Commozione ai funerali di Gastone Moschin

Narni

Commozione ai funerali di Gastone Moschin

06.09.2017 - 15:28

0

“ Tutti noi vorremmo essere in uno scherzo di ‘Amici miei’ ma questa è la realtà”. Don Roberto Bizzarri, ieri mattina ha salutato così la salma di Gastone Moschin, il celebre attore deceduto ad 88 anni lunedì scorso all’ospedale di Terni. Il funerale, che si è tenuto al Santuario della Madonna del Ponte mercoledì mattina alle 11 è stato discreto, così come era stato l’attore in vita. Nessun nome altisonante, solo i familiari, tanti amici, i giovani della scuola di recitazione Mumos che Moschin aveva fondato con la moglie Marzia Ubaldi, presente in prima fila sotto un paio di occhiali scuri per salutare in preda alla commozione per l’ultima volta il suo compagno di vita. Presenti anche molti amici dell’attore, la figlia Emanuela ed i nipoti ed il sindaco di Narni Francesco De Rebotti.

I funerali, voluti dalla famiglia in forma privata, hanno contato anche la presenza di molti cittadini narnesi profondamente legati all’attore che dal 1990 viveva nella frazione di Capitone dove gestiva anche un maneggio. “Gastone – ha affermato Don Roberto – ci ha insegnato a guardare la vita in una prospettiva diversa, grazie alla sua grande ironia ed alla sua arte. Anche nei momenti difficili per il nostro Paese, lui attraverso i suoi film ci ha mostrato che spesso le difficoltà possono essere opportunità. Gastone – ha continuato il parroco -  sarà sempre tra di noi, con quella presenza discreta che ha sempre caratterizzato la sua vita, dedita al lavoro ed alla famiglia che amava. Ne ha combinate davvero tante, ma ha fatto anche molto del bene e per questo gliene saremo sempre grati”.

Don Roberto e tutti coloro che erano presenti e che conoscevano bene Moschin, si sono stretti intorno alla sua famiglia ricordando il suo carattere, la sua bontà, la sua ironia e la sua grande arte che lo ha consacrato nell’olimpo cinematografico e teatrale italiano come uno degli attori indimenticabili grazie alle sue eccellenti interpretazioni. Ed il parroco, ha voluto regalare ai presenti anche un ricordo personale dell’attore, legato al giorno del battesimo delle nipoti.

“Gli avevo chiesto – ha ricordato con affetto Don Roberto -  di leggere in chiesa le sacre scritture. Quando è arrivato portava un foglio scritto a mano, dove si era segnato e studiato quello che doveva poi leggere, quindi io gli feci notare la sua ‘indole’ di attore.’’ E lui: “Mica siamo a teatro qui, devo proclamare la parola di Cristo!”. Un ricordo scherzoso, così come era Moschin, persona che rimarrà nel cuore di tutti.  

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Ratko Mladic condannato all'ergastolo dal tribunale dell'Aia

Ratko Mladic condannato all'ergastolo dal tribunale dell'Aia

L'Aia (askanews) - Il Tribunale penale internazionale dell'Aia ha condannato in primo grado all'ergastolo Ratko Mladic, l'ex capo militare serbo bosniaco soprannominato il "Macellaio dei Balcani". Mladic è stato riconosciuto colpevole di genocidio, crimini di guerra e crimini contro l'umanità per il conflitto in Bosnia del 1992-1995. Prima della lettura della sentenza, l'ex capo militare dei ...

 
L'idolo millennial Beatrice Vendramin si racconta in un libro

L'idolo millennial Beatrice Vendramin si racconta in un libro

Milano (askanews) - La bella e grintosa Beatrice Vendramin non ha ancora 18 anni ma è già una star. Idolo dei Millennials con oltre 700mila follower su Instagram, è stata Emma la protagonista della serie Disney Alex&Co e ora ha deciso di rendere pubblico il suo diario trasformandolo in un libro "I piedi per terra, la testa nel cielo". "Ho voluto raccontare semplicemente quello che ho fatto fino ...

 
Renzi: spero che Berlusconi sia candidabile, vorrei sfidare lui

Renzi: spero che Berlusconi sia candidabile, vorrei sfidare lui

Roma, (askanews) - "Mi piacerebbe sfidare Berlusconi, spero venga messo nelle condizioni di fare la campagna elettorale". Così il segretario del Pd Matteo Renzi, parlando in treno con i giornalisti. "Ora siamo nella fase della costruzione delle coalizioni. Da qui alle prossime settimane si dovranno chiudere le squadre che giocano la partita e io sono, come tutti noi a parte Giachetti, molto grati ...

 
Ritrovati a Berlino un centinaio di effetti personali di Lennon

Ritrovati a Berlino un centinaio di effetti personali di Lennon

Berlino, (askanews) - Diari, portasigarette, lettere e occhiali sono alcuni dei numerosi oggetti appartenenti a John Lennon, circa un centinaio, che sono stati ritrovati a Berlino, dopo essere stati rubati, presumibilmente, dall'autista di Yoko Ono nel 2006. Il sospettato ha anche scontato due mesi in carcere nel 2007 negli Stati Uniti per aver tentato di ricattare la vedova di Lennon. "Stiamo ...

 
Melissa e Cyrille, musica al femminile

Jazz Club Perugia

Melissa e Cyrille, musica al femminile

Melissa Aldana e Cyrille Aimée saranno concerti al femminile al Jazz Club Perugia. La sassofonista cilena, con il suo quartetto, suonerà nella Sala Raffaello dell’hotel ...

21.11.2017

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

L'esclusiva di "Chi"

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

Fabrizio Frizzi passeggia con accanto la moglie Carlotta e la figlia Stella. Ecco le prime foto pubblicate in esclusiva dal settimanale "Chi" dopo l'ischemia che ha colpito ...

21.11.2017

Don Matteo tra scene natalizie e cena col cast

Spoleto

Don Matteo tra scene natalizie e cena col cast

E’ gia atmosfera natalizia a Spoleto grazie a Don Matteo. Tra luminarie, giochi di luce e una grande slitta che ha fatto capolino lunedì 20 novembre in corso Garibaldi dove ...

20.11.2017