giovanni picuti

La lotteria del terremoto

17.11.2016 - 12:06

0

La salvezza del genere umano riposa sulle conoscenze a disposizione della scienza utili a contrastare i fenomeni della natura. Nondimeno i “progressisti a parole” se ne infischino delle conquiste scientifiche perché per molti di loro il mondo è una cava da raschiare, un posto dove fabbricare case tenute insieme con lo sputo, che ad ogni evento sismico confermano il fallimento dell’arroganza, dell’idea del profitto e della non curanza.

Nella funesta lotteria del terremoto (che lotteria non è, altrimenti non si spiega perché a "vincere" siano sempre le stesse tormentate popolazioni) si rispecchiano le incongruenze della politica, questa solerte matrigna a cui la gente ciecamente s’affida, come s’affida a chi dovrebbe provvedere, e non lo fa, a contrastare i pericoli connessi al territorio e a sensibilizzare le popolazioni sui temi della mitigazione dei rischi sulla base della condivisione e utilizzazione ottimale dei dati, delle informazioni e delle conoscenze attualmente disponibili. Esaminando le immagini delle terrificanti fenditure sulle praterie sommitali dei Sibillini pensiamo alla Terra e al futuro delle popolazioni colpite.

Riusciranno i nostri eroi - in questi giorni impegnati a dilaniarsi sul referendum - a salvarci dalle martellanti avversità che s’abbattono sul genere umano? Non ci sembra tiri aria di elezioni. O forse sì, ma bisognerà aspettare almeno il risultato della consultazione referendaria prima di chiedere il conto a chi ci ha male amministrato, prima di domandargli cosa abbia fatto fin qui per mettere in sicurezza il Paese. E’ ora di guardarsi intorno per individuare rappresentanti migliori di quanti hanno sempre inciarfugliato che il terremoto è solo un malanno passeggero. Questa volta “passando” ci ha insegnato che è indispensabile formare classi dirigenti all’altezza del compito, rappresentanti provenienti non dalle segreterie di partito, ma da ambienti umanistici, professionali, specializzati, capaci di scambiarsi esperienze e di capire che il pianeta e la vita umana sono una cosa sola, non un laboratorio scientifico le cui cavie finiranno sotto le macerie. Su questo dovrà confrontarsi la politica, nella consapevolezza che le calamità naturali sono un’incognita che investe tutto il Paese. Domandiamoci il perché in Nuova Zelanda un terremoto di magnitudo 7.8, della formidabile durata di tre minuti, pur avendo colto nel sonno decine di migliaia di persone abbia provocato (per fortuna) soltanto due morti.

Domandiamoci il perché a Norcia la ricostruzione abbia, sebbene entro certi limiti, evitato quello che non s’è potuto evitare ad Amatrice. Domandiamocelo perlomeno in termini di comprensione di un fenomeno naturale, che da oggi in poi dovremo combattere con un differente approccio e non come si partecipa ad una lotteria.
giovanni.picuti@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Il rapper italiano Ghali, che sta scalando le classifiche delle hit più ascoltate e che vanta decine di milioni di visualizzazioni su Youtube, è stato scelto dal leader dell'intrattenimento digitale Ubisoft per rendere omaggio all'ultimo capitolo della saga di "Assassin's Creed" (Assassin's Creed Origins), il videogioco da 110 milioni di copie, in uscita il 27 ottobre. Ghali veste i panni del ...

 
Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

El Alamein (askanews) - Le autorità egiziane e più di 35 delegazioni straniere hanno commemorato il 75esimo anniversario della battaglia di El Alamein del 1942, importante vittoria alleata sui nazisti, in un Egitto in lutto per la morte ieri in un attentato di almeno 35 poliziotti. La cerimonia si è svolta al cimitero della Commonwealth War Graves Commission, dove riposano i resti dei soldati ...

 
Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Capri (askanews) - Il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, boccia la proposta di doppia moneta lanciata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dal palco del convegno dei giovani imprenditori. "No, non ci convince la doppia moneta - ha detto Boccia a margine del meeting degli under 40 di Confindustria - riteniamo che possa incrementare solo elementi inflattivi. La grande sfida del ...

 
Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Madrid (askanews) - Il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, riunito in un Consiglio dei ministri durato un paio di ore, ha deciso di fare ricorso all'Articolo 155 della Costituzione per revocare una serie di prerogative della Generalitat della Catalogna, il governo regionale autonomo, dopo che questo ha fatto votare un referendum per l'indipendenza. "Applichiamo l'Articolo 155 della ...

 
Concerto dai balconi di piazza del Mercato

Tanta gente in centro

Concerto dai balconi di piazza del Mercato

A Terni, fino alla tarda serata di sabato 21 ottobre, si è svolta con grande successo, in piazza del Mercato, l’iniziativa "Concerto dai balconi", organizzata ...

21.10.2017

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

"Il collegio 2"

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano, il quindicenne ternano che ha partecipato al reality di Raidue "Il collegio 2". Il ragazzo è arrivato all'ultima puntata, ma ...

18.10.2017