umbria felix

Rotatoria Luisa Spagnoli

04.02.2016 - 12:14

0

Dall’Acquedotto a via Ulisse Rocchi, da Maestà delle Volte alle Prome, dalla scalinata di piazza Rossi Scotti a Sant’Ercolano, com’è bella la Perugia mostrata nella fiction televisiva che racconta la favola di una ragazza di provincia, figlia di un pescivendolo, divenuta imprenditrice di successo e protagonista di un pezzo di storia del progresso economico del nostro paese. La Perugia dei cambiamenti sociali all’indomani della Grande Guerra; quella dell’iniziativa privata, che toccherà il suo massimo splendore negli anni Settanta e Ottanta; quella in cui un ruolo determinate spettò a Luisa Sargentini, maritata Spagnoli, fustigatrice dei metodi imposti dalle lobbies dell’epoca (ogni periodo storico ha le sue), perugina ostile ai dettami imposti dalla meschina società, alla quale fu ammessa di diritto, per poi minarne le fondamenta. La Rai ha giocato d’anticipo sulla città facendo conoscere a milioni d’italiani la storia - sebbene resa a tratti melensa e a tratti inverosimile - di questa temeraria perugina, che si fece imprenditrice mentre le altre mogli rimanevano a casa a fare la calzetta o a spettegolare nei tarlati salotti dei palazzi borghesi. Ce ne fossero di donne ribelli e creative, capaci di non piangersi addosso, ma di guardare al futuro come nessuno è più in grado di fare. Sono passati i tempi in cui bastava intingere una banana nel cioccolato per imboccare la via del successo. È vero. Ma oggi più che mai è giunta l’ora di esercitare una qualche forma di ribellione. Magari nel segno della vera emancipazione a dispetto delle libertà conculcate, del regnante nichilismo, del malcostume generalizzato e della libera maldicenza esercitata nei social. Luisa, può essere piaciuta o meno, ma ci ha ricordato che non v’è rimedio contro il senso naturale dell’attrazione. Quel che conquista è la sua manifesta libertà dei sentimenti, che a dispetto dei benpensanti nulla toglie alla famiglia, pur concedendo al giovane Giovanni Buitoni più di un Bacio traditore. Tutto ciò a dispetto anche di quanti dubitando di certi valori chiedono la tutela dei diritti riproduttivi. Ognuno è libero di pensarla come vuole, ma non tiriamola troppo per il tailleur questa luminosa figura di donna. Piuttosto Perugia si prende la sua catodica rivincita sulle sberle ricevute dai suoi romanzi criminali. Se la prende con uno sceneggiato strappalacrime, ma che racconta la sua storia recente, troppo in fretta dimenticata. La città riacquista la sua dignità attraverso una discutibile finzione televisiva, che finzione non è, perché gli Spagnoli, i Buitoni e tanti dopo di loro sono esistiti davvero. Siparietto. Palazzo dei Priori ringrazia la Spagnoli dedicandole una rotatoria a San Sisto, così parodiando i suoi predecessori, che le intitolarono una strada di inadeguata importanza tra Martiri dei Lager e via del Macello, che è tutto dire. Pregasi gli habitué dei social di andarci piano con le inclinazioni ideologiche di Luisa. Frega niente a nessuno se la figlia riscattata di un pescivendolo oggi avrebbe strizzato l’occhio al comunismo, al renzismo o alla difesa incondizionata del Capitale. Arginate il vostro estro adoratori dei social. Accontentatevi di commentare su Facebook il post di un infervorato Giacomo Leonelli, per il quale la sua meravigliosa Perugia “non è mica un set ricostruito”. Dopo di che coraggio, che il meglio è passato, come diceva Ennio Flaiano.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Tokyo, (askanews) - Sono iniziate nelle scuole elementari del Giappone le votazioni per scegliere le mascotte per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Fino al 22 febbraio 2018 i bambini di ogni scuola giapponese - nel paese come all'estero - potranno scegliere la mascotte preferita. Il vincitore sarà annunciato il 28 febbraio. Dall'orsetto lavatore al supereroe, gli organizzatori dei Giochi di Tokyo hanno ...

 
Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Milano (askanews) - Chi siamo noi: se lo chiede la filosofia da secoli, se lo chiedeva Paolo Conte e continuiamo a chiedercelo anche noi. A volte, nel sostanziale deserto di risposte, arrivano dai barlumi, imprevisti, di chiarezza. Succede, per esempio, con uno dei libri più interessanti usciti negli ultimi mesi: "La vita segreta" di Andrew O'Hagan, "tre storie vere dell'era digitale", recita il ...

 
Le prime immagini dell'esplosione di New York

Le prime immagini dell'esplosione di New York

Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. Scondo i media americani diverse persone sono rimaste ferite e una persona è stata arrestata. Le linee della metropolitana A, C ed E, che si incrociano nei pressi del luogo dove è avvenuta l'esplosione, sono state fatte evacuare.

 
E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017

Tornano i dinosauri di Jurassic World

La saga

Tornano i dinosauri di Jurassic World

Nel 2018 torneranno i dinosauri di Jurassic World. Il nuovo capitolo della saga multimilionaria iniziata nel 1993 avrà come sottotitolo The Fallen Kingdom, il Regno caduto. ...

08.12.2017