Gli ulivi dell'Unesco

Gli ulivi dell'Unesco

11.02.2016 - 11:29

0

Non v'è soluzione di continuità nella fascia pedemontana ulivata che da Spoleto va fino ad Assisi. L'insieme dei suoi elementi la rende unica al mondo. La componente paesaggistica si fonde perfettamente con quella antropica a cui è demandata la cura delle strade poderali, degli impianti a ciglioni, dei terrazzamenti a lunetta e dei muretti tenuti in piedi dal faticoso governo sui terreni, sui coltivi e sulle pertinenze. In Umbria resistono enclave dove la ricchezza della natura è ancora sorretta dall'opera agronomica dell'uomo, che ne difende la sopravvivenza. I Comuni di Assisi, Spello, Foligno, Trevi, Campello sul Clitunno e Spoleto, al fine di tutelare il loro patrimonio ambientale e storico-artistico e di incrementarne il potenziale attrattivo, si sono accordati per iscrivere la loro fascia ulivata nel Registro Nazionale del Paesaggio Rurale delle Pratiche Agricole e Conoscenze Tradizionali, con il dichiarato intento di proporre la sua candidatura al patrimonio dell'Unesco. Purtroppo sono già molte le chiuse abbandonate e i muri sbriciolati. Oggi gli ulivi li piantano in pianura, esposti alle nebbie e alle gelate, per meglio coltivarli con i sistemi meccanizzati. C'è anche chi li pianta al centro delle rotatorie, alla maniera di spettrali cimeli di una perduta identità. Ma questa è un'altra storia, che non ha nulla a che fare con il comitato promotore della candidatura Unesco. Cosa fare perché i fattori che regolano la vita degli ecosistemi, dei paesi, della viabilità e degli insediamenti geoantropici non siano definitivamente cancellati? Prendiamo ad esempio le Cinque Terre, modello di insieme edilizio, architettonico, tecnologico e di paesaggio che illustra un passaggio significativo della storia umana. Si definisce "paesaggio vivente" quello in grado di mantiene un ruolo nella società contemporanea, in stretta associazione con i modi tradizionali di vita e nel quale il processo evolutivo è attivo, grazie all'equilibrio tra natura e attività umane. La Valle Umbra risponde ancora ai criteri di integrità e autenticità, che si manifestano nei caratteri di specificità e nelle componenti distintive delle forme di paesaggio storico agrario, caratterizzato dall'insediamento rurale? Forse sì, ma solo se considerata nella sua interezza. Fino a qualche anno fa noi umbri trovavamo nel paesaggio agrario la nostra identità, il nostro nesso con la vita e con i valori da salvaguardare. Ammesso e non concesso che il consumo dei suoli, le infrastrutture debordanti e la speculazione edilizia non abbiano lasciato i loro profondi segni sulla bellezza dell'insieme, c'è ancora un aspetto da limare nella lodevole iniziativa di Bernardino Sperandio e compagnia bella (di sindaci). Iniziativa che tuttavia non dimostra, spiace dirlo, un alto grado di predittività. Che senso ha affettare in due la Culta Valle? Forse gli ulivi di Montefalco, Castel Ritaldi, Giano dell'Umbria, Bevagna, Gualdo Cattaneo, Cannara e Bettona non sono degni di configurarsi all'interno del processo inclusivo in cui il territorio ulivato è stato posto al centro della proposta? E' la Culta Valle, nella sua interezza, la Valle Spoletana di Francesco, il solo e indivisibile punto di riferimento per chi abbia a cuore la progettazione ambientale, la pianificazione turistica e territoriale di questa fetta di regione. Perché il disegno possa auspicabilmente decollare, signori sindaci, dovrà avere un maggior respiro, coinvolgere tutti i possibili portatori d'interesse. In fin dei conti San Francesco, che di natura se ne intendeva più di voi, predicò agli uccelli da Piandarca, proprio dalla parte opposta della fascia pedemontana. Circostanza non marginale, che unita a molte altre (non staremo qui a ricordarle per non offendere l'intelligenza di nessuno) può meglio concorrere a un riconoscimento internazionale così importante. Allargate il gioco sull'altra fascia, promotori. Prima che sia troppo tardi. Beata umbritudine, umbra beatitudine.

giovanni.picuti@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gentile (Rfi): gelicidio imprevedibile, complicata prevenzione

Gentile (Rfi): gelicidio imprevedibile, complicata prevenzione

Bologna (askanews) - Il fenomeno del gelicidio che ha provocato ritardi sulla rete ferroviaria è un "fenomeno che si presenta in modo istantaneo" quindi "improvvisamente" ed è perciò "complicato" prevenire. Lo ha detto Maurizio Gentile, amministratore delegato e direttore generale di Rete Ferroviaria Italiana (Rfi). "Le situazioni più critiche permangono tra la Liguria, il Piemonte e un po' ...

 
Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Tokyo, (askanews) - Sono iniziate nelle scuole elementari del Giappone le votazioni per scegliere le mascotte per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Fino al 22 febbraio 2018 i bambini di ogni scuola giapponese - nel paese come all'estero - potranno scegliere la mascotte preferita. Il vincitore sarà annunciato il 28 febbraio. Dall'orsetto lavatore al supereroe, gli organizzatori dei Giochi di Tokyo hanno ...

 
Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Milano (askanews) - Chi siamo noi: se lo chiede la filosofia da secoli, se lo chiedeva Paolo Conte e continuiamo a chiedercelo anche noi. A volte, nel sostanziale deserto di risposte, arrivano dai barlumi, imprevisti, di chiarezza. Succede, per esempio, con uno dei libri più interessanti usciti negli ultimi mesi: "La vita segreta" di Andrew O'Hagan, "tre storie vere dell'era digitale", recita il ...

 
E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017

Tornano i dinosauri di Jurassic World

La saga

Tornano i dinosauri di Jurassic World

Nel 2018 torneranno i dinosauri di Jurassic World. Il nuovo capitolo della saga multimilionaria iniziata nel 1993 avrà come sottotitolo The Fallen Kingdom, il Regno caduto. ...

08.12.2017