Renzo Massarelli

La qualità della vita

02.01.2016 - 12:34

0

Il tempo della nebbia che sale lungo il colle perugino è già finito. Per qualche giorno abbiamo guardato un fenomeno che pure ci è famigliare con grande stupore ed anche con un po' di orgoglio. Perugia più alta della nebbia e inespugnabile con i suoi campanili di San Domenico e San Pietro. Neanche questa volta ha infranto le regole che impediscono al manto bianco di entrare attraverso le porte del centro antico e di salire oltre la maestà della mura. La nebbia ci piace se possiamo guardarla dall'alto delle nostre finestre e un po' da lontano. I ricordi lontani ci dicono che non si può andare oltre il parco di Santa Margherita. Così è sempre stato e così vorremmo che sia. Accettiamo la nebbia che sale come un regalo a Natale, un omaggio e un inchino alle pietre perugine. Poi arriva il tempo della tramontana, il segnale dell'inverno che spazza via le foschie e ripropone il segno distintivo della città. La nebbia appartiene alla campagna e il vento alla città. E' la tramontana e il suo fischiare minaccioso, non la nebbia lenta e silenziosa, la padrona delle vie perugine ed è la sua forza selvaggia che ne segna l'identità. Guardare il mondo dall'alto, le sue bellezze e le sue miserie, i filari dei pini d'Aleppo e la superstrada con i suoi cantieri perenni, le foschie che sanno di aria inquinata e i colori del tramonto, in basso, dietro la colline di Lacugnana. Stare in alto è una condizione di privilegio che la classifica sulla qualità della vita che ci propone ogni anno un giornale che si occupa di economia dovrebbe considerare. A Perugia, ci dicono, stiamo messi male. Peggio di una metropoli come Roma. La classifica del Sole24ore ci ricorda infatti che la capitale d'Italia è al sedicesimo posto e Perugia al cinquantasettesimo.
Gli esperti del giornale mettono insieme una serie di dati che riguardano però territori più vasti come le province seguendo sei gruppi di indicatori e tanti argomenti diversi. Lo fanno da molti anni ed hanno quindi una lunga esperienza. Però la qualità della vita non è una cosa che si può misurare tanto facilmente perché appartiene ai nostri desideri personali, ai bisogni di tante persone diverse. Non basta buttare in un unico calderone il valore dei depositi bancari e il numero degli scippi, il costo delle case e il numero dei ristoranti e poi agitare. Può essere che dal calderone esca il numero giusto ma può accadere anche il contrario. A Perugia è andata malissimo. Cinquantasettesimo posto su centodieci. Un po' sotto la metà classifica e trenta posti più in basso rispetto all'anno scorso. Poi è arrivata un'altra ricerca, quella di Italia Oggi, altro giornale finanziario. Il posto in classifica è un po' migliore e non ci sono cadute vertiginose. Chissà chi dice il vero. Il fatto è che le città cambiano lentamente, vanno come la nebbia che sale in alto in modo così impercettibile.
Quando escono queste cose sui giornali la politica dà sempre il peggio di sé. Propaganda e superficialità. Com'è, dunque, davvero, la qualità della vita in una città come Perugia? Dipende. C'è chi abita in monolocali umidi ai piani terra e chi in splendidi palazzi signorili. Chi nelle casette a schiera della città nuova e chi nei quartieri popolari lungo il Tevere. Ci sono tante qualità della vita nella vita di ognuno di noi, talvolta persino per chi abita nello stesso condominio e poi la provincia di Perugia è grande. Va da Città di Castello a Norcia. Dal quasi nord al quasi sud. Così, l'unica cosa che possiamo fare è tornare ai dati di due province, quella di Perugia e quella di Terni, alla loro somma, cioè all'Umbria. E' così che possiamo vedere, soprattutto dal punto di vista economico, la discesa verso il basso. Siamo molto più indietro della Toscana e delle Marche, le regioni più vicine, gli stipendi sono più bassi, l'innovazione in tanti settori produttivi non si vede. Poi, però, abbiamo tanti paesi dove le persone arrivano in buona salute oltre i novanta anni. Non hanno conti in banca e forse vanno poco al cinema. Cosa hanno in più degli altri? l'attenzione dei vicini, il senso di una comunità, la solidarietà, la forza della coesione sociale o forse soltanto l'aria pulita? Chissà.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Di Maio: abbiamo fatto nome per premier al presidente Mattarella

Di Maio: abbiamo fatto nome per premier al presidente Mattarella

Roma (askanews) - "Siamo di fronte a un momento storico, abbiamo indicato al presidente della Repubblica il nome che meglio può portare avanti il contratto di governo che presto firmeremo". Lo ha detto il capo politico del Movimento Cinque Stelle, Luigi Di Maio, nelle dichiarazioni alla stampa al termine del colloquio al Quirinale con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella. "Il nostro, qualora il ...

 
Economia

Borse europee chiudono positive, dividendi e politica zavorrano Piazza Affari

Le Borse europee archiviano in progresso la seduta odierna di contrattazioni. Complice la distensione dei rapporti tra Usa e Cina, che lancia la volata ai mercati statunitensi, le principali piazze del Vecchio continente terminano gli scambi con incrementi che vanno dal mezzo punto percentuale di Amsterdam al punto percentuale di Londra. Parigi e Bruxelles si attestano attorno al mezzo punto ...

 
Del Freo (Fnsi): Mondadori sta dismettendo patrimonio editoriale

Del Freo (Fnsi): Mondadori sta dismettendo patrimonio editoriale

"Sta succedendo un fatto molto grave. L'azienda (Mondadori ndr) ha annunciato la cessione di due testate storiche: Tu Style e Confidenze. Questo significa che i colleghi che lavorano su queste testate passeranno a un editore che, a nostro giudizio, non dà le garanzie di un futuro professionale. Per noi il fatto grave è che la Mondadori che un tempo aveva 500 giornalisti, oggi ne ha 250 e sta ...

 
Libri e animali notturni, a Torino nasce lo spazio Faust

Libri e animali notturni, a Torino nasce lo spazio Faust

Torino (askanews) - La notte è fatta di storie, di animali e anche di libri. Per ripensare questo momento della giornata, in molti modi diversi, è nato a Torino Faust, un "Negozio notturno" voluto da Gianluigi Ricuperati e dal suo Institute for Production of Wonder che apre il venerdì e il sabato dalle 21 alle 9 di mattina in via Della Rocca, nel quale si è accolti da opere d'arte ambientale, ...

 
Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Eletta a Corciano

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Carolina Scarscelli, 16 anni, studentessa di Città di Castello è Miss Mondo Umbria 2018. È stata eletta sabato sera al Gherlinda nel corso della finale regionale organizzata ...

21.05.2018

Doppia italia sul podio di Cannes

festival del cinema

Doppia italia sul podio di Cannes

Trionfo dell'Italia al Festival del cinema di Cannes. "Dogman" di Matteo Garrone regala a Marcello Fonte il premio come miglior attore protagonista, mentre Alice Rohrwacher ...

20.05.2018