Renzo Massarelli

Con Braccio tutto l'anno

04.06.2016 - 11:40

0

Non dovremmo considerare le polemiche sulla nuova destinazione d’uso delle logge del Duomo una bega di paese. Ciò che ci raccontano le pietre che rappresentano le tracce superstiti del Palazzo di Braccio è una storia molto moderna, dei giorni nostri. E’ la storia di ciò che sta accadendo un po’ ovunque ai beni culturali del nostro paese, ai musei, alle pinacoteche, alle zone archeologiche, ai palazzi storici. Conservare? Mettere in sicurezza? Restaurare? Insegnare nelle scuole la storia dell’arte, promuovere la cultura? Ma no, non è questo. Ciò che abbiamo di più prezioso in questo Paese va soprattutto messo a rendita e in fretta e, quindi affidato alla direzione di manager che sappiano vendere il loro prodotto alla grande folla dei turisti. Abbiamo il patrimonio più ricco del mondo ma non così tanti visitatori. Dobbiamo vendere di più e meglio la nostra immagine. Così dicono, e questo è ciò che si cerca di fare. Serve, insomma, una grande operazione di marketing. Commercio. Non è detto che l’idea sia quella vincente perché le componenti da mettere in campo sono molte e piuttosto complesse. Di sicuro avremo bisogno di meno storici dell'arte e di più esperti in pubbliche relazioni, propagandisti, promotori. Se così ha da essere, Eugenio Guarducci sotto le logge del Duomo ci starà benissimo, così come alla guida del festival di Todi, così come al centro della sua fiera del cioccolato, a ottobre. La strategia è sempre la stessa. Vendere e poi anche qualcosa di più. Sedurre il potere, servirlo e servirsene. Ora il patron di Eurochocolate sta ripulendo le Logge e dovremmo ringraziarlo. Un posto così privilegiato occupato dai piccioni. Non si può. E poi si deve far presto. Tra qualche giorno arriva il corteo in costume, la metafora del nuovo potere che si mostra e ci racconta le sue storie dei nobili di una volta, degli eserciti di Braccio che vinsero tutte le battaglie meno l’ultima, di come la città di Perugia sconfisse la decadenza e aprì le porte a un futuro di rinascita . Bella storia, davvero. Per questo tutti i bravi cittadini devono fare il loro dovere. Ripulire la città, riempirla di bandiere e di stendardi, aprire le taverne, correre dietro a un drappo per vincere un palio dall’aspetto indecifrabile. Quella che si prepara è la più grande festa mai vista a Perugia, non una processione e neanche una manifestazione politica. L’una e l’altra, semmai. Un nuovo santo c’è già, ed è Braccio al quale ormai si dedica ogni cosa, tutto porta il suo nome e tutti devono servire la sua memoria con grande devozione. Qualche giorno fa hanno chiamato gli esperti dell’Università dei sapori, una cosa seria in altri tempi, e gli hanno chiesto di scegliere il migliore dolce di Braccio, torte variamente confezionate come si sarebbe fatto nel Quattrocento. Questi esperti, un po’ spaesati, assaggiavano muovendo lentamente le mascelle e facendo gonfiare le guance come fanno i sommelier. Alla fine è saltato fuori il dolce più degno che si possa immaginare per un capitano di ventura. Una cosa marrone, un po’ rinsecchita, ma con gli ingredienti di quell’età indefinita che si vuol festeggiare e che non riusciremo mai a capire perché fu così importante visto che per tanti secoli non se n’era accorto nessuno. Scomoderanno anche Boccaccio e le sue novelle per metterle in scena nelle piazze del centro. Chi non ricorda Andreuccio da Perugia? Beh, come idea non è male, ma Boccaccio è del Trecento, il secolo degli anni bui, quando morì, Braccio aveva solo sette anni. Pazienza. Visto che si festeggia un’età di passaggio può darsi che sia passata anche da lì, dal paese di Boccaccio, per un po’, per correre poi di nuovo dietro a Braccio che a Perugia riuscì a far tante cose pur non avendoci, in pratica, vissuto mai. Neanche nel 1416, per dire. Capita l’antifona, dopo Guarducci e insieme a lui davanti ai fotografi, si è presentato in piazza un signore che gestisce una società di pulizie. Ha detto che ripulirà gratis tutte le scale del duomo e anche, se il Comune gradisce, quelle del Palazzo dei Priori, così gli operai della Gesenu imparano. Naturalmente in tempo per il giorno del Grande Evento. Stavolta i perugini non potranno scappare, come fanno di solito nel periodo di Eurochocolate perché l’ombra di Braccio li seguirà per tutto l’anno, convegno dopo convegno, taverna dopo taverna, dolce dopo dolce, lezioni nelle scuole e in ogni dove. Non siamo mica su Scherzi a parte. Questi ci credono davvero e non solo loro, purtroppo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Trump mette in dubbio summit con Kim, ma Pompeo si dice ottimista

Trump mette in dubbio summit con Kim, ma Pompeo si dice ottimista

Roma, (askanews) - Nonostante lo scetticismo espresso dal presidente americano, il segretario di Stato, Mike Pompeo si è detto "ottimista" sul fatto che il 12 giugno a Singapore ci sia l'incontro storico tra Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un. Parlando alla stampa dopo le parole pronunciate da Donald Trump nel suo incontro con il leader sudcoreano Moon Jae-in, Mike Pompeo ha ...

 
Spief, Profumo: Gli operai sono dei grandi innovatori

Spief, Profumo: Gli operai sono dei grandi innovatori

San Pietroburgo, (askanews) - Francesco Profumo, presidente della Compagnia di San Paolo, dallo Spief: "Nel corso del mio intervento dello scorso anno, al forum internazionale economico di San Pietroburgo, dissi una cosa che mi sembrava interessante. Nel nostro paese, abbiamo circa l'80% delle aziende che sono soprattutto piccole e medie aziende, che non sono pronte alla trasformazione verso la ...

 
Adr, al via il progetto della Business City a Fiumicino

Adr, al via il progetto della Business City a Fiumicino

Roma, (askanews) - Una porta d'ingresso al Paese unica. Con un centro uffici, servizi dedicati alle imprese e ai professionisti e un polo congressuale da 1.300 posti. Il tutto collegato ai terminal dell'aeroporto e a pochi passi dalla ferrovia e dall'autostrada. E' la nuova Business City di Roma Fiumicino, un progetto da 190 milioni di euro che a regime occuperà oltre 23.500 persone tra impieghi ...

 
Salute

Infettivologi: "Nuovi farmaci anti-Hiv allungano vita, ora migliorare qualità"

Oggi una persona con Hiv che inizia precocemente la terapia e vi aderisce con costanza può contare su un'aspettativa di vita simile a quella della popolazione generale. Un traguardo fino a pochi anni fa quasi irraggiungibile. Temi al centro della decima edizione del 'Congresso nazionale Italian Conference on Aids and Antiviral Research' (Icar) a Roma. Evento promosso dalla Società italiana di ...

 
Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018

Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018