Renzo Massarelli

Il postino non suona più

21.02.2015 - 13:23

0

Quando a Perugia le poste stavano, ancora negli anni ottanta, a Porta San Pietro, al Crocevia, dove ora c'è un locale per piadine infarcite, e la farmacia Rossi davanti a San Domenico il bel quartiere di Porta Romana poteva chiedere, si diceva allora scherzando, l'autonomia comunale, disporsi come un paese a sé. C'era la stazione dei carabinieri, la caserma della polizia, i vigili del fuoco, e le donnine tutte già vistosamente attempate come servizio di complemento, in via del Cortone, a così tanta abbondanza di divise. Poi le poste hanno cercato una nuova visibilità a Piazza Partigiani, accanto alle scale mobili e la farmacia al cinema Lilli e alla statua di Garibaldi. Sarà stata pure una scelta giusta, magari obbligata, ma con il tempo le due maggiori istituzioni del quartiere hanno perso la loro dimensione comunitaria, il chiacchiericcio del quartiere, la frequentazione abitudinaria, la loro funzione simbolica di distretti direzionali e d'identità territoriale. Insomma, hanno obbedito alla nuove leggi dell'economia disponendosi non dove la gente vive ma dove la gente transita, magari con l'auto. Come farebbero i costruttori di autogrill. Le poste e le farmacie sono i due luoghi di servizio ai cittadini che più si sono trasformate nel tempo seguendo giudiziosamente le tendenze del mercato. Oggi le farmacie non vendono, oltre le medicine, solo pannolini o latte in polvere, ma giocattoli, biscotti dietetici, e poi saponette e prodotti di bellezza, a somiglianza di una profumeria. A guardarle da lontano, con tutti i loro colori, sembrano dei piccoli supermercati. Le poste, poi, non sono più soltanto il luogo di smistamento delle lettere, il recapito mattutino del postino, ma piccole banche, librerie, agenzie di assicurazioni, società telefoniche. Del resto, si diceva agli inizi, Ministero delle Poste e Telegrafi. Così il segmento di mercato più interessante è diventato quello dei telefonini. Non si scrivono più lettere? logico buttarsi sui messaggini. Con il tempo, gli uffici postali hanno perso il loro rapporto con il territorio e, in fondo, ogni loro ragione sociale. Non sono più un servizio pubblico ma aziende, perché tutto ormai viene plasmato seguendo pure logiche mercantili. Non sono aziende anche gli ospedali e non è l'azienda e i suoi valori, l'unica unità di misura del nostro modo di vivere? Così, anche l'ufficio postale di Piazza Partigiani, con i suoi ritmi lenti e la non disprezzabile clientela chiude. Tutto invecchia, anche ciò che sembrava nuovo solo alcuni anni fa. Figuriamoci gli uffici delle frazioni perugine o dei paesini dell'Umbria dove le poste sono ancora e soprattutto il luogo di ritrovo mensile dei pensionati. E' davvero incomprensibile come l'enorme innovazione tecnologica non abbia abbassato i tempi di attesa e le spese, magari anche per i clienti. Nella sede centrale di Piazza Matteotti, almeno nelle ore di punta, si rischia di perdere la mattinata. Si entra, si aspetta e, dopo un po', ci si chiede: perché il computer non ci ha regalato qualche ora di libertà dall'angoscia delle file? Perché, probabilmente, si risparmia sul personale e forse anche perché, nonostante la filosofia aziendale, viviamo ancora in un mondo dove la burocrazia resta il centro di tutto. Così, ogni innovazione non favorisce i cittadini ma il tornaconto dei padroni del vapore che ci sono sempre, come una volta. Perderemo sempre di più il senso del valore di un servizio pubblico sino a dimenticarcelo e non riusciremo ad apprezzare, come si conviene, l'innovazione perché resteremo soggetti passivi di decisioni e di opportunità che possono cogliere soltanto pochi privilegiati. I signori della finanza, le varie caste che si mangiano la ricchezza prodotta da chi ne viene escluso. Adesso la Regione, di fronte alle chiusure di troppi uffici postali, corre ai ripari e offre a condizioni di vantaggio i propri immobili alla grande azienda che una volta si occupava della corrispondenza e delle pensioni. Così sperano di ridurre il danno, a proprie spese. Ma la politica ha abbandonato da tempo i valori dell'interesse pubblico sposando le varie filosofie aziendalistiche, che sono roba diversa dalla necessaria efficienza, all'interno delle istituzioni. Quindi, se il postino non suona più due volte ma solo una e non tutti i giorni di cosa si stupiscono?

renzo.massarelli@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Addio allo schermo? Come sta cambiando l'arte contemporanea

Addio allo schermo? Come sta cambiando l'arte contemporanea

Milano (askanews) - E' stata una delle opere d'arte simbolo degli ultimi anni, premiata alla Biennale di Venezia del 2013 e poi in giro per i musei più importanti del mondo. "Grosse Fatigue" di Camille Henrot sembra per certi versi rappresentare l'opera d'arte perfetta per il mondo contemporaneo, con il suo mix di visionarietà e di enciclopedismo. Eppure quello schermo che è l'elemento ...

 
Enel: arrivano i droni nella centrale di Civitavecchia

Enel: arrivano i droni nella centrale di Civitavecchia

Roma, (askanews) - Arrivano i droni nella centrale Enel di Torrevaldaliga Nord di Civitavecchia. A loro sarà affidato il compito di supportare le attività di esercizio, manutenzione e protezione dell'impianto, grazie a soluzioni sviluppate da due star-up: Convexum e Percepto. In particolare, la start-up "Convexum" ha sviluppato un sistema in grado di impedire il sorvolo dell'impianto da parte di ...

 
Polonia, Lech Walesa incontra un gruppo di manifestanti disabili

Polonia, Lech Walesa incontra un gruppo di manifestanti disabili

Varsavia (askanews) - L'ex presidente polacco e premio Nobel per la pace, Lech Walesa ha incontrato il gruppo di giovani disabili che ha trascorso oltre un mese accampato fuori dal Parlamento polacco per chiedere al governo di centro-destra di aumentare i fondi per i loro magri sussidi. "Farò tutto quanto in mio potere per aiutarvi - ha detto loro il 74enne ex leader di Solidarnosc - però so che ...

 
Salvini: "All'estero non hanno nulla di cui preoccuparsi"

Salvini: "All'estero non hanno nulla di cui preoccuparsi"

Roma (askanews) - "Qualcuno all'estero dovrà cambiare la sua prospettiva. Sarà un governo di speranza e prospettiva, non sarà un governo remissivo". Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini, nelle dichiarazioni alla stampa al termine del colloqui con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella. "Abbiamo fatto il nome del presidente del Consiglio, abbiamo ben chiara squadra e progetto di ...

 
Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Eletta a Corciano

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Carolina Scarscelli, 16 anni, studentessa di Città di Castello è Miss Mondo Umbria 2018. È stata eletta sabato sera al Gherlinda nel corso della finale regionale organizzata ...

21.05.2018

Doppia italia sul podio di Cannes

festival del cinema

Doppia italia sul podio di Cannes

Trionfo dell'Italia al Festival del cinema di Cannes. "Dogman" di Matteo Garrone regala a Marcello Fonte il premio come miglior attore protagonista, mentre Alice Rohrwacher ...

20.05.2018