L’autostrada umbra

2 febbraio 2013

02.02.2013 - 15:46

0

 Il suo tracciato si snoda deciso da nord a sud e, a guardarlo sulla cartina geografica, non sembra quello di una strada dei tempi nostri quanto piuttosto la vecchia Romea dei pellegrini che cercavano di percorrere le vie più sicure, quelle alte sui monti, al riparo dai miasmi umidi e contagiosi dei fondo valle e dai briganti. Si va dalla foce del Po alla sorgente del Tevere, si cammina nei luoghi di vecchie leggende, si attraversano pianure paludose e poi si sale sull' Appennino prima di scendere verso l'Umbria. Se la E45 non è mai diventata un'arteria importante, nonostante il nome decisamente impegnativo, non è solo colpa dei governi e della politica. Il fatto è che attraversa territori dagli equilibri difficili, troppo appartati e troppo preziosi e così lontani dalle valli dove corre l'Italia che sale e scende. Forse è anche per questo che è rimasta così, la strada dimenticata, comunque una strada dell' Italia di provincia. Qualcuno la paragona, per le disgrazie che si porta dietro, alla Salerno Reggio Calabria, l'eterna incompiuta.
Persino il presidente dell'Anas ha definito la E 45 "un servizio che fa schifo". Era già vecchia prima ancora di essere completata ed è rimasta sempre così, piena di buche e di cantieri aperti. Eppure attraversa cinque regioni, undici province, 48 comuni. Il vecchio sogno del partito unico delle grandi opere è stato sempre quello di stamparle sopra il tracciato di una grande e bella autostrada piuttosto che rinnovarla e metterla in sicurezza rispettando la sua vocazione di arteria a limitato impatto ambientale. Adesso, anche se sembra incredibile, dovremmo esserci. Il ministro Corrado Passera, lo stesso che ci taglia i fondi per l'aeroporto, ha riscoperto l'idea e l'ha vestita di nuove opportunità finanziarie. Si potrà fare grazie a un project financing e appetitosi incentivi fiscali dove avranno il ruolo di protagonisti i grandi costruttori privati che potranno giovarsi, in futuro, dei proventi del pedaggio. Il costo? dieci milioni di euro, per cominciare, si capisce, perché si sa come va a finire la questione dei costi in questo paese. L'autostrada sarà lunga quasi 400 chilometri di cui 139 fatti di ponti e viadotti, 64 di gallerie, 83 svincoli.
Per capire la differenza tra la superstrada di oggi e l'autostrada di domani si deve immaginare un nastro d'asfalto largo quasi il doppio dell'attuale, con i suoi svincoli, le stazioni di servizio, le varianti di Perugia e Deruta, gli ampi raccordi e sconfinamenti che impegneranno altro territorio. E poi, come sarà il traffico dopo, con i bisonti che vengono dall'est e che si servono del territorio umbro solo per scaricare i loro fumi mefitici? Cosa ci guadagna l'Umbria da una cosa così? Inquinamento, malavita, distruzione del territorio, costi perenni del pedaggio, intasamento della vecchia statale tiberina. E l'Italia tutta intera? Beh, con la metà di questi fondi si potrebbe rimediare al dissesto idrogeologico di tutto il paese, oppure migliorare le ferrovie dimenticate che ci sono in Italia. Il territorio perugino, in particolare, andrà incontro a una pesantissima opera devastatrice senza per questo migliorare il traffico di attraversamento che è il suo vero problema. Un'opera così non solo è dannosa ma anche inutile. SI costruisce un'autostrada al centro del paese a poca distanza dalle altre due già esistenti, la A1 e la A14 che, con il completamento del quadrilatero umbro marchigiano e la E78, per non parlare delle altre superstrade trasversali, possono essere raggiunte in breve tempo da qualsiasi località umbra. La commissione urbanistica del comune di Perugia ha approvato questo progetto all'unanimità, maggioranza e finta opposizione insieme.
Ora spetta alla Regione fare i passi successivi. Intanto dovremmo preoccuparci di far uscire dai debiti e dal pantano la Ferrovia centrale umbra riproponendo, tra l'altro, la necessità del suo prolungamento sino ad Arezzo, di sistemare i problemi dell'azienda di trasporto regionale se non vogliamo trovarci a breve con gli autobus senza benzina, cercare di completare il progetto di ammodernamento della rete ferroviaria, ripensare un progetto organico per i trasporti pubblici, lavorare per il diritto alla mobilità. Questo ci serve, un'idea alternativa al partito unico delle grandi opere e dei grandi interessi privati senza i quali, ormai, in Italia non si fa più nulla.

