giovanni picuti

Vade retro Braccio da Montone

10.03.2016 - 13:28

0

Una rievocazione in abiti rinascimentali getta nella costernazione Perugia. Le corrono in soccorso una manciata di intellettuali, chiamati a difesa dei suoi imperituri simboli, compresa la caramella Rossana. Il fenomeno è così stimolante che andrebbe interpellato il sociologo. L'iniziativa della Severini, giusta o sbagliata che sia, ha ridestato gli ardori della città che da sempre aspira - specialmente a parole - ad una dimensione internazionale. Insomma s'è aperta una questione di blasone giocata sulla pelle della Vispa Teresa, a cui è venuta la disgraziata idea di rievocare la Perugia di Braccio di Montone. I frequentatori dei salotti perugini - gli stessi che fanno a spintoni per visitare il Mercato delle Gaite - hanno prenotato i ristoranti del mare. Ma i pochi che rimarranno in città già iniziano il conto alla rovescia per il lancio delle uova marce. Sebbene non ci siano più i Biordo Michelotti di una volta, a distanza di seicento anni dalla Caporetto braccesca potrebbe presentarsene un'altra. Sarà indetto un referendum per risolvere una faccenda di cotanta importanza? Piuttosto non ci convince la questione del provincialismo. Non fosse altro perché - provincialismo per provincialismo - a dare risalto all'idea della Severini (che sarebbe passata inosservata quanto una trovata della proloco) fu proprio l'accanimento dei suoi detrattori, solitamente defilati quando necessita affrontare questioni di maggior spessore. Se il dileggio sia vano o di qualche utilità si vedrà più avanti. Il tempo è galantuomo. L'ostilità, per dirla alla Fantozzi, sembra un filino eccessiva. Sicuramente è controproducente. Non fosse altro perché innesca un "Braccio" di ferro tra contrapposte fazioni: a proposito di larghe vedute! Come eccessive suonano certe frasi ad effetto, buttate là tanto per dimostrare che nei periodi di crisi ci s'inventa il passato al solo scopo di distogliere la gente dal presente. Suvvia, l'attuale amministrazione non s'è mostrata poi così imperiosa. Non fosse altro perché fino ad oggi s'è mossa entro i limiti consentiti dalla sua risicata e inattesa ascesa al palazzo. Sebbene siano in parte condivisibili i rimproveri mossi all'iniziativa i complottisti sono scivolati sulla proverbiale buccia dell'inconscio; o meglio, incappati in un rosicamento freudiano, comparabile - questo sì - al provincialismo di maniera. Perché mai la Severini avrebbe dovuto inventarsi il panem et circenses? Per distrarre la gente dalla crisi generale che investe a diversi livelli (e certamente non per colpa sua) le istituzioni di questa regione? Siparietto. Sono stati scomodati studiosi più o meno locali e politici più o meno a riposo per demolire un'iniziativa che avrebbe fatto parlare ben poco di sé. Questi disinteressati intellettuali avrebbero potuto farsi vivi un paio di anni or sono, tanto per non faci perculare da Matera. L'opinione pubblica, non solo perugina, ne ha le tasche piene di questa disputa provinciale. Suggeriamo all'ideatrice dello scempio di abbandonare la brillante idea di mettere in piazza tanta rievocata peruginità. Basterebbe un tweet di quelli che lancia ogni mattina Matteo Renzi per allietare i nostri risvegli. Oppure un'inserzione su Facebook: "l'evento che doveva tenersi l'11 e il 12 giugno è stato cancellato per manifesta avversità storica, ideologica e ambientale". Salvo poi rimanere in speranzosa attesa delle democratiche (quindi non piovute dall'alto) proposte circa le iniziative da realizzare per rilanciare la Vetusta, prendendo le debite distanze dalle arretrate quanto folcloristiche città umbre. Perlomeno su quest'ultimo obiettivo i perugini sono tutti d'accordo. Beata umbritudine, umbra beatitudine.

giovanni.picuti@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Trento (askanews) - A cento anni di distanza, la Grande Guerra è per molti giovani solo un capitolo da leggere, magari da studiare, nei manuali di Storia. Nel piccolissimo borgo di Ossana nella val di Sole, invece, il sacrificio dei soldati sui due fronti di quella guerra devastante è ancora oggi ricordato e vissuto come un patrimonio della comunità. E qui è stato quindi deciso, con una insolita ...

 
Cultura

l mondo di Don Camillo e Peppone in una mostra che celebra Guareschi

Fino al 15 luglio a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra ‘Don Camillo, Peppone e il crocifisso che parla’ è dedicata all’opera di Giovannino Guareschi. In concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore, 70 scatti di Osvaldo Civirani raccontano la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak. Un racconto nel racconto, che ...

 
Altro

Ecco come si tagliano i capelli nello spazio

Come ci si tagliano i capelli in orbita? Ce lo mostra l'agenzia spaziale russa Roskosmos che ha pubblicato sul suo sito web un video nel quale si vede il cosmonauta russo Anton Shkaplerov con una macchina speciale che taglia i capelli al suo collega Alexander Misurkin. Gli astronauti usano una macchina speciale, dotata di un tubo aspirapolvere che non fa disperdere i capelli tagliati a gravità ...

 
Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Roma, (askanews) - L'Ultima Spiaggia di Capalbio, uno degli stabilimenti balneari più conosciuti d'Italia, celebra lo storico traguardo dei 30 anni di attività con una raccolta di storie, aneddoti e contributi segnalati o scritti per l'occasione dai clienti. Foto, biglietti, cartoline, ricordi ma anche poesie per una realtà imprenditoriale di successo che non è mai stata soltanto uno stabilimento ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018