giovanni picuti

La lotteria del terremoto

17.11.2016 - 12:06

0

La salvezza del genere umano riposa sulle conoscenze a disposizione della scienza utili a contrastare i fenomeni della natura. Nondimeno i “progressisti a parole” se ne infischino delle conquiste scientifiche perché per molti di loro il mondo è una cava da raschiare, un posto dove fabbricare case tenute insieme con lo sputo, che ad ogni evento sismico confermano il fallimento dell’arroganza, dell’idea del profitto e della non curanza.

Nella funesta lotteria del terremoto (che lotteria non è, altrimenti non si spiega perché a "vincere" siano sempre le stesse tormentate popolazioni) si rispecchiano le incongruenze della politica, questa solerte matrigna a cui la gente ciecamente s’affida, come s’affida a chi dovrebbe provvedere, e non lo fa, a contrastare i pericoli connessi al territorio e a sensibilizzare le popolazioni sui temi della mitigazione dei rischi sulla base della condivisione e utilizzazione ottimale dei dati, delle informazioni e delle conoscenze attualmente disponibili. Esaminando le immagini delle terrificanti fenditure sulle praterie sommitali dei Sibillini pensiamo alla Terra e al futuro delle popolazioni colpite.

Riusciranno i nostri eroi - in questi giorni impegnati a dilaniarsi sul referendum - a salvarci dalle martellanti avversità che s’abbattono sul genere umano? Non ci sembra tiri aria di elezioni. O forse sì, ma bisognerà aspettare almeno il risultato della consultazione referendaria prima di chiedere il conto a chi ci ha male amministrato, prima di domandargli cosa abbia fatto fin qui per mettere in sicurezza il Paese. E’ ora di guardarsi intorno per individuare rappresentanti migliori di quanti hanno sempre inciarfugliato che il terremoto è solo un malanno passeggero. Questa volta “passando” ci ha insegnato che è indispensabile formare classi dirigenti all’altezza del compito, rappresentanti provenienti non dalle segreterie di partito, ma da ambienti umanistici, professionali, specializzati, capaci di scambiarsi esperienze e di capire che il pianeta e la vita umana sono una cosa sola, non un laboratorio scientifico le cui cavie finiranno sotto le macerie. Su questo dovrà confrontarsi la politica, nella consapevolezza che le calamità naturali sono un’incognita che investe tutto il Paese. Domandiamoci il perché in Nuova Zelanda un terremoto di magnitudo 7.8, della formidabile durata di tre minuti, pur avendo colto nel sonno decine di migliaia di persone abbia provocato (per fortuna) soltanto due morti.

Domandiamoci il perché a Norcia la ricostruzione abbia, sebbene entro certi limiti, evitato quello che non s’è potuto evitare ad Amatrice. Domandiamocelo perlomeno in termini di comprensione di un fenomeno naturale, che da oggi in poi dovremo combattere con un differente approccio e non come si partecipa ad una lotteria.
giovanni.picuti@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Tokyo, (askanews) - Sono iniziate nelle scuole elementari del Giappone le votazioni per scegliere le mascotte per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Fino al 22 febbraio 2018 i bambini di ogni scuola giapponese - nel paese come all'estero - potranno scegliere la mascotte preferita. Il vincitore sarà annunciato il 28 febbraio. Dall'orsetto lavatore al supereroe, gli organizzatori dei Giochi di Tokyo hanno ...

 
Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Milano (askanews) - Chi siamo noi: se lo chiede la filosofia da secoli, se lo chiedeva Paolo Conte e continuiamo a chiedercelo anche noi. A volte, nel sostanziale deserto di risposte, arrivano dai barlumi, imprevisti, di chiarezza. Succede, per esempio, con uno dei libri più interessanti usciti negli ultimi mesi: "La vita segreta" di Andrew O'Hagan, "tre storie vere dell'era digitale", recita il ...

 
Le prime immagini dell'esplosione di New York

Le prime immagini dell'esplosione di New York

Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. Scondo i media americani diverse persone sono rimaste ferite e una persona è stata arrestata. Le linee della metropolitana A, C ed E, che si incrociano nei pressi del luogo dove è avvenuta l'esplosione, sono state fatte evacuare.

 
E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017

Tornano i dinosauri di Jurassic World

La saga

Tornano i dinosauri di Jurassic World

Nel 2018 torneranno i dinosauri di Jurassic World. Il nuovo capitolo della saga multimilionaria iniziata nel 1993 avrà come sottotitolo The Fallen Kingdom, il Regno caduto. ...

08.12.2017