Biomasse e potere

3 novembre 2012

03.11.2012 - 10:37

0

 L'abbiamo scampata con le pale eoliche sul Tezio ma non con il fotovoltaico grande come due campi di calcio alle sue pendici, in un posto tutto verde che si chiama Maestrello. Con il monte che rappresenta il tentativo di salvaguardia dell'ambiente perugino più importante realizzato nel corso, peraltro, di tempi ormai lontani, gli amministratori di oggi non sanno come confrontarsi. Si vede che con la materia si trovano a disagio. Tutelare il territorio semplicemente rispettando la sua vocazione originaria sembra davvero troppo difficile. Eppure un monte è un monte e un terreno agricolo è un terreno agricolo, non c'è molto da discutere. Invece ogni volta si ricomincia da capo, non solo ovviamente con il monte Tezio. Basta che arrivi qualcuno con una idea brillante e molto conveniente e tutto può cambiare. Ora è il tempo delle energie alternative, che è una cosa molto seria, purché la si sappia gestire con grande trasparenza perché è il nostro futuro ma anche un presente molto interessante per i cacciatori di bonus energetici (finanziamenti pubblici che paghiamo nella bolletta della luce) e i furbi che da noi, in Italia, non mancano mai.
Le energie rinnovabili, cioè quelle che non comportano l'uso di combustibili di origine fossile, costosi e inquinanti, come il petrolio o il carbone, utilizzano la forza idraulica o quella del vento, il calore del sole, o anche, in tempi più recenti, sofisticate tecnologie che bruciano rifiuti di diversa composizione, dai cosiddetti termovalorizzatori alle biomasse e al biogas. Per realizzare questi impianti si deve comunque pagare un prezzo ambientale. Consumo del territorio, inquinamento di vario tipo, danni al paesaggio. Per questo si tratta di decisioni che vanno prese con molta serietà e competenza. Si paga un prezzo oggi per avere un vantaggio domani, anche se la scelta primaria dovrebbe essere il risparmio, il consumare di meno. Allora, in questo caso, è importante che a decidere non siano soltanto coloro che in questo settore investono per ovvie ragioni di convenienza, ma tutti i soggetti che sono interessati, cittadini compresi. Se no, chi? Pale eoliche e pannelli solari sono cose che tutti possono vedere. Stanno lì, in cima ai monti e su terreni fertili che dopo venti anni non lo saranno più. Comunque ognuno può vedere e giudicare, ma chi può sapere cosa si brucia nei vari impianti termici?
E poi, quanti di questi possono essere accettabili in zone dove le abitazioni sono molto diffuse? Il diritto dei cittadini di sapere e di poter esprimere il proprio parere sembra francamente indiscutibile. Invece succede che il comune di Perugia si sia molto irritato dopo le proteste degli abitanti di Sant'Egidio per la costruzione vicino alle loro case di un impianto a biogas che utilizza,dopo la fermentazione, i liquami di un allevamento di tori e gli scarti delle coltivazioni agricole. Sant'Egidio è una località dove nelle vicinanze c'è un aeroporto, allevamenti zootecnici e non molto lontano la E45 mentre si prevede di autorizzare, dall'altra parte della superstrada, una maxi stalla e i futuri store di Ikea. In comune tengono così tanto alle energie rinnovabili ovunque e comunque da aver fatto di Sant' Egidio una questione di principio, dimenticando però che il piano di rischio dell'aeroporto, che dovrebbe dormire in qualche loro cassetto, impone la non presenza nelle vicinanze delle piste di atterraggio di strutture a rischio esplosione.
Gli impianti a biogas, purtroppo, lo sono. Un bel pasticcio. Una delegazione dell'associazione dei comuni umbri guidata dal sindaco di Perugia Wladimiro
Boccali ha intanto incontrato il Prefetto di Perugia per denunciare l'eccessiva animosità mostrata, nel corso delle assemblee popolari, dai cittadini interessati. Il Prefetto ha preso atto. Manderanno la polizia a presidiare le riunioni? Sarebbe la prima volta che le amministrazioni democratiche dell'Umbria, invece di confrontarsi apertamente con i cittadini, parlare e spiegare e, soprattutto, avere rispetto per le opinioni dei loro stessi elettori, chiedono l'intervento delle forze dell'ordine. Dopo i sindaci sceriffo ci toccheranno anche i sindaci questurini che, quando parlano, come si sa, non si possono contraddire. Benedetti comitati, non hanno ancora imparato a dire sempre di sì.

Renzo Massarelli

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Venezia-Perugia si sposta a San Siro: Nesta e Inzaghi, clima play off
CALCIO SERIE B

Venezia-Perugia si sposta a San Siro: Nesta e Inzaghi, clima play off

Anche tecnico e fantasista del Perugia sono stati protagonisti de “La notte del maestro”, la serata d’addio al calcio di Andrea Pirlo di lunedì 21 maggio a San Siro. Nesta e Diamanti hanno risposto alla convocazione dell’ex compagno azzurro per dare spettacolo insieme a tantissime stelle del calcio. In campo chiaramente anche il tecnico del Venezia, Pippo Inzaghi. Bobo Vieri, con un video su ...

 
"Hotel Gagarin", Amendola: speranza è nella curiosità per l'altro

"Hotel Gagarin", Amendola: speranza è nella curiosità per l'altro

Roma, (askanews) - In un film divertente e poetico come "Hotel Gagarin", diretto da Simone Spada, nei cinema dal 24 maggio, Claudio Amendola interpreta un personaggio romantico e sognatore. Con Luca Argentero, Giuseppe Battiston, Barbora Bobulova, Silvia D'Amico, Caterina Shulha, si ritrova in un hotel isolato dell'Armenia: il progetto di girare un film è saltato ma quell'imprevisto, in quel ...

 
A Santa Cecilia torna Jakub Hrusa, alfiere della musica ceca

A Santa Cecilia torna Jakub Hrusa, alfiere della musica ceca

Roma, (askanews) - Chiamiamolo pure un alfiere della musica ceca nel mondo. Jakub Hrusa torna con la sua esperienza internazionale al Parco della Musica; la seconda volta per il maestro praghese sul podio dell'orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia. La magia della musica, ripete il giovane maestro, si rinnova ogni volta nell'esecuzione in sala: " Tutto il divertimento, tutto il significato del ...

 
Marco Bocci torna a casa

Marco Bocci a casa

Marsciano

Marco Bocci torna a casa

“E finalmente casa dolce casa”. Con un post su Instagram Marco Bocci comunica ai suoi fan la bella notizia e aggiunge diversi hashtag sul suo stato di salute: ...

22.05.2018

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Fiona May

Sì al Todi festival, ma in Umbria non ci sono piste di atletica

Atleta, mamma e ora anche attrice di teatro, Fiona May in Umbria per presentare il suo debutto  al Todi festival 2018, il 25 agosto al teatro Comunale di Todi.

21.05.2018

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Eletta a Corciano

La bella Carolina Miss Mondo Umbria

Carolina Scarscelli, 16 anni, studentessa di Città di Castello è Miss Mondo Umbria 2018. È stata eletta sabato sera al Gherlinda nel corso della finale regionale organizzata ...

21.05.2018