Renzo Massarelli

La città più calda

11.07.2015 - 12:53

0

Non è vero che non ci sono più le stagioni di una volta. Ci sono. Il caldo di questa settimana somiglia a quello di tanti altri anni passati e finiremo per ritrovarlo anche nel futuro. Sicuro. A Terni, che con il caldo non si scherza, c'è ancora molta gente che si ricorda di quando il catrame si scioglieva ai bordi della Flaminia e di come si dovesse fare attenzione quando si posava una scarpa sull'asfalto molle. Si ricordano le lunghe estati che si affrontavano dormendo in cantina o bagnando il materasso per creare, per un po', una sensazione di fresco. Le stagioni, con i loro eccessi, tornano sempre anche se non possiamo dimenticare i disastri ambientali che la nostra civiltà sta causando al mondo nel quale viviamo. A Perugia, in effetti, qualcosa è cambiato. Una volta il caldo serio durava una settimana, dieci giorni, poi si tornava a respirare. Uscire di sera per Corso Vannucci senza portarsi dietro un golfino non era una cosa consigliabile. Ad una certa ora, puntuale come un orologio, arrivava un venticello fresco e poi ancora più fresco. Ora sembra che il golfino non sia più necessario e che anche alla somma altezza dell'acropoli si possa passeggiare senza tante precauzioni. Dunque, le stagioni non sono più quelle di una volta ma, certo, non bisogna misurarle con la nostra memoria troppo corta. Bisogna spalmare questa memoria in un tempo molto più lungo e alla fine, forse, su quella di più generazioni. Solo che ai tempi nostri ci sono un sacco di strumenti di controllo decisamente sofisticati che prevedono tutto e tutto misurano. Per questo possiamo stare tranquilli. Solo che ogni tanto c'è qualcosa che non va. A Terni, per esempio, sono stupiti per questo ennesimo primato di Perugia. Va bene che è il capoluogo di regione, che ha due università e molti più abitanti e le mura etrusche e quelle medievali, ma il titolo di città tra le più calde d'Italia questo non è proprio accettabile. Così, a Terni, dove si suda sino allo sfinimento, non capiscono. Ma dove la misurano la temperatura gli esperti? Hanno mai fatto un salto a piazza del Popolo, diciamo, nel tardo pomeriggio? Niente, ogni giorno svetta Perugia con il suo grado in più di Terni. Quando i termometri erano forse meno sofisticati e non c'era ancora questo dato curioso della temperatura percepita Terni veniva nominata spesso nel telegiornale come la città più calda d'Italia. Più di Palermo e di Reggio Calabria o di Firenze e Bologna, città più a nord ma lontane dal mare. A questo primato in città tenevano molto, non solo perché ne parlava la televisione. Quando si toccavano i quaranta gradi era come aver battuto un record nazionale. E poi questo dato non proprio piacevole marcava in qualche modo l'identità di una città che si trova in una conca dove fumano le ciminiere e non tira un alito di vento neanche a pagarlo a peso d'oro. Terni è il caldo dei suoi forni dove si fabbrica l'acciaio, dove stridono i laminatoi, dove si produce l'energia, sia pure grazie alle acque freddissime del Velino. Terni è il fuoco. Perché sminuire la forza delle sue risorse primordiali privilegiando una città posta tranquillamente in collina, ricca dei suoi venticelli estivi e della sua tramontana che in inverno imperversa ma che è sempre lì, perennemente in agguato dietro ogni angolo esposto a nord. Da dove nasce questo grado, dove si trova e dove vanno a cercarlo quelli delle previsioni del tempo? Magari a Sant'Egidio, dove c'è l'aeroporto, chissà. Ma pure in quel posto, in basso e perso tra gli sbuffi di umidità della campagna assolata, i conti non tornano. La conca ternana è un'altra cosa. Il fatto è che le città cambiamo proprio come le stagioni, anzi, in virtù delle stagioni e dei loro impercettibili mutamenti. Sin agli anni sessanta Terni era una città, in inverno, immersa nella nebbia e questo la faceva somigliare a una città inglese con le sue fabbriche e il suo smog. La Manchester italiana. Anche Perugia aveva la sua nebbia che saliva, alla vigilia del Natale, dalle valli più scoscese. La nebbia di Perugia non è però la stessa di Terni. Quella di Terni era una nebbia industriale, figlia dei mille canali del Nera, poi chiusi nel dopoguerra, costruiti per alimentare l'energia idraulica degli opifici. La nebbia di Perugia è più paffuta, come una isolata nuvola bianca in un cielo sereno, nebbia contadina, nebbia della campagna e del fiume. Del resto, c'è ancora, nonostante lo sviluppo edilizio. Solo un po' meno. Che bello parlare di acqua e di nebbia nei giorni della grande calura. A Terni ridiamo però un primato che le spetta, guadagnato, davvero, con il proprio sudore.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Casa delle Donne, Lia Migale: "Ecco la nostra verità sul debito"

Casa delle Donne, Lia Migale: "Ecco la nostra verità sul debito"

Roma, (askanews) - "Noi intendiamo pagare il debito con il Comune, ma nella giusta misura", ovvero al massimo 400mila euro tenendo conto fra l'altro dei lavori ordinari e straordinari che la Casa Internazionale delle Donne ha svolto nel complesso del Buon Pastore, a via della Lungara a Roma. Lo spiega Lia Migale, membro del direttivo della Casa, economista e scrittrice, intervistata negli studi ...

 
Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018

Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018