Suggestioni martane

Suggestioni martane

03.12.2015 - 12:23

0

Mentre la Padania si aggiudica la maglia nera dell'inquinamento a Giano dell’Umbria si respira l’aria pura. Osservo le piccole cose della nostra patria umbra, i rassicuranti fondali delimitati dalla cerchia dei monti e i paesaggi che li contengono. Ragiono sulla pianta dell'ulivo, al cui cospetto comprendo i veri motivi dell'esistere. Dal balcone di Giano scopro mezza regione. Mentre naufrago nel mare di ulivi di Seggiano rifletto su quanto è successo a Parigi e sul dibattito di portata planetaria che lì si sta svolgendo per fronteggiare i cambiamenti climatici. Gli ulivi sono lì, secolari, impassibili. Figli della tradizione occidentale e mediterranea abbiamo attribuito all'ulivo significati che vanno oltre la sua rilevanza agronomica. Eppure non sappiamo più concepire l'agricoltura nei suoi aspetti economici, antropologici e sociali. Non lo sanno fare neppure le istituzioni, che dovrebbero difendere le strutture produttive, i sopravvissuti nuclei familiari rurali, tutelare i paesaggi umani e le gerarchie territoriali dedite al lavoro agricolo. Non sanno fare di meglio gli stessi mezzi di comunicazione, che confondono l'agriturismo, la visita al frantoio o alla cantina con i contenuti sociali più intimi, collegati ai quadri umani ed ambientali del mondo rurale che sta scomparendo. C'è poi il paesaggio agrario. Quello umbro, ad esempio, è il risultato del lavoro di generazioni mezzadrili e, prima ancora, di una storia iniziata in età comunale, quando le città uscirono da se stesse per disperdersi nei casolari sparsi, dopo aver trasformato gli acquitrini in campi di viti e ulivi, circoscrivendoli tra fossi e vie campestri, tra ciglioni erbosi e muri a secco. Detta così sembra la descrizione della figura allegorica rappresentata a Siena da Ambrogio Lorenzetti nel dipinto del Buon Governo: "senza paura ogn'om franco cammini e lavorando semini ciascuno". Guardavo il paesaggio agrario che circonda Giano dell'Umbria. Quell odei Martani è un paesaggio in gran parte intatto, non solo un insieme di piante, coltivi e begli scorci. Mi si è mostrato durante una luminosa domenica d'inverno, lontano dalla martoriata Parigi che ancora non s'è tolta il lutto dal braccio e già ragiona sul futuro del pianeta. E se invece il futuro albergasse qui? Nel minuscolo Comune - in occasione dell'ultima domenica di Frantoi Aperti - si celebrava la complessa storia millenaria dell'ulivo. Tra un'Abbazia e un mulino, tra un podere e un castello, percorrendo le colline di Morcicchia, Macciano, Castagnola e San Felice, mi sono accorto di quanto la "civiltà dell'olivo" abbia contribuito a plasmare l'identità culturale, economica e territoriale, di questa regione e a incidere sulla sua immagine. Al confronto con la sponda ulivata - che, senza soluzione di continuità, conquista lo sguardo da Assisi a Spoleto - la cintura dei Martani, con i suoi poggi e i suoi accurati appoderamenti e i suoi borghi rurali sparsi, mostra caratteristiche meno omogenee, ma di maggior pregio ambientale. Se l'Umbria è il cuore verde d'Italia i Martani sono il cuore verde dell'Umbria. Peccato che la gente di città si ricordi della campagna solo nei fine settimana, perché a certe abitudini ne ha sostituite altre, che investono i valori di una società irreversibilmente urbana. Gli umbri hanno rinunciato ai modi di fare ereditati da un passato recente, quando dominava la dimensione agraria e rurale. Non avvertono più il richiamo esiodeo della natura. Rimane a rappresentarli l'ulivo - si diceva domenica a Giano dell'Umbria - con tutta l'emotività che questa pianta comunica all'uomo, insieme alla capacità di stimolare la parte migliore dei suoi sentimenti, che egli esprime spiritualmente, ma solo nel corso dei fine settimana, attraverso la religione e la poesia. Beata umbritudine, umbra beatitudine.
giovanni.picuti@alice.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano (askanews) - E' grazie a scienza, tecnologia e alle sempre più evolute procedure di indagine che per i responsabili dei delitti è sempre più difficile rimanere impuniti. Oggi l'indagine scientifica ha assunto un ruolo fondamentale. Basti pensare che in uno degli ultimi casi di cronaca è bastato un singolo capello ritrovato sul luogo di un grave delitto di sangue per trovare e catturare gli ...

 
Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Los Angeles (askanews) - Una stella sulla Walk of Fame, la celebre passeggiata degli artisti a Los Angeles, per Dwayne "The Rock" Johnson. L'attore americano, ex culturista 45enne, reso celebre dai ruoli da duro in film come "Il re scorpione", "Fast & Furious" fino ai recenti remake di "Baywatch" e "Jumanji" si è aggiudicato l'ambito riconoscimento che consacra le più famose star di Hollywood. ...

 
Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Genova (askanews) - "È assolutamente un'importantissima conquista di civiltà". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando l'approvazione della legge sul biotestamento, a margine dell'assemblea di Dems a Genova. "Voglio ringraziare - ha sottolineato il Guardasigilli - tutti i parlamentari che hanno concorso all'approvazione di questo importante atto normativo che ci fa ...

 
Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Genova (askanews) - "Lavoriamo per dare un risultato chiaro perché credo che l'ipotesi di nuove elezioni o di larghe intese non sia nell'interesse del Paese". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando, a margine dell'assemblea di Dems a Genova, l'ipotesi di un Gentiloni bis in caso di una situazione di stallo dopo le prossime elezioni.

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

capitale in lutto

E' morto Lando Fiorini, "core de Roma"

E' morto Lando Fiorini. Il cantante, che avrebbe compiuto 80 anni a gennaio, è deceduto a Roma nel pomeriggio di sabato 9 dicembre dopo una lunga malattia. Le conferme sono ...

09.12.2017

Il funambolo e l'idea di Alchemika

Oltre l'esibizione

Il funambolo e l'idea di Alchemika

L’idea di riportare un equilibrista sospeso sulle teste dei perugini a un secolo da Strucinàide non è poi così nuova. Chi ha una qualche dimestichezza con la vita culturale ...

09.12.2017