Renzo Massarelli

Perugia anno zero

23.01.2016 - 13:04

0

Le stagioni della città in alto non sono le stesse di quella della pianura. Non ci sono i canti delle cicale in estate e la brina che somiglia alla neve in inverno. Tutto è più lento e silenzioso. Ora che la nebbia se n'è andata ed è arrivata la tramontana la città è quasi deserta. Bisognerà aspettare i raggi del sole dritti a mezzodì lungo Corso Vannucci per sentire negli occhi il lento cambiare delle stagioni e la luce accecante che è il barometro della città, la sua macchina del tempo. Inutile lamentarsi se le vie sono deserte e i negozi vuoti. Fa freddo e la città, come le stagioni, non è più quella di una volta. Non c'è il via vai dei sensali di via Mazzini, i clienti dei soliti negozi che venivano dalla campagna il martedì e il sabato, i pensionati in piazza a discutere, i giovani sulle scalette del duomo, le coppie a spasso con i carrozzini, i professionisti dei tanti mestieri liberali con le loro borse di documenti, gli avvocati, i notai, i geometri e poi gli artigiani a correre a bottega, gli impiegati degli uffici pubblici. Per rivedere la città in movimento si dovrà aspettare la bella stagione e il sonno della tramontana, ma poi, che movimento? Chi si muove ancora in questa città di salite, scale, vicoli deserti? Le associazioni dei commercianti hanno studiato la situazione ed hanno lanciato il consueto allarme. I negozi chiudono, lentamente, un po' alla volta, ma chiudono. Mica tutti, ci mancherebbe, solo uno su quattro in questi anni di crisi. Non è poco. Chiudono o si trasferiscono più in basso dove ci sono, dicono, più parcheggi. Si diffondono un po' ovunque pizzerie e paninoteche, kebab, negozietti dall'identità indefinita, piccolissimi locali che offrono specialità gastronomiche confezionate in buste trasparenti e, soprattutto, birra e vino che più che ai turisti interessano ai giovani, la sera.
Non c’era bisogno di starci a studiar sopra molto. E’ così da tempo. Forse abbiamo semplicemente la memoria corta, ma non siamo all’ anno zero. L’anno zero rappresenta un tempo indefinito che sta lì, alle nostre spalle, senza che si decida a fare un passo in avanti. Di queste cose discutiamo da anni. E' vero, siamo al settimo anno di una crisi economica molto pesante, per questo stiamo fermi in attesa che in fondo al famigerato tunnel si accenda una luce. La gente spende di meno e allora ci disponiamo ad aspettare i turisti che, però, arrivano e se ne vanno in giornata. Per questo ci sono più pizzerie e meno negozi di abbigliamento o, semplicemente, di alimentari, frutta e verdura. Non siamo una città baciata dal turismo di massa però non facciamo altro che aspettare che qualcuno si decida a salire le scalette impervie del colle perugino o che scopra anche il minimetrò e le scale mobili. Il problema è reale, intendiamoci, ben vengano i turisti, ci mancherebbe. Perugia deve però ritrovare se stessa e tornare ad essere una città attrattiva per tutti, in primo luogo per chi ci vive e per chi vorrebbe tornarci. Quando gli esercenti mettono al primo posto il problema della crisi del centro pronunciano la solita parola magica, la vecchia motivazione negativa che si chiama “accessibilità”. Nel farlo pensano ovviamente all'uso dell’auto privata, ai pochi parcheggi, al traffico limitato di mattina. E’ curioso che lo studio di Confcommercio non citi l'espansione abnorme dei supermercati che abbiamo subìto passivamente in questi anni e la fuga dolorosa di tanti residenti che pure sono i loro primi clienti. Del resto, non tutti ma di sicuro la grande maggioranza, non crede più di tanto al centro storico. Adesso va di moda via Cortonese dove i giovani arrivano, parcheggiano, fanno quattro passi quattro e ordinano un bel tagliere di mozzarella, prosciutto e olive. Aperitivi. Così tutti li inseguono. Mac Donald’s ma anche il bel negozio di Paris Ricci, il “Bandito”, che viene chiuso ai Tre Archi, per disporre le vetrine sotto i loro occhi. Questi modelli di consumo si diffondono un po' ovunque in quelle zone che sociologi con la puzza sotto il naso chiamano “non luoghi”.
A Firenze, che pure si gode e subisce il turismo di massa, stanno ripensando la città. Via i locali senza spazio e senza servizi e di discutibile qualità, basta con la vendita di alcolici incontrollata, ai kebab che prendono il posto dei negozi storici, regole nuove per i fast food. Si rispetterà il regolamento dell'Unesco. Patrimonio culturale, salute dell'aria e del cibo. Le città storiche possono cambiare e proporre stili di vita e interessi più vicini alla modernità che citiamo spesso ma non sappiamo cosa sia. A Perugia perdiamo negozi e residenti? Lo sappiamo, succede da decenni, ma qual è il progetto per non restare all'anno zero e non continuare a piangerci addosso?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Cultura

Arriva il docufilm su Bernini

Arriva il docufilm sul genio di Bernini. Presentato da Magnitudo Film, con riprese in 8K, il film riprende la mostra ospitata dalla Galleria Borghese di Roma. Oltre 60 capolavori inquadrati con un occhio impossibile dal vivo per lo spettatore.

 
Spettacolo

“Grease” compie 40 anni

L’amore ai tempi della brillantina. ‘Grease’ compie 40 anni ma è ancora uno dei musical più amati dai giovanissimi. L’amore, l’amicizia, i turbamenti della giovinezza accompagnati da brani che hanno fatto la storia del pop americano e planetario.

 
Cultura

Collacciani racconta un’inedita Marina Ripa di Meana

Nel suo libro ‘Ora ti curo io’, il giornalista Marino Collacciani racconta la sua amica Marina Ripa di Meana. La sua forza, la sua ironia e la sua battaglia contro un male feroce che lei ha però sempre saputo affrontare con coraggio.

 
Spettacolo

Nelle sale il secondo spin off di “Star Wars”

Diretto da Ron Howard, con un grande cast che annovera anche Woody Harrelson, esce nelle sale il secondo spin-off della saga di Star Wars dedicato alle avventure di un giovane Han Solo. Molti anni prima di incontrare Luke Skywalker e il Maestro Jedi Obi-Wan Kenobi, il cinico e scaltro contrabbandiere spaziale bazzicava già i locali più malfamati della galassia in compagnia del fedele wookiee, ...

 
Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Eletta a Corciano

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Carolina Scarscelli, 16 anni, studentessa di Città di Castello è Miss Mondo Umbria 2018. È stata eletta sabato sera al Gherlinda nel corso della finale regionale organizzata ...

21.05.2018