacra per qualsiasi persona quale che sia il proprio modo di intendere la religione, l’etica, la dignità. A nessuno verrebbe in mente di aprire le porte della vita a un essere umano per potersi regalare un giorno di vacanza. Impensabile, se si vuol ragionare con un minimo di responsabilità. I figli non nascono a comando. Nascono quando scelgono loro di nascere. In un giorno a caso, in un attimo speciale e misterioso. Avere un figlio è un grande regalo della vita, il più grande, e non c’è misura che possa darcene conto.
Cosa c’entra un assessore, un albergatore, un venditore di souvenir e noi che viviamo la nostra vita di tutti i giorni con quella di due persone che hanno il desiderio, solamente, di passare una giornata nella città di Francesco? Non siamo a Eurochocolate questa volta. Chi va ad Assisi ha mille ragioni per farlo. Per la fede, per la cultura, per un giorno di vacanza, certo, anche per una semplice vacanza. Ma Assisi è una città straordinaria e non può essere il turismo la sua unica ragione sociale anche se va rispettato e sostenuto il lavoro delle strutture che sono chiamate ad accogliere così tanti visitatori, ci mancherebbe. Il regalo che può fare questa città a coloro che arrivano salendo le pendici del Subasio non si trova da un’altra parte perché è libero e personale, cioè, sempre diverso. Dipende soltanto dalla sensibilità di ognuno. Questo è un posto dove ognuno può pregare quale che sia la sua religione. Bisognerà pur spiegarlo a quelli del Comune che la città che hanno il privilegio di governare possiede un linguaggio universale dove si possono trovare le parole più grandi della nostra civiltà. Aver pensato di ricorrere a un inventore di eventi commerciali per promuovere un luogo che non ha bisogno di nessuna promozione di questo tipo è stato un grave errore. Non c’è persona al mondo alla quale può essere concessa l’ambizione di banalizzare una città come Assisi non soltanto perché è sbagliato e dannoso ma perché è impossibile. Eppure così va il mondo. Ci provano sempre lo stesso. Per i beni culturali, il paesaggio, i musei, le stesse città d’arte. Conta sempre di meno nell’agenda dei governi la tutela e sempre di più il conto economico, gli affari. Certo, questa storia della Fertility room va ben oltre le nostre solite magagne da italiani in vacanza. Qui siamo nel girone più basso del buon gusto, nel kitsch più penoso con il quale si possa convivere. Abbiamo fatto ridere il mondo e potevamo risparmiarcelo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Venezia-Perugia si sposta a San Siro: Nesta e Inzaghi, clima play off
CALCIO SERIE B

Venezia-Perugia si sposta a San Siro: Nesta e Inzaghi, clima play off

Anche tecnico e fantasista del Perugia sono stati protagonisti de “La notte del maestro”, la serata d’addio al calcio di Andrea Pirlo di lunedì 21 maggio a San Siro. Nesta e Diamanti hanno risposto alla convocazione dell’ex compagno azzurro per dare spettacolo insieme a tantissime stelle del calcio. In campo chiaramente anche il tecnico del Venezia, Pippo Inzaghi. Bobo Vieri, con un video su ...

 
"Hotel Gagarin", Amendola: speranza è nella curiosità per l'altro

"Hotel Gagarin", Amendola: speranza è nella curiosità per l'altro

Roma, (askanews) - In un film divertente e poetico come "Hotel Gagarin", diretto da Simone Spada, nei cinema dal 24 maggio, Claudio Amendola interpreta un personaggio romantico e sognatore. Con Luca Argentero, Giuseppe Battiston, Barbora Bobulova, Silvia D'Amico, Caterina Shulha, si ritrova in un hotel isolato dell'Armenia: il progetto di girare un film è saltato ma quell'imprevisto, in quel ...

 
A Santa Cecilia torna Jakub Hrusa, alfiere della musica ceca

A Santa Cecilia torna Jakub Hrusa, alfiere della musica ceca

Roma, (askanews) - Chiamiamolo pure un alfiere della musica ceca nel mondo. Jakub Hrusa torna con la sua esperienza internazionale al Parco della Musica; la seconda volta per il maestro praghese sul podio dell'orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia. La magia della musica, ripete il giovane maestro, si rinnova ogni volta nell'esecuzione in sala: " Tutto il divertimento, tutto il significato del ...

 
Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Eletta a Corciano

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Carolina Scarscelli, 16 anni, studentessa di Città di Castello è Miss Mondo Umbria 2018. È stata eletta sabato sera al Gherlinda nel corso della finale regionale organizzata ...

21.05.2018