Giovanni Picuti

Ariamo dritto

07.04.2016 - 11:52

0

I contadini dell’Italia di Mezzo sono i veri disertori della vanga, i discendenti (prêt-à-porter) dei mezzadri che hanno scritto la storia dell’agricoltura. Dalle nostre parti la zolla ancora esercita il suo fascino. Ne costituisce prova la rassegna agricola di Agriumbria a Bastia, che pur difendendo i valori della tradizione si pone all’avanguardia della più recente tecnologia del settore. Nella tre giorni, appena conclusa, di esposizioni e convegni si è parlato di zootecnia, agricoltura e alimentazione. Una variegata moltitudine di contadini (con deferenza parlando) ha acquistato e scambiato bestiame, concordato incroci e monte taurine e scalato i giganteschi trattori della John Deere da cento e più mila euro. Abbiamo visto l’acquolina in bocca dei visitatori davanti alle modernissime mietitrebbie, alle innovative attrezzature per la fertilizzazione e la distribuzione di pesticidi. Abbiamo scoperto allevatori eccitarsi al cospetto delle chiappe di premiate razze chianine; sbavare dietro gli stazzi delle pecore sopravvissane; suonare campanacci, testare mungitrici automatiche, tastare prudentemente le gonadi dei più agguerriti montoni. Mentre i papaveri di Confagricoltura staccavano assegni per acquistare trattori, gli altri agricoltori - per non tornare a casa a mani vuote - recavano in mano cartoni pigolanti di pulcini. Siparietto. Gloria all’umanità esiodea, scarpe grosse e cervello fino! In questo mondo, che procede al contrario, il contadino gioca ancora il suo ruolo con ruvidezza e furberia, nonostante le insormontabili difficoltà. Perché la terra manda in rovina, ma alla fine preserva tutti dalla fame. La vicenda agricola umbra è caratterizzata da periodi di sviluppo e fasi regressive, da innovazioni e stratificazioni storiche. Viviamo in un contesto intrecciato di vecchio e di nuovo, sullo sfondo di un paesaggio cosparso di ombre del passato, carico di relitti e impronte del tempo. Sebbene l’Italia di Mezzo abbia perso i suoi marcatori - che mostravano una storia paesistica antica, articolata e mutevole - rimane Agriumbria con la sua umanità contadina ferita; forse la migliore disponibile sulla piazza, a ricordarci l’endecasillabo dialettale del Belli che scrive all'amico Giacomo Ferretti: “Scastagnamo ar parlà, ma aramo dritto”. Mai sonetto fu più calzante all’onesta società contadina, lontana dalle contese politiche, sempre alle prese con i problemi ricorrenti, che ne dicano le associazioni di categoria. Un’umanità che può sembrare becera e sanguinaria, crudele e insensibile agli sciocchi, i quali si dichiarano capaci di compiere - beati loro - atti di giustizia, ubbidendo ai sentimenti; gli sciocchi che biasimano chi sgozza capretti e scanna maiali. Niente è più pericoloso della commozione, specialmente quando diventa strumento di legge. Leone XIII diceva: “Finché siamo commossi, non possiamo far nulla di bene”. Ecco la vera rappresentazione del ridicolo: quella del popolo sovrano che regala regni ai dittatori (a qualcuno fischiano le orecchie?) e ruba i polli, ma senza tiragli il collo perché gli fanno compassione. Lunga vita ad Agriumbria, alla ciccia promessa e alla capacità dell’uomo di arare dritto, in barba al languido desiderio dei falsi profeti, capaci solo di farci uscire dal solco. Beata umbritudine, umbra beatitudine.
giovanni.picuti@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano (askanews) - E' grazie a scienza, tecnologia e alle sempre più evolute procedure di indagine che per i responsabili dei delitti è sempre più difficile rimanere impuniti. Oggi l'indagine scientifica ha assunto un ruolo fondamentale. Basti pensare che in uno degli ultimi casi di cronaca è bastato un singolo capello ritrovato sul luogo di un grave delitto di sangue per trovare e catturare gli ...

 
Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Los Angeles (askanews) - Una stella sulla Walk of Fame, la celebre passeggiata degli artisti a Los Angeles, per Dwayne "The Rock" Johnson. L'attore americano, ex culturista 45enne, reso celebre dai ruoli da duro in film come "Il re scorpione", "Fast & Furious" fino ai recenti remake di "Baywatch" e "Jumanji" si è aggiudicato l'ambito riconoscimento che consacra le più famose star di Hollywood. ...

 
Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Genova (askanews) - "È assolutamente un'importantissima conquista di civiltà". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando l'approvazione della legge sul biotestamento, a margine dell'assemblea di Dems a Genova. "Voglio ringraziare - ha sottolineato il Guardasigilli - tutti i parlamentari che hanno concorso all'approvazione di questo importante atto normativo che ci fa ...

 
Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Genova (askanews) - "Lavoriamo per dare un risultato chiaro perché credo che l'ipotesi di nuove elezioni o di larghe intese non sia nell'interesse del Paese". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando, a margine dell'assemblea di Dems a Genova, l'ipotesi di un Gentiloni bis in caso di una situazione di stallo dopo le prossime elezioni.

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017