Giovanni Picuti

Tutti scienziati, a Foligno

14.04.2016 - 16:42

0

Uno scivolone può capitare a tutti, anche ad uno stimato professore. Sia detto con autentica ammirazione nei confronti dell'intellettuale al quale - durante una pubblica assemblea su Perugia 1416 - è sfuggito...un incauto richiamo al provincialismo di Foligno, in riferimento alla festicciola in costume secentesco che vi si svolge. L’incidente diplomatico è rientrato. La Quintana lo ha già garbatamente invitato alla Giostra di giugno. È invece interessante analizzare la “peruginosa” abitudine di attribuire ad altri difetti di cui si possiede il copyright. C’è infine una questione da risolvere, che ci ricorda i manzoniani polli di Renzo: un gallastrone perugino e un cappone folignate. O viceversa, poiché invertendo l’ordine dei fattori l’umbro non cambia. Gigio Mingarelli inaugura oggi il Festival della scienza e della filosofia nel corso del quale non si questionerà di polli votati al patibolo di una Perpetua, ma di scienze, arti, pensiero e medicina. Scandalo! Perché proprio a Foligno? La Scienza è scandalosa per evangelica definizione. A Foligno perché una volta vi risiedeva l’ombelico della tecnologia e della trasmissione del sapere. Lo sa bene un altro intellettuale perugino (uno dei pochi capaci di non restringere l’attenzione su se stesso), il professor Alberto Sorbini, che sabato scorso a Trevi ha presentato libro di Thomas Adolphus Trollope, da lui curato, “Un viaggio quaresimale in Umbria e nelle Marche”. Se ne evince che Foligno fu aperta alle innovazioni e ai cambiamenti, nel bene e nel male una vera centrale operativa di questa regione. Il potere tragico della scienza e della tecnologia le appartengono di diritto. Per questo conobbe il privilegio dei bombardamenti. Purtroppo, da quando l’uomo credette di aver finito di domare la natura e i suoi mostri, quel potere tragico si consumò fino quasi a spegnersi; come era giusto che fosse. L’Umbria rimase con i suoi santi, i suoi capitani di ventura, i suoi fondi oro istoriati e il suo Trasimeno, oceano dell’anima dove tardivi pescatori non trassero su che qualche pesciolino di scarto. Lo zelante Mingarelli - in occasione della VI edizione di Festa di scienza e di filosofia Virtute e Canoscenza - che si svolgerà da oggi al 17 aprile, ha convocato il fior fiore degli scienziati a confrontarsi sul “Sapere aude!”: il coraggio di conoscere. L’esortazione contenuta originariamente in una lettera di Orazio e ripresa da Kant diventò il motto dell’Illuminismo. Vanaglorioso Mingarelli, illuso di poter riscoprire lo stato metafisico del mondo da un culo di bottiglia relegato nello sprofondo di una valle. Eppure in questo folignate, che fu pure assessore alla cultura della Regione, c'è una ragione psichica da europeo, una nobile paranoia, un decoro mentale, una forma di buona educazione ricevuta in provincia, che non sarà liquidata da una disgregante strofetta di Pasquino. Nella depressa, ma ripavimentata, cittadina si discuterà proprio di questo: sopravvivrà lo spirito europeo benché distrutto, invaso, debellato il territorio chiamato Europa? Siparietto. Sfilino i seguaci di Braccio lungo corso Vannucci (con le serrande dei negozi abbassate per il lutto cittadino), squillino pure le onnipresenti chiarine della Quintana lungo corso Cavour. In definitiva la condizione indispensabile dello spirito scientifico non è la prosopopea accademica, ma il dilettantismo come soluzione del problema della vita. A Gigio Mingarelli l’anonimo folignate ha dato un consiglio spassionato. Lo abbiamo rinvenuto sotto la statua parlante dell’Alunno, che fu pittore, sebbene non celebrato come il Perugino: “Nel rimirar tanta materia grigia/confesso che mi sento imbarazzato/io che ben tre atenei ho frequentato/tenendo sempre in mano la valigia!/Amo gli scavi, ammiro le vestigia/dell'arte greca gloria del passato/e piuttosto che un rigido scienziato/preferisco una bella … callipigia./La troppa scienza porta alla pazzia!/Credi a me, te lo dico pel tuo bene!/E lascia stare la filosofia!/Potrai trovare sempre chi ti apprezza/se tu per l'anno prossimo che viene/preparerai … un concorso di bellezza/”. A Foligno sono capaci di autoironia anche gli anonimi. Prendi appunti, Pasquino Perugino. Beata umbritudine, umbra beatitudine.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Renzi: la coalizione di centrodestra non è popolare ma populista

