giovanni picuti

Scomode verità del terremoto

08.09.2016 - 12:12

0

Tra i maestosi contrafforti del Vettore e quelli della Laga la terra continua a tremare. Attraverso la porta di una faglia (oscura quanto la saga della Sibilla) sono passate scosse capaci di cancellare paesi e spargervi la morte. Questa volta il sisma non ha scoperchiato solo le case, ma anche il patrimonio etico di un'intera Nazione. Ha messo il dito nella piaga e ne sono uscite scomode verità. Mai s'era verificata una levata di scudi così unanime contro l'approssimazione e la trascuratezza di cui si sono resi responsabili le amministrazioni - ma anche i privati - in materia di ricostruzione, adeguamento e messa in sicurezza del vecchio patrimonio immobiliare. Forse tanto sangue non è stato versato invano. La gente sta comprendendo che diffondere la cultura della prevenzione costituisce l'unico rimedio contro il terremoto. L'apostolato di queste tragiche consapevolezze può giocare un ruolo risolutivo per la salvaguardia di tante vite umane. Rimane il rischio che a voler punire i colpevoli - subito e a tutti i costi - ci si distragga da una verità: che la furia della terra ha avuto un suo ruolo determinante, anche se la corruttela e l'incapacità hanno realizzato una funzione facilitante, andatasi a sommare alla magnitudo sprigionata. I responsabili saranno sottoposti alla legge, risponderanno delle loro malefatte, ma intanto bisogna ricostruire con coscienza, probità e ricorso alle tecnologie più idonee a proteggere le vite umane, a integrarsi con la natura dei luoghi. Sì, la natura dei luoghi. Perché quando muore una città muore un intero patrimonio di beni, immagini, consapevolezze e tradizioni. Muore un sedimento di memorie. Perciò s'impone da subito - come avvenne per il terremoto del 26 settembre 1997 in Umbria e nelle Marche - che i funzionari addetti al patrimonio storico artistico eseguano una capillare catalogazione dei beni presenti sui territori colpiti, insieme ad una fedele ricognizione dei tracciati urbanistici e dei "segni" del paesaggio, da considerarsi opere d'arte a cielo aperto (e in quanto tali degne dei delicati ma solidi interventi di tutela che Antonio Paolucci riservò alla Basilica di San Francesco in Assisi). Non c'è grande differenza tra opera pubblica, religiosa e abitazione privata, laddove ogni manufatto fu realizzato da un'arcaica e perduta cultura degli edificati consolidatasi nel corso dei secoli. Quella cultura non va dispersa. Dovrà essere studiata, conservata e messa in sicurezza, perché è sotto i campanili che da secoli avviene la rappresentazione più vera di quei luoghi, i soli in grado di consolidare il risultato di fede, lavoro, memoria e cicli popolari. Come avvenne per il torrino di Foligno, è dai campanili che bisogna ripartire per rafforzare la trasmissione dei valori e l'attaccamento tenace alla terra, che non è poi così malvagia come si vorrebbe far credere. La terra natia è una cosa sola con la famiglia, con le piccole chiese, con i luoghi di ritrovo, con le usanze e le tradizioni popolari che non moriranno se si permette alle giovani generazioni - anche quelle che hanno assistito alla distruzione - di rinfocolare l'orgoglio di essere nati "lì". Nati in quell'Appennino che rappresenta l'unico scrigno possibile a salvaguardia di una ricchezza già fin troppo oltraggiata dalle precedenti ricostruzioni, compiute secondo le logiche dell'insipienza e della burocrazia parassitarie che hanno già devastato l'Italia, più di ogni terremoto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Trento (askanews) - A cento anni di distanza, la Grande Guerra è per molti giovani solo un capitolo da leggere, magari da studiare, nei manuali di Storia. Nel piccolissimo borgo di Ossana nella val di Sole, invece, il sacrificio dei soldati sui due fronti di quella guerra devastante è ancora oggi ricordato e vissuto come un patrimonio della comunità. E qui è stato quindi deciso, con una insolita ...

 
Cultura

l mondo di Don Camillo e Peppone in una mostra che celebra Guareschi

Fino al 15 luglio a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra ‘Don Camillo, Peppone e il crocifisso che parla’ è dedicata all’opera di Giovannino Guareschi. In concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore, 70 scatti di Osvaldo Civirani raccontano la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak. Un racconto nel racconto, che ...

 
Altro

Ecco come si tagliano i capelli nello spazio

Come ci si tagliano i capelli in orbita? Ce lo mostra l'agenzia spaziale russa Roskosmos che ha pubblicato sul suo sito web un video nel quale si vede il cosmonauta russo Anton Shkaplerov con una macchina speciale che taglia i capelli al suo collega Alexander Misurkin. Gli astronauti usano una macchina speciale, dotata di un tubo aspirapolvere che non fa disperdere i capelli tagliati a gravità ...

 
Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Roma, (askanews) - L'Ultima Spiaggia di Capalbio, uno degli stabilimenti balneari più conosciuti d'Italia, celebra lo storico traguardo dei 30 anni di attività con una raccolta di storie, aneddoti e contributi segnalati o scritti per l'occasione dai clienti. Foto, biglietti, cartoline, ricordi ma anche poesie per una realtà imprenditoriale di successo che non è mai stata soltanto uno stabilimento ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018