Renzo Massarelli

Dietro l’angolo del 2019

13.09.2014 - 10:23

0

Ormai ci siamo. Il 2019 si è improvvisamente avvicinato e la scelta della città capitale europea della cultura è dietro l'angolo. Se Perugia vince sarà una corsa lunga cinque anni ma dobbiamo augurarci che lo sia comunque perché il progetto presentato dalla Fondazione di Bruno Bracalente assomiglia molto a un programma per la città, comunque andranno le cose. Certo, arrivare primi aiuta assai dal punto di vista finanziario. Se no, si dovrà fare da soli, il che è tutto un altro paio di maniche. Le riflessioni e le proposte che si fanno nel progetto Perugia capitale della cultura si muovono attorno all'immagine di questa città, che è di medie dimensioni, diversa, ovviamente, dalle metropoli dove in genere la qualità della vita è mediocre e dove però sono alte le opportunità, al contrario di quelle piccole dove la qualità della vita è alta ma le opportunità decisamente scarse. Affrontare il problema della riqualificazione delle città medie non è semplice, soprattutto nel caso di Perugia. Questa città non solo è cresciuta assai in questi ultimi decenni ma sono cresciute anche quelle vicine, che sono piccole ma molto dinamiche e molto voraci per ciò che riguarda il consumo del territorio. Perugia, quindi è al centro di un'area di tipo metropolitano e poi custodisce lassù in alto la sua parte antica. Quello di Perugia è un centro storico isolato dove si affermano, paradossalmente, le dinamiche delle piccole città, come lo spopolamento, e poi c'è una parte nuova che insegue a suo modo i vizi e le virtù delle grandi città. Perugia non somiglia affatto, in questo senso, a Siena o a Matera o a Ravenna, per dire di alcune città che le sono in questo momento concorrenti.
Come se l'è cavata in questo senso il gruppo che ha lavorato in questi due anni al progetto di Perugia capitale della cultura? Beh, staremo a vedere come andranno le cose, i giudizi spettano alla commissione e in questi casi un po' di prudenza è d'obbligo. Difficile, per dire, definire il grado di innovazione, che dev'essere il parametro più pregiato e vincente in questi progetti, all'interno delle cento pagine del documento. In un centro storico innovare è sempre un'operazione delicata. E' possibile farlo e in qualche caso persino necessario ma qui non si parla di fabbriche dismesse da trasformare in luoghi della modernità e della sensibilità culturale dei giorni nostri ma di un tessuto medievale delicatissimo dove si aggirano non tanto i fantasmi del passato quanto i problemi della nostra contemporaneità. La sicurezza, la mobilità, la solitudine, lo sfrangiamento del tessuto sociale. Per questo, forse, è diventato inevitabile, nel documento per Perugia capitale della cultura, tornare ai luoghi e ai contenitori che hanno animato le discussioni e le polemiche cittadine in questi ultimi anni. Il mercato coperto, il Palazzo della Penna, il Turreno, gli Arconi, il Pavone, l'Auditorium e, soprattutto, il carcere maschile dismesso. E' tra le vecchie mura di questo imponente e triste edificio, poste a ridosso della Rocca Paolina, che si gioca la partita più importante ed è forse per questo che le proposte di un suo riuso legato all'economia della conoscenza non sono ancora sufficientemente definite. Comunque, siamo lì, ai soliti contenitori.
Nel documento ci sono delle pagine molto belle quando si naviga nell'immateriale e nelle rappresentazioni simboliche del linguaggio di una città che è stata grande al tempo degli etruschi, dei romani e, soprattutto, della civiltà dei comuni. Il passato ha radici profonde e questa è la forza di una città come questa. Per vincere la partita del 2019 tutto questo non basterà. La forza evocativa del passato deve necessariamente aprirsi di fronte ai panorami lontani che ci parlano del domani. Vecchio problema di una città dagli orizzonti infiniti e dalla solita miopia che le impedisce, troppo spesso, di sentirli vicini.
Forse, ogni tanto, dovremmo salire sulla torre campanaria del comune e ripensare Capitini che immaginava Perugia come una moderna Gerusalemme, alta sulla collina. Ecco, forse, sul tema della pace e della non violenza dovremmo dire qualche parola in più all'Europa del liberismo e della finanza. Così, sarebbe più facile, comunque vadano le cose, diventare una delle capitali culturali di questo vecchio continente.
renzo.massarelli@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Casa delle Donne, Migale: siamo il luogo del pensiero delle donne

Casa delle Donne, Migale: siamo il luogo del pensiero delle donne

Roma, (askanews) - La Casa Internazionale delle Donne è il luogo del femminismo romano, e il femminismo significa sviluppo dell'autonomia delle donne: lo dice Lia Migale, membro del direttivo della Casa, economista e scrittrice, intervistata negli studi di askanews sul contenzioso che oppone la Casa al Comune di Roma. "Il cuore è la crescita dell'autonomia delle donne, la presa di coscienza di se ...

 
Casa delle Donne, Lia Migale: "Queste sono le nostre attività"

Casa delle Donne, Lia Migale: "Queste sono le nostre attività"

Roma, (askanews) - Una lista delle attività che svolge la Casa internazionale delle Donne: la fa Lia Migale, membro del direttivo della Casa, economista e scrittrice, intervistata negli studi di Askanews a margine del contenzioso - economico e politico - che oppone la Casa, luogo del femminismo romano, al Comune di Roma. La Casa chiede che sia riconosciuta anche la sua attività sociale, e Migale ...

 
Salute, la dieta mediterranea personalizzata nei bambini

Salute, la dieta mediterranea personalizzata nei bambini

Napoli, (askanews) - Italia e Israele insieme per analizzare la Dieta mediterranea personalizzata nei bambini. E' questo l'obiettivo dello studio Caprii (Children Alimentary Research Italy Israel), la prima indagine pilota internazionale condotta dal Dipartimento di Scienze mediche transnazionali dell'Università Federico II di Napoli, insieme allo Schneider Children's Medical Center e al Weizmann ...

 
Conte: difenderò il popolo, confermo collocazione Ue dell'Italia

Conte: difenderò il popolo, confermo collocazione Ue dell'Italia

Roma, (askanews) - Il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte ha letto una dichiarazione alla stampa al termine del suo incontro con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per il conferimento dell'incarico, che riportiamo integralmente. "Il Presidente della Repubblica mi ha conferito l'incarico di formare il governo, incarico che ho accettato con riserva. Se riuscirò a ...

 
Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018

Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018