Renzo Massarelli

A chi intitolare una via

19.11.2016 - 17:33

0

Si chiama commissione toponomastica e, generalmente, le sue decisioni non suscitano mai grandi apprensioni. Si tratta di decidere come chiamare una via. Non dovrebbe essere una cosa così difficile. A New York, Manhattan, i viali e le strade che si incrociano come a formare uno scacchiere, con la sola eccezione geniale della Broadway che esisteva già prima delle altre e che va per conto suo, si definiscono con dei numeri ordinali. Prima, seconda, ventesima…Da noi, che abbiamo una storia un po' più lunga è tutto più complesso. Per questo esiste in ogni Comune una commissione che assegna ad ogni nuova strada un nome originale. Facile? mica tanto. Facile una volta quando le strade avevano dei nomi propri come si fa in un battesimo. Via Larga, via Stretta, via Nuova, via Vecchia, via Lunga, via Silenziosa, via Deliziosa, via Nebbiosa. Gli aggettivi definivano già un'identità, l'aspetto di un luogo. A Perugia di nomi così ce ne sono tantissimi. Nascevano dalla fantasia popolare, era la comunità che decideva con il tempo e la consuetudine. Poi ci sono le vie che ci parlano di storie e leggende. Via della Sposa, via delle Streghe, via del Paradiso, via della Pergola, via del Melo, via del Fico, via del Curato. Via Baciadonne sta dalle parti di Porta Pesa ma non è stretta così tanto da rendere inevitabile un contatto fisico quando due persone l'attraversano in direzione opposta, però è appartata e può andar bene per gli incontri furtivi degli amanti. C'è via dei Gatti e anche via del Topo. Oppure i nomi degli uccelli. Via del Fagiano, via del Cardellino, via del Canarino, del Gallo, dell'Aquila, della Rondine.
Con il tempo i nomi possono cambiare. Corso Cavour era la via dei Papi e ancor prima la via Romana. Corso Garibaldi ha preso il posto di via della Lungara, Via Mazzini, tanto per restare agli eroi del Risorgimento, era la via Nuova. Certo, con l'unità d'Italia non esiste città dove Garibaldi, Mazzini e Cavour non abbiano conquistato senza combattere il centro urbano. Con il tempo il desiderio di attribuire alle strade e alle piazze nomi di personaggi della storia viene ampiamente soddisfatto, così si arriva a quelli importanti solo per la città dove erano nati e vissuti. Chi conosce oggi gran parte dei nomi di cittadini sicuramente illustri ma non così famosi che troviamo agli angoli delle vie della città che cresce nel territorio?
Non importa. Avere un indirizzo è pur sempre necessario. E così ci pensa la commissione toponomastica. Certo, in un comune la commissione edilizia è più importante, e anche quella al bilancio. Però siamo nell'era dell'immagine. La scelta dei nomi rievoca la storia, l'identità di un comune, la cultura che ha fatto crescere una comunità.
A Palazzo dei Priori questa commissione è composta da cinque consiglieri comunali, tre per la maggioranza e due per la minoranza e poi da cinque esterni, rappresentanti di alcune associazioni come, per dire, la Famiglia perugina, Italia nostra o di importanti istituzioni come l'Università, o l'Accademia dei belle arti. Ora la maggioranza ha deciso di togliere il potere di voto ai cinque rappresentanti di istituzioni e associazioni che potranno restare in commissione solo come semplici consulenti. Per protesta i due membri della minoranza si sono dimessi così come i cinque rappresentanti esterni. Restano i tre della maggioranza, troppo pochi per poter semplicemente convocare la commissione. Brutta storia e gran brutta figura per il sindaco che non ha avuto nulla da dire e che dovrebbe garantire democrazia e pluralismo. Perché è successo? In commissione grandi contrasti non c'erano stati anche se è sui personaggi della politica che si può accendere talvolta la discussione. Ora a Palazzo dei Priori comanda la destra ma in una commissione dove si deve decidere il nome di una via non si dovrebbero fare calcoli di parte. Escludere i rappresentanti delle maggiori istituzioni culturali, lasciarli fuori dalla porta è una cosa che non si fa. Semplicemente. E' vero, viviamo un momento di grandi divisioni e questo è molto triste. Una società civile non esiste se non ci sono dei valori condivisi. Almeno quelli essenziali, anche se a Palazzo dei priori cambiano le maggioranze. I nostri nuovi amministratori avrebbero dovuto fare, in commissione toponomastica, l'esatto contrario. Togliere il potere di voto ai politici e lasciare alle istituzioni culturali, alle associazioni della società civile la possibilità di scegliere secondo scienza e coscienza e in piena autonomia. Così si faceva una volta a Perugia, ma eravamo nel Duecento non nel 1416, il nuovo paradigma della cultura cittadina.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Trump mette in dubbio summit con Kim, ma Pompeo si dice ottimista

Trump mette in dubbio summit con Kim, ma Pompeo si dice ottimista

Roma, (askanews) - Nonostante lo scetticismo espresso dal presidente americano, il segretario di Stato, Mike Pompeo si è detto "ottimista" sul fatto che il 12 giugno a Singapore ci sia l'incontro storico tra Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un. Parlando alla stampa dopo le parole pronunciate da Donald Trump nel suo incontro con il leader sudcoreano Moon Jae-in, Mike Pompeo ha ...

 
Spief, Profumo: Gli operai sono dei grandi innovatori

Spief, Profumo: Gli operai sono dei grandi innovatori

San Pietroburgo, (askanews) - Francesco Profumo, presidente della Compagnia di San Paolo, dallo Spief: "Nel corso del mio intervento dello scorso anno, al forum internazionale economico di San Pietroburgo, dissi una cosa che mi sembrava interessante. Nel nostro paese, abbiamo circa l'80% delle aziende che sono soprattutto piccole e medie aziende, che non sono pronte alla trasformazione verso la ...

 
Adr, al via il progetto della Business City a Fiumicino

Adr, al via il progetto della Business City a Fiumicino

Roma, (askanews) - Una porta d'ingresso al Paese unica. Con un centro uffici, servizi dedicati alle imprese e ai professionisti e un polo congressuale da 1.300 posti. Il tutto collegato ai terminal dell'aeroporto e a pochi passi dalla ferrovia e dall'autostrada. E' la nuova Business City di Roma Fiumicino, un progetto da 190 milioni di euro che a regime occuperà oltre 23.500 persone tra impieghi ...

 
Salute

Infettivologi: "Nuovi farmaci anti-Hiv allungano vita, ora migliorare qualità"

Oggi una persona con Hiv che inizia precocemente la terapia e vi aderisce con costanza può contare su un'aspettativa di vita simile a quella della popolazione generale. Un traguardo fino a pochi anni fa quasi irraggiungibile. Temi al centro della decima edizione del 'Congresso nazionale Italian Conference on Aids and Antiviral Research' (Icar) a Roma. Evento promosso dalla Società italiana di ...

 
Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018

Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018