giovanni picuti

Il solito disfattista

21.01.2016 - 11:43

0

Benché a corto di competenze - appartenenti solo agli studiosi della materia - ho sempre subìto il fascino del bello, l’attrazione verso la grazia dei luoghi in cui sono cresciuto. Ovunque mi trovi in Umbria, mi sembra di rinvenire concetti, idee guida, approcci utili a comprendere l’avvenenza della mia regione, descritta nella sua pittura, scolpita nella solida concretezza dei suoi monumenti e nell’articolata complessità delle sue architetture. Non fosse altro per esservi nato e per averne goduto appieno, mi sono sempre ingegnato di buttare all’aria i consolidati steccati dogmatici acquisiti nei pigri anni del liceo, confidando principalmente nell’esperienze acquisite nel corso dei miei dilettevoli vagabondaggi.
Qualche giorno fa ero ospite a casa di un mio conoscente dove, purtroppo, si parlava a sproposito d’arte. Un salottino artificiale, cioè fatto ad arte, in cui coltivare leggerezze e raccontare di esperienze immaginarie, frutto di teorie freudiane. Pur nella consapevolezza dei miei limiti, sentire profani che s’atteggiano ad esperti, per me costituisce ancora un’intollerabile profanazione. I partecipanti al dibattito articolavano giudizi e pronunciavano sentenze, su quale fosse la vera anima dell’Umbria, il luogo eletto che la riassumeva tutta. Tizio prediligeva la Fontana Maggiore, pontificando sui Pisano; Caio optava per il ciclo di affreschi di San Francesco in Assisi, aderendo alla tesi vasariana che li attribuisce a Giotto. Quanto alla moglie del notaio tal dei tali parteggiava per il Duomo d’Orvieto, dichiarandosi ammaliata dalle sue cuspidi slanciate. Come non parlare d’arte in una casa ove su ogni mobile, su ogni divano, su ogni sedia riviste del settore si offrono liberamente agli sguardi più indegni? Tra le tante cialtronerie spiccava l’analisi fatta da un pennivendolo (e critico d’arte) sulla retrospettiva di Burri al Guggenheim, da lui accuratamente visitata attraverso la rete. Scoprendomi in disparte, uno degli ospiti chiese il mio parere sul tanto dibattuto argomento. Avrei voluto dire che la cosa più bella che vi fosse in Umbria era la figlia dei miei ospiti, comparsa e poi scomparsa in cucina con un vassoio in mano. Ma spostai accortamente l’argomento (mi riconosco una qualche perizia collegata alla mia professione, nel farlo) su un articolo giornalistico del 1951 di Dino Buzzati, inviato dal Corriere della Sera al Giro d’Italia, quando Coppi vinse la Perugia-Terni a cronometro. Mi fu dato del “solito disfattista”. Eppure l’immagine più bella dell’Umbria si ricava proprio da quella cronaca lesta e sublime del grande giornalista al seguito di un gruppo di ciclisti lanciati a perdifiato tra tanta bellezza: un messaggio inviato dall’Umbria per far conoscere il suo incanto a quelli del bar dello sport. Perché come scrive Buzzati “Centomila ricordi di cose grandi ritornano anche a chi ha fatto solo le elementari. Ma pure chi non è mai stato a scuola e non porta in sé nulla di quanto avvenne nei secoli, anche all’analfabeta, parla questa terra straordinariamente umana”. La qualificata disputa terminò in una generale risata, incoraggiata da quel composito intellettuale di provincia combattuto tra il prurito di mostrarsi aggiornato su Burri e i pesi della piccola zavorra della sua animula retriva. Disse sogghignando: “Sei sempre il solito disfattista; con te non si può fare un discorso serio”. Siparietto. Conoscendo i principii estetici che disciplinano le espressioni d’arte nella donna (per essermi a lungo appassionato all’argomento) tornai a dedicarmi alla contemplazione della bellezza umbra, che nel frattempo era ricomparsa con il vassoio dei caffè in mano. Segnale, quello, che eravamo finalmente giunti all’epilogo della deliziosa serata. 
giovanni.picuti@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Grande Guerra: a Ossana in mostra i reperti trovati sui ghiacciai

Trento (askanews) - A cento anni di distanza, la Grande Guerra è per molti giovani solo un capitolo da leggere, magari da studiare, nei manuali di Storia. Nel piccolissimo borgo di Ossana nella val di Sole, invece, il sacrificio dei soldati sui due fronti di quella guerra devastante è ancora oggi ricordato e vissuto come un patrimonio della comunità. E qui è stato quindi deciso, con una insolita ...

 
Cultura

l mondo di Don Camillo e Peppone in una mostra che celebra Guareschi

Fino al 15 luglio a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra ‘Don Camillo, Peppone e il crocifisso che parla’ è dedicata all’opera di Giovannino Guareschi. In concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore, 70 scatti di Osvaldo Civirani raccontano la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak. Un racconto nel racconto, che ...

 
Altro

Ecco come si tagliano i capelli nello spazio

Come ci si tagliano i capelli in orbita? Ce lo mostra l'agenzia spaziale russa Roskosmos che ha pubblicato sul suo sito web un video nel quale si vede il cosmonauta russo Anton Shkaplerov con una macchina speciale che taglia i capelli al suo collega Alexander Misurkin. Gli astronauti usano una macchina speciale, dotata di un tubo aspirapolvere che non fa disperdere i capelli tagliati a gravità ...

 
Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Libri, L'Ultima: vera storia dell'Ultima Spiaggia di Capalbio

Roma, (askanews) - L'Ultima Spiaggia di Capalbio, uno degli stabilimenti balneari più conosciuti d'Italia, celebra lo storico traguardo dei 30 anni di attività con una raccolta di storie, aneddoti e contributi segnalati o scritti per l'occasione dai clienti. Foto, biglietti, cartoline, ricordi ma anche poesie per una realtà imprenditoriale di successo che non è mai stata soltanto uno stabilimento ...

 
Brad Mehldau, cancellato il concerto

Umbria jazz 2018

Brad Mehldau, cancellato il concerto

Il concerto di Brad Mehldau a Umbria Jazz previsto per il 18 luglio 2018 round midnight al teatro Morlacchi di Perugia è stato cancellato per cause indipendenti dalla volontà ...

23.06.2018

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

St Jacob's Chamber Choir

Grandi festival

Una Sagra musicale di Guerra e Pace

Una Sagra monumentale capace di mostrare tutto il suo valore di patrimonio storico e vivo della città e del territorio. E’ così che organizzatori, istituzioni e il direttore ...

23.06.2018

Musica e teatro in quota

Suoni Controvento prendono forma dallo spazio

Un viaggio negli inferi di monte Cucco seguendo il Caino di George Byron, le sue parole, passo dopo passo, lentamente. Oppure là fuori, nella luce del tramonto, a rivedere un ...

23.06.2018