giovanni picuti

Scomode verità del terremoto

08.09.2016 - 12:12

0

Tra i maestosi contrafforti del Vettore e quelli della Laga la terra continua a tremare. Attraverso la porta di una faglia (oscura quanto la saga della Sibilla) sono passate scosse capaci di cancellare paesi e spargervi la morte. Questa volta il sisma non ha scoperchiato solo le case, ma anche il patrimonio etico di un'intera Nazione. Ha messo il dito nella piaga e ne sono uscite scomode verità. Mai s'era verificata una levata di scudi così unanime contro l'approssimazione e la trascuratezza di cui si sono resi responsabili le amministrazioni - ma anche i privati - in materia di ricostruzione, adeguamento e messa in sicurezza del vecchio patrimonio immobiliare. Forse tanto sangue non è stato versato invano. La gente sta comprendendo che diffondere la cultura della prevenzione costituisce l'unico rimedio contro il terremoto. L'apostolato di queste tragiche consapevolezze può giocare un ruolo risolutivo per la salvaguardia di tante vite umane. Rimane il rischio che a voler punire i colpevoli - subito e a tutti i costi - ci si distragga da una verità: che la furia della terra ha avuto un suo ruolo determinante, anche se la corruttela e l'incapacità hanno realizzato una funzione facilitante, andatasi a sommare alla magnitudo sprigionata. I responsabili saranno sottoposti alla legge, risponderanno delle loro malefatte, ma intanto bisogna ricostruire con coscienza, probità e ricorso alle tecnologie più idonee a proteggere le vite umane, a integrarsi con la natura dei luoghi. Sì, la natura dei luoghi. Perché quando muore una città muore un intero patrimonio di beni, immagini, consapevolezze e tradizioni. Muore un sedimento di memorie. Perciò s'impone da subito - come avvenne per il terremoto del 26 settembre 1997 in Umbria e nelle Marche - che i funzionari addetti al patrimonio storico artistico eseguano una capillare catalogazione dei beni presenti sui territori colpiti, insieme ad una fedele ricognizione dei tracciati urbanistici e dei "segni" del paesaggio, da considerarsi opere d'arte a cielo aperto (e in quanto tali degne dei delicati ma solidi interventi di tutela che Antonio Paolucci riservò alla Basilica di San Francesco in Assisi). Non c'è grande differenza tra opera pubblica, religiosa e abitazione privata, laddove ogni manufatto fu realizzato da un'arcaica e perduta cultura degli edificati consolidatasi nel corso dei secoli. Quella cultura non va dispersa. Dovrà essere studiata, conservata e messa in sicurezza, perché è sotto i campanili che da secoli avviene la rappresentazione più vera di quei luoghi, i soli in grado di consolidare il risultato di fede, lavoro, memoria e cicli popolari. Come avvenne per il torrino di Foligno, è dai campanili che bisogna ripartire per rafforzare la trasmissione dei valori e l'attaccamento tenace alla terra, che non è poi così malvagia come si vorrebbe far credere. La terra natia è una cosa sola con la famiglia, con le piccole chiese, con i luoghi di ritrovo, con le usanze e le tradizioni popolari che non moriranno se si permette alle giovani generazioni - anche quelle che hanno assistito alla distruzione - di rinfocolare l'orgoglio di essere nati "lì". Nati in quell'Appennino che rappresenta l'unico scrigno possibile a salvaguardia di una ricchezza già fin troppo oltraggiata dalle precedenti ricostruzioni, compiute secondo le logiche dell'insipienza e della burocrazia parassitarie che hanno già devastato l'Italia, più di ogni terremoto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Il rapper italiano Ghali, che sta scalando le classifiche delle hit più ascoltate e che vanta decine di milioni di visualizzazioni su Youtube, è stato scelto dal leader dell'intrattenimento digitale Ubisoft per rendere omaggio all'ultimo capitolo della saga di "Assassin's Creed" (Assassin's Creed Origins), il videogioco da 110 milioni di copie, in uscita il 27 ottobre. Ghali veste i panni del ...

 
Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

El Alamein (askanews) - Le autorità egiziane e più di 35 delegazioni straniere hanno commemorato il 75esimo anniversario della battaglia di El Alamein del 1942, importante vittoria alleata sui nazisti, in un Egitto in lutto per la morte ieri in un attentato di almeno 35 poliziotti. La cerimonia si è svolta al cimitero della Commonwealth War Graves Commission, dove riposano i resti dei soldati ...

 
Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Capri (askanews) - Il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, boccia la proposta di doppia moneta lanciata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dal palco del convegno dei giovani imprenditori. "No, non ci convince la doppia moneta - ha detto Boccia a margine del meeting degli under 40 di Confindustria - riteniamo che possa incrementare solo elementi inflattivi. La grande sfida del ...

 
Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Madrid (askanews) - Il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, riunito in un Consiglio dei ministri durato un paio di ore, ha deciso di fare ricorso all'Articolo 155 della Costituzione per revocare una serie di prerogative della Generalitat della Catalogna, il governo regionale autonomo, dopo che questo ha fatto votare un referendum per l'indipendenza. "Applichiamo l'Articolo 155 della ...

 
Concerto dai balconi di piazza del Mercato

Tanta gente in centro

Concerto dai balconi di piazza del Mercato

A Terni, fino alla tarda serata di sabato 21 ottobre, si è svolta con grande successo, in piazza del Mercato, l’iniziativa "Concerto dai balconi", organizzata ...

21.10.2017

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

"Il collegio 2"

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano, il quindicenne ternano che ha partecipato al reality di Raidue "Il collegio 2". Il ragazzo è arrivato all'ultima puntata, ma ...

18.10.2017