Gli ulivi dell'Unesco

Gli ulivi dell'Unesco

11.02.2016 - 11:29

0

Non v'è soluzione di continuità nella fascia pedemontana ulivata che da Spoleto va fino ad Assisi. L'insieme dei suoi elementi la rende unica al mondo. La componente paesaggistica si fonde perfettamente con quella antropica a cui è demandata la cura delle strade poderali, degli impianti a ciglioni, dei terrazzamenti a lunetta e dei muretti tenuti in piedi dal faticoso governo sui terreni, sui coltivi e sulle pertinenze. In Umbria resistono enclave dove la ricchezza della natura è ancora sorretta dall'opera agronomica dell'uomo, che ne difende la sopravvivenza. I Comuni di Assisi, Spello, Foligno, Trevi, Campello sul Clitunno e Spoleto, al fine di tutelare il loro patrimonio ambientale e storico-artistico e di incrementarne il potenziale attrattivo, si sono accordati per iscrivere la loro fascia ulivata nel Registro Nazionale del Paesaggio Rurale delle Pratiche Agricole e Conoscenze Tradizionali, con il dichiarato intento di proporre la sua candidatura al patrimonio dell'Unesco. Purtroppo sono già molte le chiuse abbandonate e i muri sbriciolati. Oggi gli ulivi li piantano in pianura, esposti alle nebbie e alle gelate, per meglio coltivarli con i sistemi meccanizzati. C'è anche chi li pianta al centro delle rotatorie, alla maniera di spettrali cimeli di una perduta identità. Ma questa è un'altra storia, che non ha nulla a che fare con il comitato promotore della candidatura Unesco. Cosa fare perché i fattori che regolano la vita degli ecosistemi, dei paesi, della viabilità e degli insediamenti geoantropici non siano definitivamente cancellati? Prendiamo ad esempio le Cinque Terre, modello di insieme edilizio, architettonico, tecnologico e di paesaggio che illustra un passaggio significativo della storia umana. Si definisce "paesaggio vivente" quello in grado di mantiene un ruolo nella società contemporanea, in stretta associazione con i modi tradizionali di vita e nel quale il processo evolutivo è attivo, grazie all'equilibrio tra natura e attività umane. La Valle Umbra risponde ancora ai criteri di integrità e autenticità, che si manifestano nei caratteri di specificità e nelle componenti distintive delle forme di paesaggio storico agrario, caratterizzato dall'insediamento rurale? Forse sì, ma solo se considerata nella sua interezza. Fino a qualche anno fa noi umbri trovavamo nel paesaggio agrario la nostra identità, il nostro nesso con la vita e con i valori da salvaguardare. Ammesso e non concesso che il consumo dei suoli, le infrastrutture debordanti e la speculazione edilizia non abbiano lasciato i loro profondi segni sulla bellezza dell'insieme, c'è ancora un aspetto da limare nella lodevole iniziativa di Bernardino Sperandio e compagnia bella (di sindaci). Iniziativa che tuttavia non dimostra, spiace dirlo, un alto grado di predittività. Che senso ha affettare in due la Culta Valle? Forse gli ulivi di Montefalco, Castel Ritaldi, Giano dell'Umbria, Bevagna, Gualdo Cattaneo, Cannara e Bettona non sono degni di configurarsi all'interno del processo inclusivo in cui il territorio ulivato è stato posto al centro della proposta? E' la Culta Valle, nella sua interezza, la Valle Spoletana di Francesco, il solo e indivisibile punto di riferimento per chi abbia a cuore la progettazione ambientale, la pianificazione turistica e territoriale di questa fetta di regione. Perché il disegno possa auspicabilmente decollare, signori sindaci, dovrà avere un maggior respiro, coinvolgere tutti i possibili portatori d'interesse. In fin dei conti San Francesco, che di natura se ne intendeva più di voi, predicò agli uccelli da Piandarca, proprio dalla parte opposta della fascia pedemontana. Circostanza non marginale, che unita a molte altre (non staremo qui a ricordarle per non offendere l'intelligenza di nessuno) può meglio concorrere a un riconoscimento internazionale così importante. Allargate il gioco sull'altra fascia, promotori. Prima che sia troppo tardi. Beata umbritudine, umbra beatitudine.

giovanni.picuti@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Se il rapper Ghali diventa il protagonista di "Assassin's Creed"

Il rapper italiano Ghali, che sta scalando le classifiche delle hit più ascoltate e che vanta decine di milioni di visualizzazioni su Youtube, è stato scelto dal leader dell'intrattenimento digitale Ubisoft per rendere omaggio all'ultimo capitolo della saga di "Assassin's Creed" (Assassin's Creed Origins), il videogioco da 110 milioni di copie, in uscita il 27 ottobre. Ghali veste i panni del ...

 
Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

Egitto in lutto commemora 75esimo della battaglia di El Alamein

El Alamein (askanews) - Le autorità egiziane e più di 35 delegazioni straniere hanno commemorato il 75esimo anniversario della battaglia di El Alamein del 1942, importante vittoria alleata sui nazisti, in un Egitto in lutto per la morte ieri in un attentato di almeno 35 poliziotti. La cerimonia si è svolta al cimitero della Commonwealth War Graves Commission, dove riposano i resti dei soldati ...

 
Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Ue, Boccia a Berlusconi: no doppia moneta, nodo è produttività

Capri (askanews) - Il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, boccia la proposta di doppia moneta lanciata dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dal palco del convegno dei giovani imprenditori. "No, non ci convince la doppia moneta - ha detto Boccia a margine del meeting degli under 40 di Confindustria - riteniamo che possa incrementare solo elementi inflattivi. La grande sfida del ...

 
Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Spagna, governo ricorre ad articolo 155: destituzione Puigdemont

Madrid (askanews) - Il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, riunito in un Consiglio dei ministri durato un paio di ore, ha deciso di fare ricorso all'Articolo 155 della Costituzione per revocare una serie di prerogative della Generalitat della Catalogna, il governo regionale autonomo, dopo che questo ha fatto votare un referendum per l'indipendenza. "Applichiamo l'Articolo 155 della ...

 
Concerto dai balconi di piazza del Mercato

Tanta gente in centro

Concerto dai balconi di piazza del Mercato

A Terni, fino alla tarda serata di sabato 21 ottobre, si è svolta con grande successo, in piazza del Mercato, l’iniziativa "Concerto dai balconi", organizzata ...

21.10.2017

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

"Il collegio 2"

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano

Avventura televisiva finita per Dimitri Tincano, il quindicenne ternano che ha partecipato al reality di Raidue "Il collegio 2". Il ragazzo è arrivato all'ultima puntata, ma ...

18.10.2017