Renzo Massarelli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Champions, tutto pronto a Kiev per la finale Real-Liverpool

Champions, tutto pronto a Kiev per la finale Real-Liverpool

Roma, (askanews) - Tutto pronto a Kiev per la finale di Champions League tra Real Madrid e Liverpool. Tifosi e festa per la città, ma non mancano le tensioni, cominciate ieri con scontri tra tifoserie che ha portato a diversi feriti all'interno della capitale ucraina. E' poi arrivata anche la minaccia del terrorismo, come riporta su Facebook Interfax. L'allarme è però rientrato subito.

 
Granelli: a Ronchetto talpe M4 pronte a partire

Granelli: a Ronchetto talpe M4 pronte a partire

Milano, (askanews) - Tutto pronto a Ronchetto per la partenza delle due talpe Tbm che in 12 mesi scaveranno la tratta ovest della M4 fino a Solari. L'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli che ha partecipato all'Open Day organizzato da M4 per permettere ai cittadini di vedere le talpe e visitare il cantiere. "Oggi - ha dichiarato Granelli - è un momento importante perché da ...

 
Coree, nuovo incontro tra Moon Jae-in e Kim Jong Un

Coree, nuovo incontro tra Moon Jae-in e Kim Jong Un

Roma, (askanews) - Il presidente sudcoreano Moon Jae-In ha incontrato il leader della Corea del Nord, Kim Jong Un: lo hanno annunciato fonti ufficiali di Seoul, dopo lo storico terzo summit intercoreano di fine aprile. L'incontro ha avuto luogo nella zona demilitarizzata che divide il Sud dal Nord. La Casa Blu, ufficio presidenziale della Corea del Sud, ha reso noto che i due leader hanno avuto ...

 
La Francia in piazza contro le politiche sociali di Macron

La Francia in piazza contro le politiche sociali di Macron

Roma, (askanews) - La Francia scende in piazza contro le politiche sociali del presidente Macron. La manifestazione nella giornata della "Marea popolare", in risposta alla convocazione di una sessantina di sindacati, contro la politica di Macron. Diverse migliaia di persone hanno iniziato a sfilare da Gare de l'Est verso Place de la Bastille. Tra gli organizzatori della protesta figurano Attac e ...

 
Due Mondi tra realtà e sogno

Tutte le star del festival

Due Mondi tra realtà e sogno

Il Minotauro sarà l'opera inaugurale della 61esima edizione del festival dei Due Mondi. Il testo, ispirato al libro di Durrenmatt, è reso in musica della compositrice Silvia ...

25.05.2018

I My Mine presentano il nuovo album

I My Mine

Italo disco

I My Mine presentano il nuovo album

Venerdì 25 maggio i My Mine presenteranno al Mishima di Terni il nuovo album “83-18” che rappresenta il loro ritorno sulla scena della musica elettronica. La band simbolo ...

24.05.2018

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Il film diretto e interpretato da Alberto Sordi sarà proiettato in versione restaurata al Morlacchi

Fumo di Londra torna a Perugia in 4k

Alberto Sordi in Fumo di Londra è Dante Fontana, antiquario con il negozio in corso Vannucci, a pochi passa da piazza IV Novembre. Era il 1966 e Sordi, per la prima volta ...

23.05.2018