Renzo Massarelli

La città a strati

05.12.2015 - 14:25

0

Il rischio di sentirci dire che non ce ne va bene una è molto forte. Chi governa però non si può lamentare più di tanto. I perugini mugugnano spesso ma poi si adattano e lasciano perdere. Dunque, avere qualcosa da dire sull'asfalto che viene steso lungo le strade non dev'essere una cosa molto popolare. I soliti criticoni. Meglio non aver niente da dire allora sull'asfalto, solo che c'è asfalto e asfalto, strade e strade. Quelle di Perugia erano un disastro, piene di buche e di insidie per le gomme delle auto ma anche, in qualche caso, dei pedoni. Ora il comune di Perugia, la Provincia o l'Anas, a seconda delle competenze, si sono mossi dopo un lungo periodo, dicono, di limiti di cassa. Insomma, non c'erano i soldi. Adesso l'amata striscia nera ritorna qua e là più bella e levigata che mai. Tutto bene allora? Beh, qualcosa ci sarebbe da aggiungere. Questo catrame viene molto spesso steso a freddo e deposto sopra quello che c'era prima. Così dopo un po' salta di nuovo e ci ritroviamo come prima.
Poi c'è il problema della pavimentazione nel centro antico. Una volta le strade erano di terra e le case di legno. La più bella e più grande Perugia del Medioevo era di pietra, città murata, e le stesse strade lastricate. Almeno la gran parte.
Questo modo di fare non si è perso con il passare del tempo anche se fino all'Ottocento la polvere non è mai mancata. In ogni caso la pietra è stata la regina, non solo delle vie regali, ma anche dei vicoli. Alla fine degli anni settanta c'era un piano che prevedeva il rifacimento di tutte le strade storiche, grandi e piccole. Pietra serena e mattoni rossi secondo la gerarchia delle vie che, a Perugia, tutti conoscono. Poi è arrivata la necessità del risparmio. Fare le cose in fretta e farle così come viene. I più solerti nel riscoprire il catrame sono stati i presidenti delle circoscrizioni lasciandoci vicoli orrendi ma lisci come un biliardo, finché é durato. Era un modo, pare, per prendere più voti. Come portare il breccino nelle vie bianche delle frazioni alla vigilia delle elezioni. Questo andazzo ha assunto poi ritmi insopportabili. Basta guardare piazza Morlacchi che sembra un lago di petrolio o una piazzetta deliziosa dalle parti di via della Viola che si chiama San Giovannino del Fosso, ma sono solo due esempi.
Trasformare però in un torrente nero persino via Bartolo che scorre in discesa dal Duomo a Piazza Grimana è stata davvero un sorpresa. Il catrame sopra le vecchie pietre come soluzione di tutti i nostri disagi, è questo il cinismo beffardo del nostro modo di affrontare i problemi e chiuderli con poca spesa. Così, finiamo con il cancellare un po' alla volta la grande eredità del medioevo mentre progettiamo il Museo del Medioevo. Intanto si sta lavorando all'ineffabile idea del corteo che dovrebbe celebrare "Il più grande umbro di tutti i tempi" e le sue gesta vittoriose.
Perugia è disposta sopra i suoi tre strati millenari. Quello etrusco, quello romano e quello medievale. Ora basta scavare per trovare, nelle strade, la terra battuta, il pavimento in pietra, e il più pratico catrame, figlio della civiltà del petrolio. Abbiamo aggiunto uno strato tutto nuovo e sepolto una grande storia artigianale. Mantenere sempre nuova, grazie alla manutenzione permanente, la bellezza di una città. Questo si dovrebbe fare.
Figuriamoci, c'è ancora chi si chiede ancora dove sia finito il milione di euro concesso dal ministero dei beni culturali alle città che hanno concorso, come finaliste, alla nomina di capitale europea della cultura. Siena, Ravenna, Cagliari, Lecce hanno presentato il loro bilancio con le relative spese. A Perugia niente trasparenza.
Da quel poco che si può capire si tratterebbe in gran parte di spese già programmate da tempo, qualcosa di nuovo, e poi un occhio di riguardo per amici benestanti ma assai bisognosi. Hanno seminato come si fa con il grano. A pioggia e con poche idee. Il fatto è che non val la pena cercare un linguaggio nuovo nel settore degli investimenti per la cultura. La nuova amministrazione è povera, dicono, e carica dei debiti di quella di prima e poi, con il poco tempo a disposizione, non si poteva fare di meglio. Sì, ma cosa?
Il tutto è come il corteo "storico". Si farà ma con quali fondi non è chiaro. Ci sarà da concorrere per un Palio ma qual è la sfida? E i rioni quali sono? Per ora abbiamo soltanto un numero certo sul quale puntare. Il 1416, che al gioco del lotto non accettano. Così, meglio dedicarsi ai lavori pubblici. Come hanno fatto in via Bartolo. Quintali di asfalto sopra la nostra storia. Per un anno stiamo tranquilli, poi, quando torneranno le buche, si metterà qualche toppa. La storia è sempre stata piena di buchi che non abbiamo ancora colmato. Uno in più non ci cambierà la vita.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Casa delle Donne, Migale: siamo il luogo del pensiero delle donne

Casa delle Donne, Migale: siamo il luogo del pensiero delle donne

Roma, (askanews) - La Casa Internazionale delle Donne è il luogo del femminismo romano, e il femminismo significa sviluppo dell'autonomia delle donne: lo dice Lia Migale, membro del direttivo della Casa, economista e scrittrice, intervistata negli studi di askanews sul contenzioso che oppone la Casa al Comune di Roma. "Il cuore è la crescita dell'autonomia delle donne, la presa di coscienza di se ...

 
Casa delle Donne, Lia Migale: "Queste sono le nostre attività"

Casa delle Donne, Lia Migale: "Queste sono le nostre attività"

Roma, (askanews) - Una lista delle attività che svolge la Casa internazionale delle Donne: la fa Lia Migale, membro del direttivo della Casa, economista e scrittrice, intervistata negli studi di Askanews a margine del contenzioso - economico e politico - che oppone la Casa, luogo del femminismo romano, al Comune di Roma. La Casa chiede che sia riconosciuta anche la sua attività sociale, e Migale ...

 
Salute, la dieta mediterranea personalizzata nei bambini

Salute, la dieta mediterranea personalizzata nei bambini

Napoli, (askanews) - Italia e Israele insieme per analizzare la Dieta mediterranea personalizzata nei bambini. E' questo l'obiettivo dello studio Caprii (Children Alimentary Research Italy Israel), la prima indagine pilota internazionale condotta dal Dipartimento di Scienze mediche transnazionali dell'Università Federico II di Napoli, insieme allo Schneider Children's Medical Center e al Weizmann ...

 
Conte: difenderò il popolo, confermo collocazione Ue dell'Italia

Conte: difenderò il popolo, confermo collocazione Ue dell'Italia

Roma, (askanews) - Il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte ha letto una dichiarazione alla stampa al termine del suo incontro con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per il conferimento dell'incarico, che riportiamo integralmente. "Il Presidente della Repubblica mi ha conferito l'incarico di formare il governo, incarico che ho accettato con riserva. Se riuscirò a ...

 
Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018

Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018