Perugia che cresce

25 maggio 2013

25.05.2013 - 15:23

0

La città ha ormai superato da molto tempo quella lunga barriera artificiale che è costituita dalle sue superstrade, la E45 e il raccordo verso il lago. Il traffico pesante, quella del pendolarismo quotidiano, tocca da vicino i quartieri e le frazioni. Il fatto è che la crescita impetuosa della città sfugge persino alla nostra memoria così che non ci rendiamo conto dei cambiamenti che avvengono davanti ai nostri occhi distratti dal traffico e dai semafori. Ci sono quartieri, come San Sisto o anche Ponte San Giovanni o anche una zona fuori mano come San Marco, che in pochi anni hanno cambiato profondamente la loro struttura di vecchi quartieri periferici.
Oggi sono semplicemente la nuova città, il centro dei nuovi traffici e dei nuovi investimenti immobiliari, commerciali, artigianali o che altro ancora, la linfa che ci ha regalato in pochi decenni una crescita demografica senza precedenti e senza tanti altri paragoni possibili tra le città italiane di queste dimensioni. Oggi Perugia è la terza città del centro Italia o, in verità, la quarta, dopo Prato, che però gravita nell’area fiorentina. E’ vero che è il capoluogo di una regione, manonera affatto scontato che diventasse più grande e, per certi aspetti, più dinamica, per dire, di Ancona, Pisa, Viterbo.
Persino la rivalità con Terni, che sempre Umbria è, si è risolta e chiusa senza tante discussioni. Terni negli anni settanta era una delle capitali industriali di questo paese, con le sue fabbriche siderurgiche, metalmeccaniche, chimiche e guardava dall’alto delle sue ciminiere l’Umbria rurale dei piccoli centri e la stessa Perugia dei commercianti e della burocrazia statale. Il sorpasso, dopo i primi centomila abitanti, sembrava una cosa sicura, una questione di poco tempo. Le cose sono andate come sappiamo e per le ragioni che sappiamo. Ora, il numero degli abitanti non è la misura di tutto, anzi. Può essere che non sia la misura, per dire, della qualità della vita di una città e neanche della sua modernità, che è questione molto più complessa. Però è un dato dal quale si deve di necessità partire per misurare tutti gli altri.
La città nuova che vediamo oggi è spezzettata e incoerente, si perde nel territorio e insegue la direzione di uno sviluppo del quale non abbiano coscienza. La città nuova ci disorienta perché non è capace di regalarci il sogno unitario di una patria. E’ la storia che unifica un territorio e lo rende riconoscibile. Noi siamo capaci di non perderci nella città dove abitiamo perché ci muoviamo tra presenze antiche che hanno rappresentato nel tempo una specie di educazione civica, forte e permanente.
La città nuova che vediamo crescere senza capirne le ragioni si preoccupa solo di piacere, di essere attrattiva non per le sue virtù urbane, i palazzi, le piazze, i giardini, ma per le sue immense vetrine, per gli outlet, i grandi magazzini, la sua informe diversità postmoderna. Pensavamo che dopo la grande fuga dal centro antico e dai suoi cinque borghi e l’affermarsi della città diffusa con le sue ville blindate sotto i lecci di Monte Malbe, della Trinità o del colle di Lacugnana e con i pesanti condomini di via Sicilia, via Cortonese, Ferro di Cavallo, la città si sarebbe fermata lì, soddisfatta e satolla della sua prima grande rivoluzione urbana.
Ora sappiamo che quella altro non fu che la prova generale della esplosione edilizia che sarebbe arrivata nel nuovo secolo, il vero boom di una storia lunga mille anni, il più grande e irripetibile. La Perugia dei 169 mila abitanti ci è costata molto perché una città che cresce, intanto che costruisce i suoi palazzi, le sue strade, i suoi supermercati, si lascia dietro molte macerie.
Su alcune di queste, come a Monteluce, dov’era il vecchio ospedale, nascerà un nuovo quartiere, l’ennesimo, ma con l’ambizione di superare per qualità urbana tutti gli altri. Sulle altre, sulla distruzione di così tanto territorio, sulle dolci colline segnate all’orizzonte dai pini d’Aleppo, sull’inevitabile declino del centro antico, sulle ferite prodotte in una società frammentata e smarrita c’è ancora molto da riflettere. OggiPerugia è davvero una città nuova. Durante questa lunga corsa abbiamo creduto di poter andare verso un futuro migliore. Oggi non sappiamo ancora se il futuro è qui, se possiamo toccarlo e misurare le sue tante virtù. Beh, ci dicano almeno a che punto siamo arrivati e quali risultati abbiamo raggiunto. A Palazzo dei Priori non si fa ogni anno il bilancio? E’ questo il bilancio da fare. Adesso.

Renzo Massarelli
renzo.massarelli@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Trump mette in dubbio summit con Kim, ma Pompeo si dice ottimista

Trump mette in dubbio summit con Kim, ma Pompeo si dice ottimista

Roma, (askanews) - Nonostante lo scetticismo espresso dal presidente americano, il segretario di Stato, Mike Pompeo si è detto "ottimista" sul fatto che il 12 giugno a Singapore ci sia l'incontro storico tra Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un. Parlando alla stampa dopo le parole pronunciate da Donald Trump nel suo incontro con il leader sudcoreano Moon Jae-in, Mike Pompeo ha ...

 
Spief, Profumo: Gli operai sono dei grandi innovatori

Spief, Profumo: Gli operai sono dei grandi innovatori

San Pietroburgo, (askanews) - Francesco Profumo, presidente della Compagnia di San Paolo, dallo Spief: "Nel corso del mio intervento dello scorso anno, al forum internazionale economico di San Pietroburgo, dissi una cosa che mi sembrava interessante. Nel nostro paese, abbiamo circa l'80% delle aziende che sono soprattutto piccole e medie aziende, che non sono pronte alla trasformazione verso la ...

 
Adr, al via il progetto della Business City a Fiumicino

Adr, al via il progetto della Business City a Fiumicino

Roma, (askanews) - Una porta d'ingresso al Paese unica. Con un centro uffici, servizi dedicati alle imprese e ai professionisti e un polo congressuale da 1.300 posti. Il tutto collegato ai terminal dell'aeroporto e a pochi passi dalla ferrovia e dall'autostrada. E' la nuova Business City di Roma Fiumicino, un progetto da 190 milioni di euro che a regime occuperà oltre 23.500 persone tra impieghi ...

 
Salute

Infettivologi: "Nuovi farmaci anti-Hiv allungano vita, ora migliorare qualità"

Oggi una persona con Hiv che inizia precocemente la terapia e vi aderisce con costanza può contare su un'aspettativa di vita simile a quella della popolazione generale. Un traguardo fino a pochi anni fa quasi irraggiungibile. Temi al centro della decima edizione del 'Congresso nazionale Italian Conference on Aids and Antiviral Research' (Icar) a Roma. Evento promosso dalla Società italiana di ...

 
Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018

Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018