Renzo Massarelli

Buste, mastelli e cassonetti

20.02.2016 - 11:24

0

Se fosse per noi i rifiuti domestici li faremmo evaporare con un soffio magico, che è l'arte di lavorare il vetro ma anche il potere di far crescere o far sparire gli oggetti come nella favola di Biancaneve. In campagna, nel passato, le poche cose che restavano sul tavolo finivano nel camino o venivano recuperate in qualche modo, ma c'era veramente poco da smaltire nelle case di una volta. Nelle città, poi, si buttava quasi tutto dalla finestra. In qualche caso proprio tutto, ma questo ai tempi di Boccaccio. Così, l'idea di doverci occupare delle cose che non ci servono più non arriva in modo naturale nella nostra mente oppressa dal logorio della vita moderna. Noi pensiamo a consumare, che è il nostro compito primario, insieme al lavoro, si capisce, e a ciò che resta ci pensino gli altri. Il camino sempre acceso in città è un lontano ricordo e il nostro cagnolino usa le crocchette. Chi pensa ai rifiuti? Beh, lo sappiamo chi pensa ai rifiuti, ma chi ci pensa non entra nelle nostre case, al massimo ci aspetta fuori. Dunque, per un breve tratto del loro lungo cammino questo compito spetta a noi. Dalla cucina alla strada. Sappiamo anche dove va a finire tutto ciò che non ci serve, ma non ci pensiamo troppo spesso. Le discariche stanno lontane e gli inceneritori, quando ci sono, ancor di più. Protestano solo coloro che ci debbono convivere, le famiglie che hanno la sfortuna di viverci vicino. Così, questo fastidio che dobbiamo sopportare per azzeccare il colore giusto dei sacchetti di plastica che custodiscono per qualche giorno la nostra identità di consumatori e le modeste pratiche da seguire per arrivare al portone di casa ci sembrano un sacrificio, un fastidio, talvolta una fatica. Sono almeno trent'anni che cerchiamo la formula giusta per smaltire al meglio tutto ciò che resta nelle nostre case e che non si può distruggere e tantomeno buttare dalla finestra. Ci stiamo arrivando un po' alla volta e comunque sempre troppo lentamente. Ora c'è questa storia dei mastelli che sostituiscono alcuni giorni della settimana le nostre vecchie buste abbandonate vicino al portone di casa. E' vero, i mastelli sono un po' grandi per le nostre piccole cucine del centro e ci rubano lo spazio. Ci sono famiglie grandi e persone sole. C'è chi deve smaltire i pannolini e chi i pannoloni. Poi c'è la lettiera del gatto ma, soprattutto, c'è un mare infinito di plastica di tutti i formati e di ogni spessore finché non si arriva a quella così sottile che non si sa più a quale genere di rifiuto appartenga. La parola magica, in questo caso, si chiama, lo sappiamo da tempo, raccolta differenziata. E' il minimo che possiamo fare in un mondo dove la questione ambientale tocca direttamente e sempre più da vicino il nostro futuro. Discutere di buste e di mastelli non ci serve. La Gesenu e il Comune hanno fatto un passo in avanti. Magari c'era bisogno di più informazione e di qualche giorno ancora per allenarsi alle difficoltà dei cambiamenti che non sono, certo, insormontabili. Smettiamola di perdere la pazienza e, in qualche caso, anche il decoro civico. In giro c'è ancora troppa confusione e poca responsabilità e non possiamo sempre prendercela con qualcun altro. Non ci possiamo fermare alla lamentazione sulle buste di plastica e sulla dimensione dei mastelli. Nello stesso tempo occorre che il Palazzo si renda conto che questa battaglia si può vincere solo con un grande consenso dei cittadini, aprendo le finestre, facendo di questa questione una delle grandi sfide alle quali chiamare tutta la città. Sappiamo come è messa Gesenu, almeno da ciò che leggiamo sui giornali, poi dovremmo capire meglio come funziona questa scommessa della raccolta differenziata. Come va il recupero della carta? e quella del vetro? E le tariffe sono quelle giuste o c'è chi tira un po' troppo dalla sua parte in una società che è a capitale misto? Insomma, in che mani stiamo e dove vanno a finire i nostri palloncini colorati? Poi c'è il fenomeno dell'evasione legata agli appartamenti fantasma, alla cosiddetta economia in nero. Insomma, c'è troppa gente che non paga e questo non rafforza le ragioni di chi cerca di fare il proprio dovere. Infine, dovremmo sapere che i rifiuti possono essere una risorsa e la raccolta differenziata una scelta chiara, senza ombre. Solo che viviamo in un paese dove questa battaglia è patrimonio di una minoranza. Il governo pensa a imporre un po' ovunque e persino in Umbria un programma per la realizzazione di quei mostri che chiamano graziosamente termovalorizzatori. Ci dicano una volta per tutte cosa vogliono fare in questo paese dove c'è troppo inquinamento, troppi territori indifesi, troppe discariche abusive, troppi interessi melmosi sullo smaltimento dei rifiuti. I nostri mastelli sono una virtù o una presa in giro?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Conte: difenderò il popolo, confermo collocazione Ue dell'Italia

Conte: difenderò il popolo, confermo collocazione Ue dell'Italia

Roma, (askanews) - Il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte ha letto una dichiarazione alla stampa al termine del suo incontro con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per il conferimento dell'incarico, che riportiamo integralmente. "Il Presidente della Repubblica mi ha conferito l'incarico di formare il governo, incarico che ho accettato con riserva. Se riuscirò a ...

 
Casa delle Donne, Lia Migale: "Ecco la nostra verità sul debito"

Casa delle Donne, Lia Migale: "Ecco la nostra verità sul debito"

Roma, (askanews) - "Noi intendiamo pagare il debito con il Comune, ma nella giusta misura", ovvero al massimo 400mila euro tenendo conto fra l'altro dei lavori ordinari e straordinari che la Casa Internazionale delle Donne ha svolto nel complesso del Buon Pastore, a via della Lungara a Roma. Lo spiega Lia Migale, membro del direttivo della Casa, economista e scrittrice, intervistata negli studi ...

 
Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018

Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018