Renzo Massarelli

Un anno di svolta

27.12.2014 - 15:47

0

Non ci siamo annoiati. Questo non vuol dire che ci siamo divertiti ma, insomma, abbiamo delle cose da raccontare, belle o brutte che siano. Così, ora possiamo aspettare che arrivi il nuovo anno, tirare il fiato e pretendere che il futuro che ci aspetta non ci regali troppe delusioni. Quando guarderemo l'infinito dai giardini Carducci, cercando qualche conferma alle nostre speranze, lo faremo con la certezza di poter leggere segnali positivi lassù, tra le corse folli dei fuochi di fine anno, tra i mille colori che illuminano il cielo. Non ci siamo annoiati, certo. Abbiamo visto il ritorno di Sandri e del cinema Modernissimo. Non ci speravamo, possiamo tranquillamente confessarlo. Intanto San Bevignate è ancora lì, al suo posto, e senza la presenza del famigerato collegio. Tra un paio d'anni potrebbe presentarsi alla città il mercato coperto rimesso a nuovo. Vedremo come sarà e se tutto andrà per il meglio. E' vero, abbiamo perso l'occasione di diventare la capitale europea della cultura. Non era facile vincere, ma perdere non fa mai piacere. E poi c'è stato l'evento storico, una cosa che non era mai successa in settanta anni, a parte una parentesi sul finire degli anni sessanta con regole elettorali, però, molto diverse. Insomma, la sconfitta delle sinistre. Ci speravano in molti ma ci credevano in pochi, però è successo e se è successo una ragione ci deve pur essere. Ora governa una coalizione un po' troppo eterogenea, forse, presa quasi di sorpresa da una vittoria così travolgente e inaspettata. A sinistra non hanno ancora realizzato e, del resto, per elaborare il dolore per una sconfitta così ci vuole tempo. Questo tempo non dev'essere ancora arrivato perché si vede a occhio nudo che il ruolo dell'opposizione è duro da onorare per chi ha vissuto per così tanto tempo con la rendita di un tesoretto politico che sembrava illimitato e inattaccabile. Il 2014 l'avremmo volentieri chiuso così, con le cose buone e quelle meno buone, con i successi e le sconfitte. Non è stato un anno grigio, banale. Se sia stato anche di svolta potremo capirlo più avanti. Il fatto è che la storia delle infiltrazioni mafiose ha cambiato tutto lo scenario che pensavamo di conoscere perché qui c'è il segnale nefasto di una malattia dalla quale pensavamo ormai di uscire in fretta. Il problema della sicurezza, le morti per droga, la cosiddetta microcriminalità. Sono queste le cose che ci hanno angustiato in questi ultimi tempi. Così, mentre guardavamo con preoccupazione ciò che si svolgeva davanti ai nostri occhi, non vedevamo ciò che stava corrompendo la rete della nostra fragile socialità e che era ed è ancora la causa centrale di tutti i nostri problemi. Tutti. E' dai tempi della ricostruzione dopo il terremoto del '97 che una talpa vorace e niente affatto cieca scava il terreno sul quale ci muoviamo inconsapevoli ogni giorno. Non ci voleva molto a capirlo. Bastava, per dire, analizzare i dati degli interventi dei Sert per l'assistenza ai tossicodipendenti, coloro che i benpensanti chiamano "tossici", per vedere come il fenomeno dell'eroina abbia fatto un salto in avanti micidiale dopo l'arrivo in Umbria delle società dell'edilizia e dei gruppi che le controllano. Poteri dello Stato e anche quelli locali non hanno capito.. Si sono occupati dei lavavetri e dei mendicanti. Hanno rincorso gli spacciatori per i vicoli della città, i manovali, pensando di risolvere così ogni problema. Ogni tanto arrivava qualche prefetto che ci faceva i complimenti. "Che bella l'Umbria" e che pace. Non sapevano o forse non avevano studiato abbastanza, chissà. Poi, sono bastati pochi ma capaci servitori dello Stato per rovesciare il tappeto sotto il quale abbiamo nascosto molta polvere per quasi un ventennio. E' così che chiudiamo il 2014. Con la speranza che sia stato davvero un anno di svolta. Se no, speriamo nel prossimo.

renzo.massarelli@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Venezia-Perugia si sposta a San Siro: Nesta e Inzaghi, clima play off
CALCIO SERIE B

Venezia-Perugia si sposta a San Siro: Nesta e Inzaghi, clima play off

Anche tecnico e fantasista del Perugia sono stati protagonisti de “La notte del maestro”, la serata d’addio al calcio di Andrea Pirlo di lunedì 21 maggio a San Siro. Nesta e Diamanti hanno risposto alla convocazione dell’ex compagno azzurro per dare spettacolo insieme a tantissime stelle del calcio. In campo chiaramente anche il tecnico del Venezia, Pippo Inzaghi. Bobo Vieri, con un video su ...

 
"Hotel Gagarin", Amendola: speranza è nella curiosità per l'altro

"Hotel Gagarin", Amendola: speranza è nella curiosità per l'altro

Roma, (askanews) - In un film divertente e poetico come "Hotel Gagarin", diretto da Simone Spada, nei cinema dal 24 maggio, Claudio Amendola interpreta un personaggio romantico e sognatore. Con Luca Argentero, Giuseppe Battiston, Barbora Bobulova, Silvia D'Amico, Caterina Shulha, si ritrova in un hotel isolato dell'Armenia: il progetto di girare un film è saltato ma quell'imprevisto, in quel ...

 
A Santa Cecilia torna Jakub Hrusa, alfiere della musica ceca

A Santa Cecilia torna Jakub Hrusa, alfiere della musica ceca

Roma, (askanews) - Chiamiamolo pure un alfiere della musica ceca nel mondo. Jakub Hrusa torna con la sua esperienza internazionale al Parco della Musica; la seconda volta per il maestro praghese sul podio dell'orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia. La magia della musica, ripete il giovane maestro, si rinnova ogni volta nell'esecuzione in sala: " Tutto il divertimento, tutto il significato del ...

 
Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Eletta a Corciano

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Carolina Scarscelli, 16 anni, studentessa di Città di Castello è Miss Mondo Umbria 2018. È stata eletta sabato sera al Gherlinda nel corso della finale regionale organizzata ...

21.05.2018