Renzo Massarelli

Al Carmine torna la luce

20.12.2014 - 09:24

0

E’ cambiato tutto anche se, in fondo, non è cambiato nulla. Basta aspettare che le luci della sala si spengano e, come in una dissolvenza incrociata, si accenda lo schermo, lo stesso che avevamo visto l’ultima volta quattordici anni fa. Il cinema in fondo è lui, il telone bianco. E' passato un sacco di tempo e chissà se si ricorda ancora le storie che ci ha raccontato dopo tutti questi anni di buio e di silenzio. Uno schermo che non si illumina più è una cosa molto triste. E' come se si fosse spenta la fantasia che è la rappresentazione più spettacolare della realtà. Quando chiuse i battenti, il piccolo cinema del Carmine, come chiamavano il Modernissimo i vecchi perugini per via della chiesa vicina nel quartiere di Porta Pesa, si capì subito che le cose per la città e per tutti noi sarebbero cambiate. E' vero, era solo una piccola sala per film d'essai, molto fuori mano e nello stesso tempo a due passi dai grandi monumenti cittadini, quindi non un trascurabile cinema di periferia. Siccome un cinema così, per così tante ragioni, non poteva chiudere, il fatto che fosse successo ci diceva che il futuro non ci avrebbe regalato nulla di buono. Nel giro di qualche anno chiusero tutte le grandi sale storiche. Il Lilli, il Turreno e infine, un po' più tardi, il Pavone. Ha resistito solo lo Zenith, nel suo piccolo.

Lo stesso quartiere di Porta Pesa cominciò a spopolarsi con via della Viola al centro di un angoscioso processo di decadenza. E' come se la linfa che si liberava dal Carmine si fosse inaridita e avesse disseccato la forza vitale di un'arteria assai importante in quella trama così complessa di strade e di palazzi che è la città antica. In quel tempo capimmo che Corso Vannucci non vale nulla, se non come puro palcoscenico di eventi episodici, se viene meno la vitalità sociale dei borghi e delle sue vie regali che li attraversano per andarsene lontano, verso il mondo.
Con il Modernissimo ormai chiuso si disperse la comunità che di quel cinema rappresentava la forza e l'identità. Si trattava di persone che quando decidevano di uscire la sera non cercavano l'elenco degli spettacoli, magari lo cercavano, ma prima di tutto si trattava di capire cosa c'era da vedere al Modernissimo. Un cinema è un luogo vivo proprio per questo, seleziona sensibilità culturali, interessi comuni e, quindi, aggrega un impasto sociale tutto speciale che alla fine, sera dopo sera, si conosce e si riconosce. Quello spicchio di città, quella Perugia di una volta esiste ancora, magari si avvicina a se stessa e si allontana nel tempo come stormi di uccelli in volo, cambiano i volti delle persone un po' alla volta, ma resiste e dice la sua, anche se non appare sul palcoscenico. Per questo i luoghi della cultura possono essere indistruttibili anche quando le ragioni misteriose del mercato li mettono in disparte.

Quando il 15 ottobre del 2000 uscì su questo giornale un articolo dal titolo "Il Modernissimo che chiude" la città ebbe un sussulto. Ci furono assemblee, polemiche e rabbia, promesse di tavoli di confronto, commissioni di lavoro per trovare delle soluzioni e poi tanto, tanto disinteresse. La città aveva altri problemi, mille emergenze e pochissime idee. Adesso che lo schermo del Modernissimo si è illuminato di nuovo non possiamo pretendere che tutto sia come prima e non è necessario che lo sia.

Ora abbiamo il post Modernissimo che è tutta un'altra cosa, con tre sale, un bar all'ingresso e il profumo di calce fresca. Però lo spirito del luogo è lì, davanti allo schermo di una volta e nella sala di sempre, la più grande. Non c'è più la pellicola, il suo fruscio, gli inevitabili intoppi, ogni tanto. Ora c'è il digitale. Come passare dalla macchina da scrivere al computer. E' volata davvero una lunga stagione. Il miracolo del Post Modernissimo porta il nome di quattro nuovi gestori che sono arrivati all'improvviso, partoriti da una città che non sa più parlare ai giovani perché non ha più nulla da offrire, se non le cose di sempre. Questa volta è andata diversamente. Magari da domani la vecchia linfa tornerà a diffondersi di nuovo nelle vie silenziose del Carmine per far risvegliare la città ripiegata, al solito, dentro i suoi problemi di sempre. Investimenti puliti, partecipazione popolare, trasparenza, il volto senza ombre di quattro giovani di casa nostra. E' ciò che aspettavamo, alla vigilia di Natale.

renzo.massarelli@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Champions, tutto pronto a Kiev per la finale Real-Liverpool

Champions, tutto pronto a Kiev per la finale Real-Liverpool

Roma, (askanews) - Tutto pronto a Kiev per la finale di Champions League tra Real Madrid e Liverpool. Tifosi e festa per la città, ma non mancano le tensioni, cominciate ieri con scontri tra tifoserie che ha portato a diversi feriti all'interno della capitale ucraina. E' poi arrivata anche la minaccia del terrorismo, come riporta su Facebook Interfax. L'allarme è però rientrato subito.

 
Granelli: a Ronchetto talpe M4 pronte a partire

Granelli: a Ronchetto talpe M4 pronte a partire

Milano, (askanews) - Tutto pronto a Ronchetto per la partenza delle due talpe Tbm che in 12 mesi scaveranno la tratta ovest della M4 fino a Solari. L'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli che ha partecipato all'Open Day organizzato da M4 per permettere ai cittadini di vedere le talpe e visitare il cantiere. "Oggi - ha dichiarato Granelli - è un momento importante perché da ...

 
Coree, nuovo incontro tra Moon Jae-in e Kim Jong Un

Coree, nuovo incontro tra Moon Jae-in e Kim Jong Un

Roma, (askanews) - Il presidente sudcoreano Moon Jae-In ha incontrato il leader della Corea del Nord, Kim Jong Un: lo hanno annunciato fonti ufficiali di Seoul, dopo lo storico terzo summit intercoreano di fine aprile. L'incontro ha avuto luogo nella zona demilitarizzata che divide il Sud dal Nord. La Casa Blu, ufficio presidenziale della Corea del Sud, ha reso noto che i due leader hanno avuto ...

 
La Francia in piazza contro le politiche sociali di Macron

La Francia in piazza contro le politiche sociali di Macron

Roma, (askanews) - La Francia scende in piazza contro le politiche sociali del presidente Macron. La manifestazione nella giornata della "Marea popolare", in risposta alla convocazione di una sessantina di sindacati, contro la politica di Macron. Diverse migliaia di persone hanno iniziato a sfilare da Gare de l'Est verso Place de la Bastille. Tra gli organizzatori della protesta figurano Attac e ...

 
Due Mondi tra realtà e sogno

Tutte le star del festival

Due Mondi tra realtà e sogno

Il Minotauro sarà l'opera inaugurale della 61esima edizione del festival dei Due Mondi. Il testo, ispirato al libro di Durrenmatt, è reso in musica della compositrice Silvia ...

25.05.2018

I My Mine presentano il nuovo album

I My Mine

Italo disco

I My Mine presentano il nuovo album

Venerdì 25 maggio i My Mine presenteranno al Mishima di Terni il nuovo album “83-18” che rappresenta il loro ritorno sulla scena della musica elettronica. La band simbolo ...

24.05.2018

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018