Renzi: la coalizione di centrodestra non è popolare ma populista

Roma, (askanews) - La coalizione di centrodestra non è guidata dal Ppe, ma dalle forze estremiste e populiste di Matteo Salvini e Giorgia Meloni". Ad affermarlo, parlando all'iniziativa sull'Europa organizzata dei Dem a Milano, è il segretario del Pd Matteo Renzi. "Amici del Ppe, vi stanno prendendo in giro. Basta guardare come si sono divisi i collegi uninominali. Ogni voto dato al fronte della ...

 
Il movimento femminista #MeToo in piazza a Roma con Asia Argento

Il movimento femminista #MeToo in piazza a Roma con Asia Argento

Roma, (askanews) - Una manifestazione del movimento femminista internazionale per gridare anche a Roma "#MeToo", contro le molestie e le discriminazioni verso le donne. Si è tenuta stamattina a Piazza Santi Apostoli organizzata da"American Expats for Positive Change" e ha visto la partecipazione tra gli altri dell'attrice Asia Argento.

 
Renzi punta sull'Europa: scelta è fra chi crede nell'Ue e chi no

Renzi punta sull'Europa: scelta è fra chi crede nell'Ue e chi no

Roma, (askanews) - L'Europa come spartiacque tra le forze politiche in campo alle elezioni italiane. Con il Pd nettamente schierato per il rilancio del processo di integrazione europea, contro l'euroscetticismo dei Cinque Stelle e della coalizione di centrodestra a trazione populista targata Lega-Fratelli d'Italia. È l'operazione che Matteo Renzi lancia da Milano, teatro di un'iniziativa del ...

 
È morto Paul Bocuse, il "Papa" della gastronomia francese

È morto Paul Bocuse, il "Papa" della gastronomia francese

Lione, (askanews) - Paul Bocuse, colui che fu soprannominato "chef del secolo", si è spento a meno di un mese dal suo novantaduesimo compleanno a Collonges-au-Mont-d'Or, suo villaggio natale e nel quale sorgeva il suo celebre ristorante, già appartenuto al nonno, nei pressi di Lione. Il "Papa" della gastronomia francese, che soffriva da alcuni anni di Parkinson, proveniva da un'antica famiglia di ...

 
Gli U2 a Barcellona bono

Gli U2 a Barcellona

MUSICA

U2, fissata la tappa italiana. Quando e dove comprare i biglietti

Gli U2 tornano in Europa: l’appuntamento con i fan italiani è fissato per l’11 e 12 ottobre 2018 al Mediolanum Forum di Assago (Milano). L’eXPERIENCE + iNNOCENCE Tour, dopo ...

16.01.2018

Morta Dolores OʼRiordan, frontwoman dei Cranberries

Lutto nel mondo della musica

Morta Dolores OʼRiordan, frontwoman dei Cranberries

La frontwoman dei The Cranberries, Dolores O'Riordan, è morta all'età di 46 anni. La cantante era a Londra per una breve sessione di registrazione. Nel 2017 il gruppo aveva ...

15.01.2018

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Cinema

DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Leonardo DiCaprio e Quentin Tarantino di nuovo insieme. La star di Hollywood sarà nel cast del nuovo film del regista dopo aver collaborato nel 2012 per Django Unchained. Sul ...

13.01.2018