Giovanni Picuti

Ariamo dritto

07.04.2016 - 11:52

0

I contadini dell’Italia di Mezzo sono i veri disertori della vanga, i discendenti (prêt-à-porter) dei mezzadri che hanno scritto la storia dell’agricoltura. Dalle nostre parti la zolla ancora esercita il suo fascino. Ne costituisce prova la rassegna agricola di Agriumbria a Bastia, che pur difendendo i valori della tradizione si pone all’avanguardia della più recente tecnologia del settore. Nella tre giorni, appena conclusa, di esposizioni e convegni si è parlato di zootecnia, agricoltura e alimentazione. Una variegata moltitudine di contadini (con deferenza parlando) ha acquistato e scambiato bestiame, concordato incroci e monte taurine e scalato i giganteschi trattori della John Deere da cento e più mila euro. Abbiamo visto l’acquolina in bocca dei visitatori davanti alle modernissime mietitrebbie, alle innovative attrezzature per la fertilizzazione e la distribuzione di pesticidi. Abbiamo scoperto allevatori eccitarsi al cospetto delle chiappe di premiate razze chianine; sbavare dietro gli stazzi delle pecore sopravvissane; suonare campanacci, testare mungitrici automatiche, tastare prudentemente le gonadi dei più agguerriti montoni. Mentre i papaveri di Confagricoltura staccavano assegni per acquistare trattori, gli altri agricoltori - per non tornare a casa a mani vuote - recavano in mano cartoni pigolanti di pulcini. Siparietto. Gloria all’umanità esiodea, scarpe grosse e cervello fino! In questo mondo, che procede al contrario, il contadino gioca ancora il suo ruolo con ruvidezza e furberia, nonostante le insormontabili difficoltà. Perché la terra manda in rovina, ma alla fine preserva tutti dalla fame. La vicenda agricola umbra è caratterizzata da periodi di sviluppo e fasi regressive, da innovazioni e stratificazioni storiche. Viviamo in un contesto intrecciato di vecchio e di nuovo, sullo sfondo di un paesaggio cosparso di ombre del passato, carico di relitti e impronte del tempo. Sebbene l’Italia di Mezzo abbia perso i suoi marcatori - che mostravano una storia paesistica antica, articolata e mutevole - rimane Agriumbria con la sua umanità contadina ferita; forse la migliore disponibile sulla piazza, a ricordarci l’endecasillabo dialettale del Belli che scrive all'amico Giacomo Ferretti: “Scastagnamo ar parlà, ma aramo dritto”. Mai sonetto fu più calzante all’onesta società contadina, lontana dalle contese politiche, sempre alle prese con i problemi ricorrenti, che ne dicano le associazioni di categoria. Un’umanità che può sembrare becera e sanguinaria, crudele e insensibile agli sciocchi, i quali si dichiarano capaci di compiere - beati loro - atti di giustizia, ubbidendo ai sentimenti; gli sciocchi che biasimano chi sgozza capretti e scanna maiali. Niente è più pericoloso della commozione, specialmente quando diventa strumento di legge. Leone XIII diceva: “Finché siamo commossi, non possiamo far nulla di bene”. Ecco la vera rappresentazione del ridicolo: quella del popolo sovrano che regala regni ai dittatori (a qualcuno fischiano le orecchie?) e ruba i polli, ma senza tiragli il collo perché gli fanno compassione. Lunga vita ad Agriumbria, alla ciccia promessa e alla capacità dell’uomo di arare dritto, in barba al languido desiderio dei falsi profeti, capaci solo di farci uscire dal solco. Beata umbritudine, umbra beatitudine.
giovanni.picuti@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Bleus campioni del mondo, scontri nella notte sugli Champs Elysée
RUSSIA 2018

Bleus campioni del mondo, scontri nella notte sugli Champs Elysée

Parigi, (askanews) - La Francia ha battuto la Croazia 4 a 2 diventando Campione del mondo per la seconda volta. Sugli Champs Elysée centinaia di migliaia di tifosi hanno festeggiato tutta la notte, anche con gas lacrimogeni, petardi e qualche scontro tra manifestanti e polizia in assetto antisommossa. E' il secondo titolo mondiale, dopo quello in casa del 1998 per la Francia di Didier Deschamps, ...

 
Summit Ue-Cina a Pechino, Tusk: calmare tensioni sul commercio

Summit Ue-Cina a Pechino, Tusk: calmare tensioni sul commercio

Pechino, (askanews) - La Cina e l'Unione europea hanno firmato sei accordi al Ventesimo summit Eu-China a Pechino, tra le tensioni commerciali avviate dagli Stati Uniti e le dichiarazioni del presidente Donald Trump che accusa l'Ue di essere "un nemico". Al vertice, al centro del quale ci sono scambi commerciali e investimenti, partecipano il presidente della Commissione europea, Jean-Claude ...

 
Il Savoia s'infortuna e sceglie di operarsi a Città di Castello

Cronaca

Il Savoia s'infortuna e sceglie di operarsi a Città di Castello

Emanuele Filiberto di Savoia sarà operato nell’ospedale di Città di Castello dopo un infortunio. Ha scelto di essere trasferito nell'ospedale tifernate dopo aver rotto il ...

16.07.2018

Alla fine Quincy Jones dirige tutti sul palco

Umbria jazz

Alla fine Quincy Jones dirige tutti sul palco

Sono solo alcuni dei tanti artisti che hanno incrociato la sua strada, pochissimi rispetto alla gran mole di lavoro svolto nel corso di settanta anni di musica, ma l’effetto ...

14.07.2018

Umbria Jazz, Funk off: "Noi da quindici anni a uno dei festival più belli del mondo"

La band

Umbria Jazz, Funk off: "Noi da quindici anni a uno dei festival più belli del mondo"

Dario Cecchini, leader e fondatore dei Funk Off, ci ricorda che la band partecipa a Umbria Jazz da ben quindici anni. Non solo: c'è anche il traguardo dei vent'anni della ...

14.07.2018