Renzo Massarelli

La solitudine degli operai

01.11.2014 - 14:19

0

Se li hanno menati è perché pensavano di poterlo fare impunemente, di poterselo permettere. Il manganello è sempre stato uno strumento così. Manda un messaggio, ristabilisce delle gerarchie e misura lo squilibrio delle forze in campo.

Produce delle ferite dolorose ma superficiali e, nello stesso tempo, lascia per sempre impresso il suo linguaggio nel profondo del cuore, con il peso dell'umiliazione e dell'impotenza. E' questa la sua funzione più importante, una funzione pedagogica, in qualche modo. Per questo è stato un simbolo del fascismo ed è per questo che il suo uso così brutale ci appare oggi anacronistico e un po' ridicolo. Il manganello è uno strumento che ha segnato anche altre epoche della storia italiana. Queste epoche, quei tempi lontani, restano ben impresse nella moria del movimento operaio. Gli anni cinquanta, segnati dal peso della guerra fredda, gli anni settanta che suscitarono nuove speranze. Il manganello è stato sempre lì, onnipresente, nelle piazze dove si riuniva il mondo del lavoro.
Poi la situazione politica, prima lentamente e poi sempre più velocemente, è cambiata. Gli operai, altrettanto velocemente, sono stati relegati ai margini della scena, messi in un canto dalle regole spietate della globalizzazione e dei nuovi poteri della finanza e della rendita.
Se questa è la realtà di oggi perché riemerge il vecchio simbolo della repressione e del potere autoritario? Il pestaggio degli operai delle acciaierie di Terni ci manda un messaggio inquietante. Non sono le squadre del fascismo, non è il pugno di ferro della polizia di Mario Scelba, non è l'arroganza del potere già declinante della prima repubblica durante il cosiddetto "autunno caldo", ma il governo "progressista" che oggi guida il paese a spedire questa brutta lettera. Il fatto è che, oltre le etichette, gli operai sono soli. Chi crede sul serio alle ragioni di chi difende il diritto all'esistenza di una delle eccellenze produttive di questo paese? La Regione, il comune di Terni dispongono di un potere contrattuale molto debole e poi, bisogna riconoscerlo, di fronte alla forza delle multinazionali gli enti locali non sono riusciti in questi anni a incidere, a proporre un loro punto di vista, a far camminare le intese e i programmi concordati nel tempo con la Tyssen Krupp. Poi c'è il governo che scopre il tema del lavoro quando c'è un'emergenza, ma si vede da lontano che quello non è il suo mondo. Non diciamo del ministro dell'interno e della polizia Angelino Alfano o della ministra, scuola Confindustria, Federica Guidi ma dello stesso capo del governo Matteo Renzi, i tre personaggi in cerca di autore nella storia di questi giorni. Si barcamenano tra la loro cultura lontana dal mondo produttivo, dai suoi protagonisti in carne e ossa, e dai doveri imposti dal loro ruolo di governanti. Si mettono al centro cercando di "mediare tra le parti". La mediazione è un'arte nobile ma in questa vicenda non ci sono parti neutre. Ci sono gli interessi di una multinazionale e quelli del nostro paese, quelli di aziende tedesche e quelli concorrenti di aziende italiane. E poi c'è l'Europa con le sue cervellotiche regole dell'antitrust che, anche in questa vicenda, hanno favorito gli interessi industriali della Germania. Intanto anche il secondo forno delle acciaierie è rimasto solo, in attesa del proprio destino. Lui forse neppure lo sa, ma il suo ruolo è davvero centrale per il futuro di una della più importanti acciaierie del nostro paese. Senza la produzione del secondo forno non si possono più produrre i grandi fucinati, altra eccellenza ternana, e le stesse linee dei laminati a caldo e a freddo, i treni, come li chiamano, resterebbero monche. L'acciaieria di Terni sarebbe declassata a semplice officina, a laminatoio, finché dura e finché i padroni del vapore non decideranno altrimenti, a Berlino o a Bruxelles. La solitudine degli operai, ma anche la loro straordinaria risposta, ci ha fatto però capire una cosa, in questi giorni. Come fanno i nostri governanti a difendere gli interessi italiani senza di loro? Non si può. Allora, facciano un gesto di umiltà piuttosto che correre da soli. Da soli non si va da nessuna parte e non si vince mai. Neanche con i manganelli.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Venezia-Perugia si sposta a San Siro: Nesta e Inzaghi, clima play off
CALCIO SERIE B

Venezia-Perugia si sposta a San Siro: Nesta e Inzaghi, clima play off

Anche tecnico e fantasista del Perugia sono stati protagonisti de “La notte del maestro”, la serata d’addio al calcio di Andrea Pirlo di lunedì 21 maggio a San Siro. Nesta e Diamanti hanno risposto alla convocazione dell’ex compagno azzurro per dare spettacolo insieme a tantissime stelle del calcio. In campo chiaramente anche il tecnico del Venezia, Pippo Inzaghi. Bobo Vieri, con un video su ...

 
"Hotel Gagarin", Amendola: speranza è nella curiosità per l'altro

"Hotel Gagarin", Amendola: speranza è nella curiosità per l'altro

Roma, (askanews) - In un film divertente e poetico come "Hotel Gagarin", diretto da Simone Spada, nei cinema dal 24 maggio, Claudio Amendola interpreta un personaggio romantico e sognatore. Con Luca Argentero, Giuseppe Battiston, Barbora Bobulova, Silvia D'Amico, Caterina Shulha, si ritrova in un hotel isolato dell'Armenia: il progetto di girare un film è saltato ma quell'imprevisto, in quel ...

 
A Santa Cecilia torna Jakub Hrusa, alfiere della musica ceca

A Santa Cecilia torna Jakub Hrusa, alfiere della musica ceca

Roma, (askanews) - Chiamiamolo pure un alfiere della musica ceca nel mondo. Jakub Hrusa torna con la sua esperienza internazionale al Parco della Musica; la seconda volta per il maestro praghese sul podio dell'orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia. La magia della musica, ripete il giovane maestro, si rinnova ogni volta nell'esecuzione in sala: " Tutto il divertimento, tutto il significato del ...

 
Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Eletta a Corciano

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Carolina Scarscelli, 16 anni, studentessa di Città di Castello è Miss Mondo Umbria 2018. È stata eletta sabato sera al Gherlinda nel corso della finale regionale organizzata ...

21.05.2018