umbria felix

Una strada per Castelluccio

08.12.2016 - 15:04

1

E’ caduta la prima neve e i lupi sono scesi dalla Macchia Cavaliera a cacciare sull’altopiano, dove non troveranno più armenti. Lo scenario è sempre quello millenario e incontaminato dei Sibillini. Se non ci si avvicina troppo al paese non si percepiscono i segni del terremoto. Venisse giù anche l’ultimo coppo di Castelluccio il genius loci rimarrà lo stesso. Tutto ciò che circonda le macerie convive con il sisma fin dalla notte dei tempi; al punto che fu proprio il terremoto ad avvolgere di mistero ogni angolo di quel soave e immenso palcoscenico. Sono stati i rimescolamenti della terra a creare le fate con il loro sentiero, la Sibilla e la sua grotta, il poema cavalleresco del Guerrin Meschino e le sue figure mitologiche. Poi vennero i pastori, le transumanze, il grappolo della case, la guerra di Norcia contro Visso, le due città oggi accomunate da un perfido destino. Non è più tempo di lenticchie, deltaplani, escursioni a cavallo e impianti di risalita. Il sisma ha passato la sua pesante mano su quel paradiso. E' rimasto uno squarcio lungo dieci chilometri, un minaccioso ammonimento, un solco in più sul bel volto di una donna matura: impercettibile offesa che non guasta la magnificenza del Creato, ma mette in guardia sull’incerto futuro. Come accade per tutte le cose che da lontano volgono al bello, è la vicinanza che ti frega. Superate le frane e i crepacci apertisi sull'asfalto, ti avvicini al paese e ti accoglie della polvere sollevata dal vento. E’ polvere di case, di muri sbriciolati, di tetti sprofondati, di oggetti oltraggiati. Castelluccio è un paese singolare, dove d'inverno fa talmente freddo che una volta, quando moriva un vecchio, per ritardarne il distacco i congiunti lo lasciavano anche per una o due settimane in soffitta prima di tumularne la salma. In quest'epoca che ha disperatamente bisogno del nostro amore, della nostra speranza, del coraggio di opporsi e di lottare contro la meschinità imperante è necessario ridonare la vita a quella comunità felicemente rivoluzionaria, anarchica, fuori da ogni schema, dei Testa, Cappelli, Pasqua, Argenti e Brandimarte. C'è un motivo in più per dare precedenza a Castelluccio, per affrettarne la ricostruzione. Le sue radici potrebbero seccarsi prima delle altre. Sebbene insicuri vanno preservati all'umanità i luoghi da dove poter percepire la bellezza del mondo e da dove poter lottare contro chi ogni giorno tenta di impoverirla, di svilirla, terremoti compresi. La stessa bellezza che gli eroici castellucciani hanno mantenuto a costo di immani sacrifici. Nonostante le difficoltà questo paese, in piedi o raso al suolo che sia, segna il confine da non varcare per tenere insieme la tensione politica e quella poetica, la contemplazione e il conflitto con le avversità, da dovunque esse provengano. Sradicare i castellucciani, rinchiuderli nei freddi loculi delle nostre città, sarebbe come cedere alle misere finzioni di una vita sociale, che ha fatto più vittime di ogni rovinoso terremo. Siparietto. E’ indispensabile riaprire le vie di collegamento per permettere il trasporto dei moduli e smaltire le macerie senza interferire sull'ambiente. Quei montanari per sopravvivere non hanno bisogno solo di case e di stalle, ma anche di seminare lenticchie e preparare i terreni per la fioritura, che per Castelluccio è importante quanto la laguna per Venezia. Ecco perché Emiliano Brandimarte - un ragazzotto del posto il cui cognome ricorda l’Orlando Furioso - è rimasto insieme agli uomini del V reggimento alpini di Vipiteno a presidiare i suoi sessanta cavalli haflinger e maremmani. Il Pian Grande è tutto per lui. Beata umbritudine, umbra beatitudine.

giovanni.picuti@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lallanucci36

    09 Dicembre 2016 - 14:02

    Caro Giovanni, sai quanto io abbia amato ed ami questi luoghi, la gente di Castelluccio che consco da sempre, i piani, le montagne, il Lago di Pilato e la sua leggenda, le fate, la loro fonte e quella del Guerrin Meschino, la fiorita. Tutto è rimasto nei miei occhi e dentro il cuore. Castelluccio con le irriverenti scritte sui muri, è anche il paesino dove c'è il nido delle stelle, nelle notti dal cielo buio e senza luna.

    Report

    Rispondi

Più letti oggi

Mediagallery

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Il rapper italiano Ghali, che sta scalando le classifiche delle hit più ascoltate e che vanta decine di milioni di visualizzazioni su Youtube, è stato scelto dal leader dell'intrattenimento digitale Ubisoft per rendere omaggio all'ultimo capitolo della saga di "Assassin's Creed" (Assassin's Creed Origins), il videogioco da 110 milioni di copie, in uscita il 27 ottobre. Ghali veste i panni del ...

 
Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

El Alamein (askanews) - Le autorità egiziane e più di 35 delegazioni straniere hanno commemorato il 75esimo anniversario della battaglia di El Alamein del 1942, importante vittoria alleata sui nazisti, in un Egitto in lutto per la morte ieri in un attentato di almeno 35 poliziotti. La cerimonia si è svolta al cimitero della Commonwealth War Graves Commission, dove riposano i resti dei soldati ...

 
Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Capri (askanews) - Il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, boccia la proposta di doppia moneta lanciata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dal palco del convegno dei giovani imprenditori. "No, non ci convince la doppia moneta - ha detto Boccia a margine del meeting degli under 40 di Confindustria - riteniamo che possa incrementare solo elementi inflattivi. La grande sfida del ...

 
Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Madrid (askanews) - Il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, riunito in un Consiglio dei ministri durato un paio di ore, ha deciso di fare ricorso all'Articolo 155 della Costituzione per revocare una serie di prerogative della Generalitat della Catalogna, il governo regionale autonomo, dopo che questo ha fatto votare un referendum per l'indipendenza. "Applichiamo l'Articolo 155 della ...

 
Concerto dai balconi di piazza del Mercato

Tanta gente in centro

Concerto dai balconi di piazza del Mercato

A Terni, fino alla tarda serata di sabato 21 ottobre, si è svolta con grande successo, in piazza del Mercato, l’iniziativa "Concerto dai balconi", organizzata ...

21.10.2017

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

"Il collegio 2"

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano, il quindicenne ternano che ha partecipato al reality di Raidue "Il collegio 2". Il ragazzo è arrivato all'ultima puntata, ma ...

18.10.2017